Medita proprio come i marines americani

Un gruppo di marines statunitensi siedono a gambe incrociate sull'erba nella caserma di Quantico in Virginia. I fucili M16 sono appesi alle loro spalle. Le etichette per cani stanno saltando pigramente nella brezza. È stata una lunga giornata di allenamento contro-insurrezionale e di esercitazioni di armi avanzate.

Ora è tempo di meditare nel sole della sera.

Ogni marine chiude gli occhi e respira dolcemente dentro e fuori. A uno a uno iniziano a rilassarsi. Le loro spalle larghe e le casse potenti si muovono presto in armonia fluida con il loro respiro. I muscoli annodati si spiegano. I denti stretti si allentano. I loro volti sudici sono presto l'immagine di una tranquillità pacifica.

Sebbene offra una vista incongrua, i marines statunitensi stanno abbracciando un'antica forma di meditazione nota come "consapevolezza" e riportano risultati notevoli.

Dopo otto settimane di meditazione per soli 15 minuti al giorno, i soldati sono molto più bravi a fronteggiare l'ansia, lo stress, la depressione e l'insonnia. Li aiuta a stare calmi e concentrati nel vivo della battaglia, migliorando nel contempo la forma fisica e mentale complessiva.

"Dopo il corso, non ero più un disadattato", afferma il maggiore Jeff Davis, un ufficiale di fanteria di 40 anni. 'Non ho avuto problemi a concentrarmi quando ero arrabbiato. Non riesco a pensare ad alcun aspetto della mia vita che non mi abbia aiutato con '.

Non sono solo i marines statunitensi che usano la meditazione della consapevolezza. Ruby Wax è un appassionato. Star di Hollywood come Goldie Hawn l'hanno abbracciato. E gli accademici di Oxford e Cambridge insegnano ai loro studenti per aiutarli a far fronte allo stress degli esami.

La consapevolezza ora è diventata uno degli argomenti più caldi nella salute mentale. Uno studio, nel Journal of Clinical Psychology , ha dimostrato che aumenta la felicità e il benessere, mentre uno studio importante in Scienze psicologiche ha rivelato che questi cambiamenti aiutano i meditatori regolari a vivere vite più lunghe e più sane. Altre ricerche hanno dimostrato che migliora la memoria, la creatività e i tempi di reazione. Inoltre stimola il sistema immunitario e abbassa la pressione sanguigna.

Solo negli ultimi mesi, gli studi hanno dimostrato che la consapevolezza può aiutare con l'artrite reumatoide, la sindrome da stanchezza cronica e potrebbe anche aiutare la perdita di peso.

La consapevolezza, sebbene abbia le sue radici nel Buddhismo, è un tipo interamente secolare di "allenamento del cervello". È anche ingannevolmente semplice. Semplicemente sta prestando attenzione piena e sincera a una singola cosa alla volta – di solito il respiro mentre fluisce dentro e fuori dai polmoni. Concentrarsi su ogni respiro in questo modo ti permette di osservare i tuoi pensieri mentre sorgono nella tua mente e, a poco a poco, di lasciar andare lottando con loro.

Questo gradualmente ti spegne la dipendenza compulsiva per giudicare tutto come "buono" o "cattivo". Questo flusso di commenti mentali alimenta il senso di disagio di fondo e inquietudine che guida l'ansia, lo stress e la depressione.

Se trascorri un po 'di tempo ogni giorno "vivendo nel momento" osservando il modo in cui i pensieri entrano nella tua mente, i modi di pensare negativi vanno semplicemente nella sabbia. Diventi molto meno autocritico e distruttivo.

Il professor Mark Williams, psicologo clinico dell'Università di Oxford e coautore del best seller Mindfulness: Finding Peace in a Frantic World , afferma: "La consapevolezza riguarda l'essere compassionevoli con se stessi".

"La consapevolezza ti insegna a trattare i sentimenti di infelicità e stress come se fossero nuvole nere nel cielo e a guardarli mentre passano. Ti permette di cogliere i pensieri negativi prima che ti facciano cadere in una spirale discendente. "

"Solo 10-20 minuti al giorno di meditazione consapevole possono avere un beneficio significativo sulla salute mentale e sul benessere generale."

Le mie esperienze personali con la consapevolezza sono state nientemeno che notevoli. L'ho incontrato per la prima volta sei anni fa in seguito ad un incidente in parapendio che mi ha quasi lasciato paralizzato in modo permanente.

Il mio calvario è iniziato quando una folata di vento mi ha colto di sorpresa mentre volavo sopra le Cotswold Hills nel sud dell'Inghilterra. Un momento il mio parapendio stava volando normalmente, la sua ala successiva era crollata, facendomi cadere a testa in giù sul pendio di una trentina di metri più in basso.

Dopo un momento di silenzio attonito, fui colpito dal dolore più angosciante che si potesse immaginare. Presto ho capito perché; la metà inferiore della mia gamba destra era stata spinta attraverso il mio ginocchio e nella mia coscia. Potevo vedere il contorno del mio stinco fratturato sollevando il tessuto dei miei jeans. Sono andato rapidamente in stato di shock e il mio corpo è stato devastato da violenti spasmi incontrollabili.

Mentre giacevo sul fianco della collina, mi ricordai di una forma di meditazione che mi era stata insegnata a scuola come metodo per affrontare i nervi degli esami. Nel corso degli anni l'ho usato sempre per affrontare i soliti stress e le tensioni della vita quotidiana, ma mai nei momenti di dolore fisico e sofferenza. Sapevo che la meditazione era stata usata come antidolorifico e, per pura disperazione, iniziai a meditare.

