Meditazione e Consapevolezza: Parte I, Meditazione Permanente calma

Nel corso degli anni, ho scoperto che il dolore e la sofferenza associati alla malattia di Lyme e ai disturbi trasmessi dalle zecche non si manifestano solo come sintomi fisici, ma hanno una forte componente emotiva. La stragrande maggioranza dei miei pazienti condivide con me la propria vita emotiva e le loro esperienze vanno da una leggera tristezza a una grave depressione, con elementi di ansia, vergogna, rabbia, senso di colpa, paura e dolore.

A volte queste emozioni sono direttamente correlate ai loro sintomi fisici e si occupano della loro malattia in corso. Tuttavia, alcuni sperimentano disturbi da stress post-traumatico che derivano da problemi completamente estranei alla loro malattia di Lyme. Questo può spesso includere abusi emotivi, fisici e sessuali. Questi sono i pazienti che sono i più difficili da trattare. Esistono prove del fatto che un trauma precoce può danneggiare il sistema immunitario e rende questi individui, una volta infetti, più vulnerabili alle peggiori devastazioni della malattia. Tuttavia, so che una volta che hanno raccolto il coraggio di andare nel loro dolore e sofferenza e di trasformarlo, avranno una guarigione più facile. Ho visto questo accadere più e più volte.

Quando i pazienti mi parlano delle loro emicranie, della sindrome dell'intestino irritabile e dell'asma, so che è possibile che qualche ferita emotiva sottostante possa contribuire alla malattia. Questo fenomeno è stato descritto in dettaglio nella letteratura scientifica. Non sto dicendo che l'emicrania non può essere scatenata da allergie alimentari, mancanza di sonno, stress, ipoglicemia e carenze nutrizionali, così come la malattia di Lyme con co-infezioni. Eppure la mia esperienza clinica mi ha convinto che stiamo portando in giro le nostre emozioni all'interno del nostro corpo e che hanno un profondo effetto sulla nostra salute.

Libri come LA BIOLOGIA DEL CREDITO di Bruce H Lipton e MOLECOLE D'EMOZIONE di Candace Pert discutono di studi sulla psiconeuroimmunologia, la complessa interazione tra fattori psicosociali come stress e traumi e il sistema nervoso, cardiovascolare, endocrino e immunitario. Sappiamo che il sistema immunitario può essere influenzato dal mondo esterno. Ad esempio, alti livelli dell'ormone dello stress cortisolo possono scatenare la morte cellulare dei globuli bianchi e altri cambiamenti nei processi infiammatori durante le esperienze traumatiche. In questo modo la mente e il corpo lavorano come un tutt'uno. Lavorare con la mente e imparare a trovare la pace nel mezzo del dolore e della sofferenza è essenziale quando si ha a che fare con una malattia significativa. Questo è dove la pratica della meditazione può essere di immenso beneficio.

Meditazioni per calmare la mente e guarire il corpo:

Coloro che praticano la meditazione sanno che è accessibile a tutti noi. Ho avuto l'opportunità di studiare la meditazione per più di 30 anni con maestri di meditazione della scuola Kagyu del buddismo tibetano. Hanno tramandato un lignaggio ininterrotto di insegnamenti di 2500 anni fa che è ancora accessibile e fresco oggi. Questi insegnamenti ci permettono di sviluppare una maggiore gentilezza amorevole e compassione per noi stessi e gli altri, e permettono di sperimentare direttamente una profonda pace e gioia che potrebbe non essere stata precedentemente conosciuta dall'individuo, avendo un'esperienza diretta della mente stessa. Mentre impari a calmare la tua mente e ad ascoltare il corpo, il corpo pronuncerà la sua "verità", permettendo al nostro potenziale innato nascosto di emergere, avendo infine un effetto curativo.

La meditazione ha dimostrato di avere benefici per la salute scientifica che possono aiutarci nella nostra guarigione e nel mantenere il nostro benessere. Viviamo tutti in un mondo frenetico, sfidato da circostanze potenzialmente stressanti. Le tecniche di gestione dello stress che includono il rilassamento dimostrano i benefici più consistenti. La meditazione può essere un modo per silenziare l'impatto di eventi stressanti sulle nostre vite e ci dà la possibilità di sperimentare questo profondo rilassamento. È come fare una mini-vacanza nel bel mezzo di una vita lavorativa intensa.

