Meditazione: la massima disintossicazione mentale

Meditation Retreat

Se hai investito in qualsiasi momento a studiare salute e nutrizione, probabilmente hai sentito parlare di disintossicazione. Le persone giurano per i benefici per la salute associati al digiuno, alla pulizia del succo, ai coloni e altro ancora. La premessa di tutti questi trattamenti è la stessa: ci viene costantemente presentato cibo malsano e un ambiente inquinato. Quando liberiamo i nostri corpi dalle tossine, promuoviamo la guarigione. Anche se questo post non intende suggerire alcun particolare regime dietetico, quello che sto sostenendo è che noi regolarmente disintossichiamo le nostre menti.

Il pensiero di seconda mano è pericoloso per la nostra mente

Se fumiamo e decidiamo di smettere, ci vuole circa la metà del tempo in cui fumiamo perché i nostri corpi si riprendano completamente dal danno causato dalla dipendenza dalle sigarette. Quindi, se fumiamo da 10 anni e ci fermiamo, in genere ci vogliono cinque anni perché i nostri corpi si riprendano dalla nostra dipendenza.

La meditazione è per la nostra mente ciò che la cessazione del fumo è per i nostri corpi. Iniziamo a pensare in tenera età. E una volta che ci dedichiamo pienamente alla pratica, pensiamo all'infinito. Le nostre menti sono inondate da una raffica senza sosta di pensare e reagire.

Fuori da una buona notte di sonno, non otteniamo molte pause da questa chiacchierata mentale. Anche se non stiamo pensando, siamo circondati da stimoli esterni come la televisione, la musica e le conversazioni intorno a noi. Se fossimo amanti del tabacco, è come se fossimo fumatori a catena circondati da fumo passivo. Le nostre menti diventano così dipendenti dalla stimolazione che quando arriva il momento di posare la testa a dormire, spesso ci troviamo incapaci di staccare la spina dai commenti mentali.

Ma a differenza del fumo, che a un certo punto si ferma, anche se è solo nel sonno, ci siamo allenati a creare chiacchiere mentali tutto il giorno, senza sosta. Immagina se ci concedessimo ogni altra attività con tanto fervore: se mangiavamo tutto il giorno diventeremmo obesi. Se lavorassimo tutto il giorno, alla fine avremmo ferito il nostro corpo. Dopotutto, anche i migliori atleti hanno bisogno di riposo.

Insidie ​​del silenzio

Ho iniziato a meditare quando avevo circa 19 anni. Come studente universitario, studiavo così tanto che alla fine della giornata la mia mente faceva davvero male. Non era come un mal di testa: era un sovraccarico di informazioni. Il dolore era il risultato di ricevere così tante informazioni contemporaneamente, senza sosta. Quindi la meditazione è stata un gradito sollievo.

Ho imparato a fermarmi, sedermi, stare fermo e provare pace e rilassamento genuini. Ma mi ci sono voluti anni prima di sperimentare veramente una disintossicazione mentale. Ricordo un periodo in particolare quando mi sono iscritto per un ritiro di meditazione. Prima dell'inizio dell'evento, ascoltavo la musica mentre guidavo verso il ritiro. Per i primi due giorni dell'evento, i testi si ripetono più e più volte. Finalmente, il terzo giorno, riuscii a raggiungere il silenzio mentale.

Avanti veloce ad oggi. Adoro fare ritiri e mi diverto a vedere quanto tempo impiegano i partecipanti a riprendere le loro menti. Un sacco di volte, quello che succede è che quando diventiamo immobili, le cose sorgono; cose che non sapevamo nemmeno erano dentro di noi. Iniziamo a sentirli e ciò che sorge non sembra molto buono. Non è che questi sentimenti non siano mai stati lì. Non hanno mai raggiunto le nostre menti perché non abbiamo mai smesso abbastanza a lungo da permettere loro di emergere. All'inizio può essere schiacciante, persino spaventoso. Allo stesso tempo, il processo è anche molto salutare.

Ricordo la prima volta che ho fatto una disintossicazione del corpo. Sono scoppiata con macchie rosse che impiegarono circa due settimane per andare via completamente. Con il senno di poi, credo che la reazione della pelle sia il risultato del mio corpo che si sta liberando delle tossine. Le tossine non andavano via da sole, dovevo costringerle ad andarsene cambiando. È lo stesso per le nostre menti; hanno bisogno di pause. Dobbiamo dare alle nostre menti l'opportunità di lavorare attraverso le cose, di guarire e di migliorare.

Che cosa ci insegna la guerra sulla guarigione

Nel corso degli anni, ho lavorato con molti veterani di guerra nel mio studio privato. Quando tornarono dalla battaglia, pensarono che erano a posto perché erano sopravvissuti e gli eventi erano ormai alle spalle. Quando erano in combattimento e le loro menti erano in "modalità guerra". Combattevano e facevano ciò di cui avevano bisogno. Ora che erano a casa, all'improvviso si sarebbero abbattuti. Era un segno che era tempo di guarire, a meno che non si rivolgessero alle dipendenze per bloccare i sentimenti emersi.

Siamo come questi veterani. Abbiamo bisogno di tempo per fare il check-in e scoprire cosa succede nelle nostre menti e nei nostri cuori. In genere, continuiamo ad andare e andare e non riusciamo mai a capire cosa sta accadendo all'interno. Questa è la cosa bella di meditare regolarmente; ci permette di testimoniare come siamo.

Ma a volte abbiamo bisogno di un lungo periodo di tempo per dare una pausa alle nostre menti. Sì, è meraviglioso passare un'ora al giorno a meditare: mezz'ora al mattino e mezz'ora di notte. È anche meglio andare periodicamente in un giorno in cui ci si allontana da tutto, si rallenta e si ha molto tempo per stare fermi.

La cosa migliore di tutte, tuttavia, è che una volta all'anno, vai in un ritiro prolungato dove la tua mente è ancora per lunghi periodi di tempo. Suggerisco da cinque a sette giorni o anche di più se puoi. Di nuovo, sta disintossicando le nostre menti. Abbiamo bisogno di lunghi periodi di tempo per elaborare e guarire. Anche se non emerge nulla, è comunque vantaggioso perché abbiamo davvero bisogno di riposare la mente. Se puoi farlo solo una volta ogni cinque anni, ti accorgerai che ne è valsa la pena.

La chiave per i ritiri di meditazione è che abbiamo un sacco di silenzio. Premetto ciò che sembra ovvio perché possiamo essere impegnati, anche se siamo in un posto tranquillo. Ad esempio, anche leggere e studiare richiede un commento mentale, quindi è importante meditare regolarmente fino al punto in cui veramente chiudiamo le nostre menti.

Impegnati in una pratica di meditazione ogni giorno. Poi per tutta la giornata, concediti mini-pause alla tua mente. Infine, una volta all'anno, o anche più spesso, partecipa a un ritiro di meditazione. Il silenzio ti dà pace che supera la comprensione. Regolare disintossicazione mentale è una delle esperienze più trasformazionali che tu possa mai avere.

Solutions Collecting From Web of "Meditazione: la massima disintossicazione mentale"