Ho iniziato costringendomi a respirare lentamente e profondamente, a concentrarmi sulle sensazioni che il respiro faceva mentre fluiva dentro e fuori dal mio corpo. Mi sono immaginato in un bellissimo giardino e immaginavo di inalare la sua aria tranquilla mentre lo facevo. A poco a poco, respiro dopo respiro, il dolore si fece più distante. Sembrava meno "personale", quasi come se lo stavo guardando in TV – o attraverso una nebbia sottile – piuttosto che sperimentarlo direttamente. Mi ha aiutato a far fronte all'arrivo dell'ambulanza con una dose di morfina di benvenuto.

Risultò che avrei avuto bisogno di tre operazioni importanti per ricostruire la mia gamba. Avevo anche bisogno di un dispositivo appena inventato, una Taylor Spatial Frame, da fissare chirurgicamente alla gamba per un massimo di 18 mesi per riparare il danno. Costituito da quattro anelli equidistanti che circondavano la mia gamba, la cornice sembrava un incrocio tra un set di Meccano e un dispositivo di tortura medievale. Quattordici raggi metallici e due bulloni collegavano questi anelli ai frammenti di osso all'interno della mia gamba, e permettevano al chirurgo di spostare i frammenti all'interno.

Come puoi immaginare, la vita con la cornice era intollerabile. Il sonno era praticamente impossibile e il dolore causato dalle mie ferite era controllato solo da potenti farmaci che mi lasciavano sfinito e stanco. Mi sentivo profondamente ansioso, irritabile e molto stressato. Era chiaro che nessuna quantità di "pensiero positivo" poteva sollevare il mio umore, così ho deciso di trovare un modo alternativo di affrontare il mio stress e il mio dolore.

Presto ho appreso di una tecnica nota come terapia cognitiva basata sulla consapevolezza (MBCT) che era simile alla forma di meditazione che avevo usato come antidolorifico improvvisato dopo il mio incidente. È stato sviluppato dal professor Mark Williams e dai suoi colleghi delle università di Oxford, Cambridge e Toronto per il trattamento della depressione. Sette importanti studi clinici hanno dimostrato di essere almeno altrettanto efficaci dei farmaci o della consulenza per il trattamento della condizione. In realtà, è ora uno dei trattamenti preferiti per la depressione raccomandato dall'Istituto nazionale per la salute e l'eccellenza clinica.

L'MBCT è anche un trattamento molto efficace per l'ansia, lo stress e l'esaurimento – condizioni che mi erano diventate fin troppo familiari dopo il mio incidente. Sono convinto che la mia pratica regolare della consapevolezza sia uno dei motivi principali per cui ho recuperato dalle mie ferite in un doppio-tempo veloce: il telaio della gamba è stato rimosso dopo appena 17 settimane invece dei normali 6-18 mesi.

Le mie esperienze con la consapevolezza non sono uniche. I medici ora lo usano per aiutare i pazienti a far fronte al dolore e alla sofferenza cronici. Tale è il potere della consapevolezza che puoi effettivamente vedere i benefici radicarsi nel cervello.

Il programma della BBC's Breakfast ha recentemente seguito Fiona Assersohn e il loro corrispondente artistico e culturale David Sillito mentre frequentavano un corso di consapevolezza. Gli scienziati dell'Istituto di Psichiatria di Londra hanno monitorato i loro progressi utilizzando uno scanner cerebrale. Sono apparso nel programma per discutere il significato delle loro scoperte.

Fiona ha sofferto della paralizzante malattia autoimmune lupus per molti anni. La malattia la lasciò con dolore quasi costante nelle sue spalle, collo e altre articolazioni principali. Puoi persino "vedere" la sua sofferenza usando uno scanner cerebrale. Le parti del suo cervello associate al dolore e al tumulto emotivo che segue nella sua scia erano illuminate come un albero di Natale.

Dopo la meditazione, tuttavia, accadde qualcosa di straordinario: la sua attività cerebrale era visibilmente più calma e più serena.

"Non è che il dolore scompaia", dice Fiona. "È che diventa più gestibile. Può essere messo al suo posto e affrontato. Ora uso sempre la consapevolezza e mi aiuta con il mio dolore. '

David Sillito ha riportato ugualmente profondi benefici. Prima di meditare, il suo cervello era chiaramente sotto stress, ma in seguito era visibilmente più calmo.

"Ho decisamente deciso di andare avanti", dice.

I benefici della consapevolezza appaiono dopo poche sedute di meditazione, ma si accumulano anche nel tempo. I ricercatori del Massachusetts General Hospital in America hanno scoperto che se le persone continuano a meditare per diversi anni, la struttura fisica del cervello è alterata in meglio. Il termostato emozionale del cervello viene resettato e viene rimosso da un "grilletto".

Dato il tempo, questo significa che è più probabile che tu sia felice piuttosto che triste, sempre più probabile che tu viva con facilità piuttosto che essere arrabbiata o aggressiva, ed essere stimolata piuttosto che stanca e svogliata. Questi sono i benefici riportati dai marines americani che hanno seguito un allenamento di consapevolezza.

Hermes Oliva, un medico della Marina assegnato ai Marines, inizialmente era altamente scettico ma "fece 180" una volta che era di stanza nella provincia irachena di Anbar.

"Nella mia tenda di notte da solo, ho iniziato a fare quegli esercizi", dice. "Mi aiuterebbe a riconoscere i sintomi dello stress nel mio corpo prima che diventassero fuori controllo. Mi ha aiutato a farcela. "

Scarica le meditazioni di esempio da QUI.

Consapevolezza: un piano di otto settimane per trovare la pace in un mondo frenetico

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito web di Frantic World.

Solutions Collecting From Web of "Medita proprio come i marines americani"