I benefici per la salute della meditazione furono studiati per la prima volta dal Dr. Herbert Benson ad Harvard, quando studiò la risposta al rilassamento. Ha scoperto che ci sono stati numerosi effetti benefici della meditazione sulla nostra fisiologia, compresa una diminuita attività del sistema nervoso simpatico con una diminuzione della frequenza cardiaca, della frequenza respiratoria e dei livelli di cortisolo, così come un ridotto consumo di ossigeno, diminuzione dei livelli di lattato nel sangue, implicando un metabolismo migliore attività, con un aumento delle onde alfa e theta sull'EEG (stati di coscienza più profondi e più tranquilli), con simmetria emisferica (modelli simmetrici di onde cerebrali sia nel cervello destro che nel cervello sinistro).

Dall'introduzione di Benson alla risposta al rilassamento nel 1975, altri ricercatori hanno dimostrato i benefici della meditazione sulla salute e sulla guarigione. Ad esempio, uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology, ha rilevato che la pratica della meditazione amorevolezza prodotta aumenta nel tempo nelle esperienze quotidiane di emozioni positive, che hanno prodotto aumenti in una vasta gamma di risorse personali (ad es. consapevolezza, scopo nella vita, sostegno sociale). A loro volta, questi incrementi nelle risorse personali prevedevano un aumento della soddisfazione di vita e una riduzione dei sintomi depressivi, oltre a una diminuzione dei sintomi della malattia del paziente. Studi simili hanno verificato lavori precedenti, in cui la meditazione basata sullo stress basato sulla consapevolezza ha dimostrato di avere benefici per la salute, come la diminuzione dell'ansia, consentendo ai pazienti di affrontare meglio la loro malattia.

Una semplice pratica di meditazione che condivido spesso con i miei pazienti ha tre parti. La prima parte è la motivazione alla base della meditazione, la seconda parte è la pratica meditativa stessa, e la terza parte implica una dedizione al merito dopo aver completato la pratica.

La motivazione dietro la meditazione è importante. Stiamo certamente meditando perché vogliamo trovare pace e felicità e alleviare la nostra stessa sofferenza. Ma anche altri soffrono e se sviluppiamo una più ampia motivazione di amorevole benignità e compassione per gli altri, allora secondo i miei insegnanti, la pratica della meditazione porterà il frutto più grande. L'amore è voler che gli altri siano felici e la compassione vuole che gli altri siano liberi dalla sofferenza. La gentilezza amorevole e la compassione sono il più alto livello di motivazione e preparano il terreno per una pratica di successo.

Poi abbiamo la stessa pratica di meditazione, che è anche divisa in tre parti. La prima parte è la meditazione dimorante calma, la seconda parte è la meditazione profonda, e la terza parte è la meditazione Mahamudra, che integra simultaneamente la meditazione calma e profonda. Discuteremo della meditazione dimorante calma in questo articolo e della meditazione di intuizione / Mahamudra nella parte II di questa serie.

Infine, quando abbiamo finito con la pratica della meditazione, dedichiamo il merito per il bene di tutti gli esseri senza limiti nel tempo e nello spazio. Qualunque sia la qualità che potresti sviluppare da questa meditazione, usali per beneficiare te stesso e gli altri, che è l'essenza della virtù. Seguendo questo processo in tre fasi, imparerai ad accedere agli stati di meditazione più profondi calmando la mente e poi esaminando la natura di ciò che si presenta in quello stato.

Prima di iniziare

Puoi iniziare a praticare la meditazione in brevi sessioni di cinque minuti, e infine espanderla fino a mezz'ora al giorno. Tutto ciò di cui hai bisogno è uno spazio in cui puoi stare tranquillo e solo durante la pratica.

La tua postura fisica è importante quando mediti. Ciò consente il corretto flusso di energia durante la pratica in modo che non ci addormentiamo o diventiamo troppo agitati. Sii libero, facile e profondamente rilassato con la postura! Non forzare la postura e non tenere il corpo troppo stretto o troppo largo. Sii semplicemente consapevole della postura del tuo corpo e cerca gentilmente di tenere presenti i seguenti sette punti essenziali mentre esegui i diversi esercizi di meditazione.

1. Siediti con le gambe incrociate su un cuscino (posizione sattva), o se sei un meditatore esperto e hai esperienza nello yoga, puoi sedere in una postura piena di loto (postura del vajra). Non forzare mai la posizione. Se uno di questi è troppo difficile, siediti semplicemente su una sedia.

2. Posiziona le braccia e le mani in modo che le mani siano piegate sul grembo con la mano destra poggiata sulla mano sinistra ("gesto di equanimità"), oppure le mani sono posizionate sulle ginocchia, con i palmi rivolti verso il basso, con le dita estese verso il terreno ("il gesto della facilità").

3. Sedersi con la schiena dritta e in posizione verticale su una sedia o un cuscino. Ciò consente alle energie dei canali sottili di fluire più liberamente e dritte, consentendo alla mente e all'attenzione di rimanere a proprio agio.

