Meccanica dell'effetto placebo

L' effetto placebo si riferisce al fenomeno in cui un trattamento inerte porta al miglioramento clinico semplicemente perché il partecipante alla ricerca si aspetta un miglioramento. Alcune persone credono che, durante gli studi clinici, alla luce della disponibilità di efficaci farmaci psichiatrici, non è etico dare a qualcuno un trattamento "fasullo" che non ha alcun effetto chimico intrinseco. Tuttavia, i placebo forniscono benefici sotto forma di effetto placebo. Pertanto, in un ambiente simulato che è lo stesso sia per il controllo del placebo che per i gruppi sperimentali, i membri del gruppo di controllo beneficiano ancora della mera aspettativa di miglioramento.

ginasanders © 123RF.com
Fonte: ginasanders © 123RF.com

Nelle situazioni cliniche in cui i medici servono i pazienti, dare placebo a un paziente senza il suo consenso non è etico. Tuttavia, nelle impostazioni di ricerca, la maggior parte dei ricercatori si rende conto della necessità del controllo del placebo per comprendere veramente gli effetti di un trattamento sperimentale.

L'effetto placebo rappresenta un'interfaccia tra fisiologia e desiderio, aspettativa, speranza ed emozione. Negli ultimi anni, i ricercatori hanno espresso un rinnovato interesse per la forza recondita dell'effetto placebo con particolare attenzione ai suoi meccanismi biologici e neurobiologici.

Ad esempio, i ricercatori di psichiatria hanno esaminato i cambiamenti diagnostici nei partecipanti alla ricerca che ricevono il trattamento di controllo con placebo per la depressione. In uno studio a bassa potenza, i ricercatori dell'Università del Texas a San Antonio sono stati in grado di dimostrare che nelle persone con depressione, sia l'effetto placebo che il trattamento con fluoxetina hanno portato a cambiamenti simili nel metabolismo del glucosio misurati mediante tomografia a emissione di positroni (PET) .

In particolare, sia nel gruppo placebo che nel gruppo fluoxetina, sono state osservate alterazioni sovrapposte in varie strutture cerebrali, incluso un aumento del metabolismo del glucosio che coinvolge il cingolato anteriore, prefrontale, parietale, premotoria, insula posteriore e cingolato posteriore e diminuito metabolismo del glucosio che coinvolge il sottogenere cingolato, talamo e paraippocampale. I risultati sovrapposti osservati sulle scansioni PET di coloro che ricevono fluoxetina e placebo potrebbero rappresentare i primi passi su un percorso di trattamento inizialmente condiviso.

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che alcuni cambiamenti di scansione PET subcorticali e limbici sono attribuibili alla sola fluoxetina. I ricercatori suggeriscono che questi specifici cambiamenti potrebbero essere il motivo per cui coloro che ricevono la remissione dell'esperienza con fluoxetina, la risposta clinica a lungo termine e la prevenzione delle ricadute.

A causa della somiglianza tra i cambiamenti di scansione PET nei modelli specifici del metabolismo del glucosio cerebrale osservati durante il trattamento con farmaci psichiatrici e le variazioni di scansione PET attribuibili all'effetto placebo, è improbabile che gli effetti del placebo siano generalizzabili dal loro meccanismo d'azione. Invece, gli effetti placebo possono avere diversi meccanismi basati sulle aspettative del trattamento.

Al centro, lo studio dell'effetto placebo suggerisce come una persona possa controllare la propria salute mentale e fisica con emozione e pensiero. Come dettagliato in un articolo del 2005 intitolato "Meccanismi neurobiologici dell'effetto placebo" di Benedetti e co-autori:

L'idea che costrutti "soggettivi" come l'aspettativa e
il valore ha basi fisiologiche identificabili e queste basi
sono potenti modulatori di base percettivi, motori e interni
processi omeostatici.

Anche se di scarsa utilità nel senso clinico del mondo reale, ciò che possiamo imparare dall'effetto placebo è come convinzione, emozioni e pensieri positivi possono contribuire al benessere e al trattamento.

Solutions Collecting From Web of "Meccanica dell'effetto placebo"