Medici, stai ascoltando?

Photodune
Fonte: Photodune

La depressione postpartum sta ricevendo molta attenzione. Questo è buono.

Screening, advocacy, legislazione, formazione professionale, si posizionano tutti per catturare le donne dopo il parto quando cadono, così possiamo aumentare la probabilità che ottengano il trattamento di cui hanno bisogno, si sentano meglio e ritornino al loro precedente livello di funzionamento.

Così ho chiacchierato con varie dottorande di mia competenza. "Cerchi una depressione postpartum?" Chiesi.

Ecco alcune delle risposte:

1. Mezzo sorriso. (leggi: sapevo che stavi per chiedermelo, ho paura che ti deluderò) "Un po '. Voglio dire, se un mio paziente ha un nuovo bambino, chiedo loro come stanno facendo. "

Ugh.

2. "Ha. Sul serio. Non abbiamo tempo di farlo. "

Oh mamma.

3. "Stiamo pensando di mettere insieme qualcosa, ma non vediamo davvero molte donne con depressione postpartum".

Veramente? Sei sicuro di questo?

4. No. Non lo facciamo. Dovremmo farcela. Aggiungilo alla lista delle cose che devo raggiungere. Per come la vedo io, se si sente abbastanza male, ce lo farà sapere. "

Sbagliato.

La maggior parte delle donne che soffrono dopo il parto non inizieranno questa conversazione da sole. Questo perché il loro bisogno di mantenere il controllo è feroce quanto la loro paura stanno impazzendo.

Le donne con depressione e ansia postpartum perdono l'accesso alle cure e alle cure quando la loro squadra medica non riesce a comprendere la natura della loro malattia.

Se 1 su 7 donne che entrano nel tuo ufficio sta sperimentando sintomi di depressione o ansia che soddisfano i criteri diagnostici per un disturbo dell'umore e dell'umore maggiore che include il potenziale di suicidio, sei a tuo agio lasciandosi guidare e aspettalo richiamare l'attenzione su se stesso?

Sarebbe importante se tu sapessi che questi tuoi pazienti hanno preso tempo per truccarsi e avere un bell'aspetto, quindi penseresti che tutto sia a posto e hanno lasciato il tuo ufficio disperato credendo che nessuno possa aiutarli?

Cambieresti le tue politiche se una donna nella tua pratica decidesse che non potrebbe più sopportare questa duplicità e non potrebbe sostenere la finzione di apparire buona contro i pensieri oscuri che invadono la sua mente e il suicidio si è sentito l'opzione migliore per lei?

Modificheresti il ​​tuo protocollo di screening se quella donna che stava soffrendo fosse tua sorella o tua figlia o tua moglie?

La spinta per lo screening universale è eccellente. Ma non è abbastanza. Lo stigma è enorme e rimane uno dei maggiori ostacoli che ostacolano la divulgazione di una donna. Se gli operatori sanitari non cambiano il loro atteggiamento nei confronti dei rischi e delle realtà della salute mentale perinatale, le donne non correranno il rischio di rivelare come si sentono anche se lo screening ha luogo.

I medici dovrebbero affrontare i problemi della salute mentale materna con la stessa serietà con cui affrontano una crisi fisica.

Aggiungere questo alla litania di domande e valutazioni personali e mediche non dovrebbe essere un'opzione.

Prendersi cura delle esigenze fisiche e mediche di una donna è fondamentale. Mettendo i suoi bisogni di salute mentale in fondo a quella lista, o ignorandoli completamente è semplicemente un'assistenza sanitaria insufficiente.

copyright 2016 Karen Kleiman, MSW, LCSW

postpartumstress.com

Solutions Collecting From Web of "Medici, stai ascoltando?"