4. Estendi le spalle e i gomiti finché non sono dritti.

5. Inclinare leggermente il collo e piegare leggermente il mento verso il petto.

6. Collegare la punta della lingua al palato. Questo aiuta a fermare il flusso di saliva eccessiva.

7. Tieni gli occhi aperti, guardando verso la punta del naso (45 gradi verso il basso)

La prima meditazione: calma meditazione permanente

Nella postura seduta descritta sopra, eseguirai la seguente meditazione per cinque minuti, tre volte al giorno. Nel corso del tempo, puoi combinare queste sessioni in una sessione più lunga, aprendo la strada a una durata complessiva di una sessione di 30 minuti una volta al giorno. Se sei nuovo in una pratica di meditazione, lavora con questo esercizio finché non sei distratto dai tuoi pensieri e sentimenti. Quando ciò accade, saprai che sei pronto per passare alla meditazione profonda.

Esistono due diverse tecniche che possono essere utilizzate: calma meditativa rispettosa con un sostegno e calma meditazione dimorante senza supporto. Il primo è praticato scegliendo un supporto mentale come un oggetto fisico, come un piccolo ciottolo, un fiore, un'immagine, una statua o rimanendo focalizzato sul tuo respiro. La tecnica è semplicemente quella di mettere gentilmente la consapevolezza sull'oggetto. Non esaminare l'oggetto e discutere mentalmente le sue qualità, usa semplicemente l'oggetto come modo per ancorare la tua attenzione. Non seguire i pensieri del passato (il passato se n'è andato), non seguire i pensieri del futuro (dove la paura giace), e non seguire i pensieri del presente (che sono andati nel momento in cui lo noti). Basta porre abbastanza attenzione sull'oggetto per ancorare la mente e non essere distratto. Consapevolezza e consapevolezza costanti sono necessarie. Se perdi la tua consapevolezza e la tua attenzione si allontana dall'oggetto della meditazione, come è probabile che faccia, una volta che ti accorgi di essere stato distratto, riporta la tua attenzione all'oggetto.

Un modo semplice per praticare la meditazione dimorante calma è concentrarsi sul proprio respiro. Guarda il tuo respiro entrare attraverso le narici e guardarlo uscire. Respirare naturalmente, e cercare di seguire il respiro senza distrazioni per diversi minuti mentre la mente è in uno stato aperto e rilassato. Un'altra variante di questa pratica è contare il respiro venti volte, dove un respiro e un respiro sono contati come un respiro. Se arrivi a ventuno senza essere distratto, ricomincia da capo. Se noti che hai dimenticato il numero su cui ti trovi o non stai più guardando il respiro, ricomincia a contare. Questo metodo ci consente di monitorare i nostri progressi e vedere fino a che punto possiamo arrivare prima di essere distratti.

Una volta raggiunto un certo livello di stabilità con la pratica della meditazione, in cui la mente non viene più spesso distratta mentre osserva l'oggetto, puoi praticare una meditazione calma e calmo senza un sostegno. Ciò significa che fissi semplicemente la tua attenzione sulla mente, senza il supporto del respiro o di un oggetto fisico. Se ti distrai dai pensieri, riporta la tua attenzione alla mente. Di nuovo, non seguire pensieri del passato, pensieri del presente o pensieri del futuro. Non bloccare i pensieri e non analizzarli in modo concettuale. Sii naturale e riposati semplicemente senza distrarti guardando la tua mente, riposando nella natura di qualsiasi cosa si presenti. Puoi alternare il calmo dimorando su un oggetto e calmo la meditazione costante senza un oggetto durante la stessa sessione di meditazione. Puoi anche mantenerlo fresco cambiando di tanto in tanto gli oggetti di meditazione durante la stessa sessione o in sessioni diverse.

Ostacoli per superare

Ci sono due ostacoli principali che sorgono frequentemente nella meditazione che entrambi causano distrazione: sonnolenza e agitazione. Se diventi sonnolento, raddrizza la tua postura e alza lo sguardo. Se questo non funziona, immagina un loto bianco all'altezza del tuo cuore con una piccola sfera luminosa delle dimensioni del pisello che si trova al centro del loto. Questo pisello è bianco all'esterno e rosso all'interno e rappresenta la tua mente e consapevolezza. È la natura della luce e non dovrebbe essere visualizzato come un oggetto solido. Con un'espirazione forzata, immagina di sparare a questa piccola sfera attraverso la parte superiore della testa nello spazio. Continua a visualizzare questa sfera bianca luminosa nello spazio sopra la tua testa fino a che la sonnolenza si risolve.

