Memes, geni egoisti e paranoia darwiniana

Sto rivedendo un libro del filosofo della scienza Peter Godfrey-Smith intitolato "Popolazioni darwiniane e selezione naturale". (Questa non è la recensione del libro, imminente). Godfrey-Smith fa un eccellente argomento ad un certo punto nel libro (capitolo 7 , dal punto di vista del gene) che i geni non sono affatto il genere di cose che Richard Dawkins e altri biologi pensano di essere. Per esempio, contrariamente alla visione standard, i geni non sono "unità di eredità" (e quindi non durano come "individui") per la semplice ragione che i crossing over (i processi molecolari che mescolano pezzi e pezzi di materiale genetico, il vera ragione per il sesso) non rispettano i confini del gene, ma piuttosto tagliano i geni in pezzi e li mescolano. Infatti, come sottolinea Godfrey-Smith, per questo ed altri motivi sofisticati biologi teorici stanno abbandonando del tutto i "geni", riferendosi invece al concetto più diffuso di "materiale genetico". Come dice PGS, questo è "una roba, non un'unità discreta. "

Il lettore interessato dovrà leggere il libro di PGS o aspettare la mia recensione (disponibile nelle recensioni filosofiche di Notre Dame) per saperne di più sulla questione della natura dei geni. Ma quello che mi ha colpito verso la fine di quel capitolo è l'insolita (e, credo, piuttosto avvincente) argomentazione di Godfrey-Smith che parlare di geni egoisti (e di meme) è un esempio di un più ampio discorso "agente-posatore" che è condiviso, di tutte le persone, da parte di alcuni biologi evoluzionisti (sebbene con tutti i mezzi non tutti, la vostra veramente una delle tante eccezioni) e teologi!

Ecco come PGS stesso ha caratterizzato il fenomeno: "Due schemi esplicativi possono essere distinti all'interno della categoria generale agente-posatore … Il primo è uno schema paternalista . Qui poniamo un agente grande e benevolo, che intende che tutto sia in fin dei conti per il meglio. Questa categoria include varie divinità, lo "Spirito del mondo" hegeliano in filosofia e forme più forti dell'ipotesi di "Gaia" secondo cui l'intera terra è un sistema vivente. Il secondo schema è paranoico . Ora poniamo una raccolta nascosta di agenti che perseguono obiettivi che tagliano trasversalmente o si oppongono ai nostri interessi. Gli esempi includono narrative di possedimenti demoniaci, le creature sub-personali della psicologia di Freud (superego, ego, id) e geni e meme egoistici. "

Devo dire che raramente sono colpito da un'idea abbastanza nuova che la mia prima reazione sia "wow". Questa è una di quelle istanze. C'è qualcosa di profondamente intellettualmente soddisfacente nel vedere improvvisamente fenomeni disparati come il dio di Agostino ei meme di Dawkins come aspetti diversi di una tendenza troppo umana all'agire del progetto dove non ce n'è. Per non parlare, ovviamente, del piacere ammesso che provo dall'immaginare Dawkins che sbronza al confronto.

Godfrey-Smith rimanda i suoi lettori a un altro autore, Richard Francis, che ha parlato in modo specifico di "paranoia darwiniana" nel 2004 "Perché gli uomini non chiedono indicazioni: le seduzioni della sociologia" e sottolinea che ci sono altri modi di pensare su fenomeni naturali che non richiedono ciò che Daniel Dennett ha definito la posizione intenzionale. Citando Dennett: "Ecco come funziona: prima si decide di trattare l'oggetto il cui comportamento deve essere previsto come agente razionale; allora capisci quali credenze deve avere quell'agente, dato il suo posto nel mondo e il suo scopo. Quindi scopri quali desideri dovrebbe avere, sulle stesse considerazioni, e infine prevedi che questo agente razionale agirà per promuovere i suoi obiettivi alla luce delle sue convinzioni. Un piccolo ragionamento pratico dall'insieme scelto di credenze e desideri nella maggior parte dei casi darà una decisione su ciò che l'agente dovrebbe fare; questo è ciò che prevedi che l'agente farà ".

La posizione intenzionale funziona bene quando si tratta di prevedere cosa potrebbero fare le persone (e in effetti è alla base del lavoro di Dennett sul libero arbitrio e sulla coscienza), ma è infido quando viene applicato a cose che non hanno un'agire (cosciente). Di nuovo Godfrey-Smith su come perseguire la ricerca in biologia ignorando del tutto la paranoia darwiniana: "Questo è il tipo di indagine in cui qualcuno chiede: supponiamo che una popolazione fosse così, e una tale e così una mutazione appaia, che cosa potrebbe accadere ? Pensare in questo modo non richiede l'idea che i geni siano "i beneficiari finali" di qualsiasi cosa. "E, potrei aggiungere, ci salverebbero da molte incomprensioni e acredine non necessarie generate da persone che usano il linguaggio centrato sugli agenti troppo facilmente e in modo troppo liberamente.

Solutions Collecting From Web of "Memes, geni egoisti e paranoia darwiniana"