Melanie Greenberg sul cervello a prova di sforzo

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Melanie Greenberg

EM: Il tuo libro del 2017 è The Stress-Proof Brain. Puoi parlarci un po 'di questo e delle sue intenzioni?

MG: The Stress-Proof Brain uscirà a gennaio 2017 da New Harbinger. È progettato per i professionisti della salute pubblica e (mentale). Ti aiuta a gestire lo stress utilizzando strumenti psicologici basati su una comprensione scientifica della risposta allo stress del cervello.

Quando incontri lo stress, una parte del tuo cervello chiamata amigdala ti mette in "lotta o fuga". Gli ormoni adrenalina e cortisolo aumentano la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il glucosio mentre preparano il cervello e il corpo a scacciare la minaccia. Questa risposta è stata cablata in migliaia di anni. I problemi sorgono perché "combattere o fuggire" è così rapido e potente che può farti reagire in modo eccessivo o reagire impulsivamente agli stress e ai conflitti quotidiani.

Se lo stress diventa cronico, l'adrenalina e il cortisolo rappresentano un rischio per la salute a più lungo termine. Il libro mostra come utilizzare strategie come consapevolezza, percezione del controllo e consapevolezza emotiva per lenire l'amigdala. Quindi ti mostra come procedere in modo deliberato e ponderato usando la corteccia prefrontale o il centro esecutivo del cervello. Avere una mentalità di crescita, controllare il pensiero e la preoccupazione negativa, creare emozioni positive come l'eccitazione e essere grintosi sono i modi in cui la corteccia prefrontale può aiutarti a gestire il tuo stressante.

EM: Uno dei tuoi interessi è "dipendenze amorose". Puoi dirci qualcosa su cosa sono e su come aiuti le persone a superarli?

MG: "Le dipendenze amorose" è un termine che uso per descrivere le persone (spesso donne, ma possono essere anche gli uomini) che si attaccano alle relazioni distruttive. Non è una diagnosi clinica perché non è stato stabilito che è lo stesso processo di quello che riguarda l'abuso di sostanze.

Nonostante ciò, molti clienti si riferiscono al termine in quanto fornisce una sorta di abbreviazione per descrivere una serie di comportamenti come l'intensità emotiva confusa con l'intimità, la ricerca degli alti e bassi, il desiderio di un legame immediato e l'intensità emotiva senza prendere tempo per conoscere la persona e sopportare comportamenti incoerenti o addirittura violenti da parte del partner.

I cosiddetti "amanti dell'amore" sono spesso attratti da narcisisti o persone incapaci di vero amore e intimità. Provano voglie per la persona amata quando le respinge, o sentimenti di vuoto, auto-disprezzo e depressione (ritiro) quando cercano di abbandonare la relazione. C'è spesso un'insicurezza sottostante e può esserci una storia di trauma sessuale. È interessante notare che potrebbe esserci una base cerebrale per questi sintomi di astinenza. Le scansioni del cervello mostrano che la "passione" viene sperimentata in aree di ricompensa del cervello che comportano il rilascio di dopamina. Inoltre, il rifiuto romantico è sperimentato nelle aree del cervello che sono anche coinvolte nell'esperienza del dolore fisico.

EM: Un'altra tua specialità è il trauma. Come lavori con persone che hanno subito traumi?

MG: Prima faccio una valutazione approfondita dei sintomi e faccio una cronologia traumatica per vedere se il paziente è affetto da disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Mentre alcuni clienti sanno di avere PTSD, molti non lo fanno e potrebbero presentarsi con altri problemi come dipendenze, disturbi alimentari, depressione cronica, difficoltà nelle relazioni o disturbo borderline di personalità.

Uso EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione del movimento oculare) per aiutare a ridurre la reattività dei clienti ai ricordi traumatici. EMDR è stato sviluppato dalla Dr.ssa Francine Shapiro negli anni '80 ed è una strategia mente-corpo. Implica il richiamo personale del ricordo del trauma in parole, immagini e sensazioni corporee mentre allo stesso tempo guarda una bacchetta (o un dito) andare avanti e indietro.

I movimenti oculari mantengono la consapevolezza del cliente nella sicurezza della stanza di terapia nello stesso momento in cui ricordano il trauma. La teoria alla base dell'EMDR è che i traumi non elaborati sono immagazzinati in una forma sensoriale "grezza" non integrata nel cervello insieme a false credenze che il cliente accetta acriticamente (ad es. "Io sono cattivo" o "Io non sono sicuro"). L'elaborazione dei ricordi in questo modo aiuta a ridurre la reattività fisica a questi ricordi e può aiutare a cambiare le convinzioni negative ad un livello profondo nel cervello. EMDR è approvato dall'American Psychological Association come trattamento per PTSD ed è considerato come lo stato dell'arte.

EM: usi spesso "Schema Therapy" con clienti che hanno difficoltà relazionali a lungo termine, insicurezza o problemi di personalità. Cos'è la Schema Therapy?

MG: Schema Therapy è un approccio integrativo sviluppato dal Dr. Jeffrey Young. Il Dr. Young è stato il capo ricercatore di uno studio nazionale sugli effetti della terapia cognitiva (CBT) per la depressione. Ha scoperto che, per alcune persone, il trattamento non ha funzionato perché non potevano cambiare prontamente le loro convinzioni automatiche negative (ad esempio, "Sto per fallire") anche se sapessero a un livello razionale che non erano vero.

Ha sviluppato una nuova forma di terapia che ha combinato la CBT con alcuni principi di terapia gestalt e psicodinamica. La Schema Therapy aiuta a diagnosticare le credenze (o gli schemi) fondamentali delle persone che sono nate perché i loro bisogni fondamentali di sicurezza, nutrimento, empatia, guida, autonomia e così via non sono stati raggiunti da bambini.

Alcuni esempi di schemi sono la sfiducia e l'abuso in cui il cliente ha difficoltà a fidarsi di sé e degli altri o deprivazione emotiva in cui sente che gli altri sono incapaci o non disposti a soddisfare i suoi veri bisogni emotivi. Mentre alcune persone soccombono ai loro schemi (comportarsi come se fossero vere), altri evitano del tutto la situazione o sovracompensano (vanno all'estremo opposto). Gli schemi portano a modi di pensare e comportamenti ripetitivi che impediscono ai clienti di difendersi da soli, di parlare in modo autentico, di agire nel loro stesso interesse o di fare scelte di relazione sane. Di conseguenza, non sono in grado di soddisfare i loro veri bisogni come adulti. La Schema Therapy li aiuta a capire e modificare questi cicli.

**

La dottoressa Melanie Greenberg è psicologa clinica e autrice della contea di Marin, in California, specializzata in stress, traumi e relazioni. Scrive anche il blog Mindful Self-Express per Psychology Today ed è un esperto di media nazionali. Prima di entrare in uno studio privato, è stata professore di psicologia per oltre un decennio. Ha pubblicato articoli su riviste scientifiche. Inoltre presenta workshop di formazione continua per professionisti della salute. Il suo nuovo libro The Stress-Proof Brain uscirà a gennaio 2017 da New Harbinger.

Il blog Mindful Self-Express

Sito Web: http://www.drmelaniegreenberg.biz

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Per vedere il roster completo di 100 ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series