Il secondo ostacolo alla meditazione è l'agitazione: quando cerchi di sistemare la tua mente, la cosa viene presa dai pensieri. I rimedi per questo includono il taglio dei pensieri alla radice: prendi l'atteggiamento dall'inizio che non sarai coinvolto in alcun pensiero durante la meditazione, non importa quanto sia interessante. Se diventi troppo agitato, rilassa la tua postura, abbassa lo sguardo e, se questo è inefficace, immagina un loto nero a quattro petali capovolto a livello del cuore (anche della natura della luce) con una sfera di luce di dimensioni scure del pisello nel suo centro Immagina questa sfera che viaggia lentamente attraverso il corpo nella terra. Continua a visualizzare questa sfera pesante e oscura senza distrazioni fino a quando l'agitazione non si risolve.

La pratica rende perfetti. Prendi alcuni minuti fuori ogni giorno per praticare queste semplici istruzioni di meditazione. Non giudicare i tuoi progressi, perché abbiamo tutti l'abitudine di permettere alle nostre menti di vagare verso il passato o il futuro, e di rimanere intrappolati nelle interminabili chiacchiere della mente. Ci vuole tempo per sviluppare la non distrazione e familiarizzare con lo stato mentale aperto e rilassato, quindi sii paziente. Nel nostro mondo frenetico e stressante, prendere un "time out" per connettersi con noi stessi e raggiungere uno stato mentale più profondo e più calmo non è solo una buona idea. Per la nostra salute mentale, emotiva e fisica, è un passo importante sulla strada della salute e della guarigione.

Dr. Richard Horowitz

Queste istruzioni di meditazione sono tratte dal libro recentemente pubblicato dal Dr. Richard Horowitz "Why Can not I Get Better? Risolvere il mistero di Lyme e malattia cronica ", disponibile attraverso la stampa di St Martin.

www.cangetbetter.com

www.facebook.com/DrRichardHorowitz

Riferimenti scientifici:

Coe, CL (2010). Tutte le strade portano alla psiconeuroimmunologia. In JM Suls, KW Davidson, e RM Kaplan (a cura di), Manuale di psicologia della salute e medicina comportamentale (pagine 182-199). NY: The Guilford Press

Benson, H. (1975). La risposta di rilassamento . NY: Morrow.

Kiecolt-Glaser, JK, McGuire, Robles, & Glaser, R. (2002). Psiconeuroimmunologia e medicina psicosomatica: ritorno al futuro. Medicina psicosomatica. 64 , 15-18.

Segerstrom, SC, & Miller, GE (2004). Stress psicologico e sistema immunitario umano: uno studio di meta-analisi su 30 anni di ricerca. Bollettino psicologico, 130 , 601-630.

Robles, TF, Glaser, R., Kiecolt-Glaser, JK Out of balance: un nuovo look per lo stress cronico, la depressione e l'immunità. Indicazioni attuali in Scienze psicologiche, 14, 111-115, 2005.

Wallace, RK, & Benson, H. (1972). La fisiologia della meditazione. Scientific American, 226, 84-90.

Alexander, CN, Robinson, P., Orme-Johnson, DW, Schneider, RH, e Walton, KG (1994). Gli effetti della meditazione trascendentale rispetto ad altri metodi di rilassamento e meditazione nel ridurre fattori di rischio, morbilità e mortalità. Omeostasi, 35 , 243-263.

Carrington, P., Collins, GH, Benson, H. et al. (1980). L'uso di tecniche di rilassamento della meditazione per la gestione dello stress in una popolazione attiva. Journal of Occupational Medicine, 22, 221-231.

Fredrickson, B. et al. (2008). I cuori aperti costruiscono vite: le emozioni positive, indotte attraverso la meditazione della gentilezza amorevole, costruiscono risorse personali consequenziali. Journal of Personality and Social Psychology, 95, (5), 1045-1062.

Grossman P., et al. (2004). Riduzione dello stress basata sulla consapevolezza e benefici per la salute. Una meta-analisi. Journal of Psychosomatic Research 57 , 35-43

Davidson, R. J., Kabat-Zinn, J., Schuacher, J., et al. (2003). Alterazioni nel cervello e nella funzione immunitaria prodotte dalla meditazione della consapevolezza. Medicina psicosomatica, 65 , 564-570.

Davidson, RJ, & McEwen, BS (2012). Influenze sociali sulla neuroplasticità: stress e interventi per promuovere il benessere. Nature Neuroscience, 15 (5), 689-695.

Goyal M., et al. (2014). Programmi di meditazione per lo stress psicologico e il benessere. Una revisione sistematica e una meta-analisi. JAMA Internal Medicine, Accessed on line il 26 gennaio 2014.

http://archinte.jamanetwork.com/article.aspx?articleid=1809754

Solutions Collecting From Web of "Meditazione e Consapevolezza: Parte I, Meditazione Permanente calma"