Mele, arance e metateoria

Nota che questo autore ha pubblicato un libro dal titolo: "Illuminating Schizophrenia: Insights into the Uncommon Mind". Questo libro, anch'esso scritto sotto lo pseudonimo, Dr. Ann Olson, è disponibile per l'acquisto sul sito web di Amazon.com.

L'idea concettualizzata come la differenza tra mele e arance è comunemente discussa nella ricerca psicologica. Mentre le mele e le arance sono entrambi frutto, le differenze tra di loro li rendono forse meno paragonabili. Frutta, come banane, ciliegie, ananas, mango, mirtilli, pomodori, uva, pesche e albicocche e mele e arance, si differenziano per gusto, colore, consistenza, anzi, può essere difficile vedere quale comunanza li lega all'interno della categoria di frutta . Ma questa comunanza dedotta definisce frutto, e l'astrazione denotata dal termine "frutto" deriva dal riconoscimento di questa comunanza.

Questo articolo, basato sulla teoria e la metateoria del pensiero, in qualche modo implica i concetti di Piaget di assimilazione e accomodamento. Piaget ha ideato una teoria basata su categorie di mele e arance, ad esempio. La somiglianza tra mele e arance consente loro di essere assimilati alla categoria dei "frutti", mentre un incontro con un cavolo fa sì che un individuo crei una categoria astratta di "verdure"

Tuttavia, la nostra percezione di come diverse mele e arance si basano sulla nostra esperienza di loro. La comprensione di una mela o di un'arancia, in tutta la sua ricchezza di colore, consistenza, semi, gusto rappresenta una base per creare il termine astratto "frutto". "Frutta" può essere definita come "prodotti freschi", ancora come "cibo", e l'esperienza immediata di mele e arance può essere persa.

Questo argomento è vero per l'esperienza della psicosi. La persona psicotica può sperimentare allucinazioni uditive che definisce semplicisticamente come altre entità nella sua mente che parlano con lui. Mentre soccombe nel credere che queste entità siano "reali", la sua esperienza è distorta e può interpretare la sua percezione della realtà sia nel regno materiale che nel regno mentale come reale sulla base della sua esperienza viscerale di essi: essenzialmente e metaforicamente, egli definisce la sua esperienza come mele e arance. La differenza tra mele e arance non è davvero rilevante. Il punto è che l'esperienza delle mele e delle arance dell'ideazione psicotica diventa l'esperienza viscerale e immediata su cui poggia un sistema delirante forse in continua evoluzione.

In alternativa, l'individuo psicotico può essere presentato da teorie riguardanti l'attività biochimica del cervello. Va notato che la depressione, comunemente implicata nella psicosi, dipende dall'attività della serotonina, un neurotrasmettitore nel cervello. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, una classe di pillole antidepressive, come Prozac, Paxil e Zoloft, agiscono su potenziali d'azione che fanno sì che la serotonina attraversi le fessure sinaptiche, le fessure tra un neurone e l'altro. Come avviene in una persona depressa, non abbastanza Serotonina passa da un neurone all'altro per ridurre al minimo la depressione. Nella persona che soffre di depressione, la serotonina passa attraverso un processo di ricaptazione, che significa, in sostanza, che parte della serotonina che attraversa la fessura sinaptica viene prelevata dal primo neurone. Questo è quindi definito "reuptake". Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, o SSRI, inibiscono il processo di ricaptazione, consentendo così a più serotonina di passare da un neurone all'altro. Questo è il processo attraverso il quale gli SSRI trattano la depressione.

La teoria della biochimica del cervello rappresenta simbolicamente la persona malata di mente "prodotti freschi" o "cibo" in contrapposizione a una "mela" o un "arancia". La teoria di questo scrittore, a differenza della logica alla base della chimica del cervello, coinvolge la mente dell'individuo. Sottolinea in modo significativo l'importanza delle prime relazioni oggettuali in termini di una mente fratturata mediante proiezione su una parte oggettivata della mente, in cui sono compresi il soggetto, la persona malata di mente e l'oggetto (i) apparente (i), le sue allucinazioni uditive dalla persona delirante di essere "altre entità" nella sua mente.

Dovrebbe essere notato che questa comprensione della mente può sembrare avere una validità per la persona malata di mente, e così ha avuto l'idea di una terra piatta per molte persone in passato. La validità del volto implica l'idea che qualcosa è ciò che sembra essere, ed è noto che la validità del volto nel caso di allucinazioni uditive è illusoria. La teoria di questo scrittore ha lo stesso "difetto" dell'argomentazione sulla biochimica. È una metateoria e, in quanto tale, è rimossa dall'esperienza viscerale e immediata dell'individuo psicotico. È "cibo" e non "mela" o "arancia".

La maggior parte degli individui psicotici potrebbe non essere in grado di utilizzare il pensiero creativo e astratto con buoni risultati. Con una cacofonia di allucinazioni uditive nelle menti di alcuni individui psicotici, gli individui psicotici raramente raggiungono qualcosa di più che una stabilità, ma i sensi di sé spezzati, poiché la tumultuosa esistenza della malattia mentale in cui risiedono si deposita nella cronicità, forse un'accettazione della malattia da parte l'individuo psicotico.

Affrontare psicosi e allucinazioni uditive in particolare è estremamente doloroso psicologicamente. È noto che la psicosi implica sia la natura che l'educazione in termini di causalità. Mentre le medicine attenuano innegabilmente gran parte dell'angoscia della psicosi, un approccio terapeutico che l'individuo psicotico con tecniche umanistiche di empatia accurata, considerazione positiva incondizionata, genuinità e riflessione è fattibile. Se l'autorealizzazione e la congruenza tra il "sé reale" e il "sé ideale" sono possibilità per coloro che sono psicotici possono rimanere dubbi, ma lo scopo del trattamento terapeutico potrebbe essere la trasformazione dei regni mentale e comportamentale di tutte le persone che entrano in terapia .

Aderendo all'argomento che la psicosi può essere trattata con le sole medicine è controintuitiva, secondo l'opinione di chi scrive. Trattare con la realtà delle mele e delle arance della psicosi è in qualche modo promettente. Insegnare all'individuo psicotico la metateoria riguardante la biochimica cerebrale e la teoria della mente che questo autore propone come approcci al trattamento della psicosi può essere efficace nel creare un certo distacco dalla psicosi nell'individuo, sebbene le astrazioni coinvolte nelle teorie sulla biochimica – il cervello – e le teorie riguardo alla mente – come la teoria di questo scrittore è un esempio – sono forse difficili da comprendere per l'individuo psicotico nei termini della sua visione del mondo.

Solutions Collecting From Web of "Mele, arance e metateoria"