Masturbazione: la polemica non finirà mai?

In un post dell'anno scorso ho riassunto il consenso sessuale sulla masturbazione: non tutti lo fanno, ma se lo fai, va bene a qualsiasi età, anche ogni giorno, anche se sei felicemente accoppiata. Il sesso da solo non causa alcun danno fisico, eccetto forse il logoramento della carne genitale sensibile. (Usa il lubrificante.) E a meno che non interferisca con la scuola, il lavoro, la famiglia o il sesso di coppia, non causa alcun danno psicologico. La masturbazione non ti usa sessualmente, non esaurisce i tuoi orgasmi o lo sperma degli uomini, e non ti rovina per il sesso dei partner.

Non mi aspettavo che il post fosse controverso. I sessuologi hanno detto quello che ho detto per decenni. Stavo semplicemente cercando di placare la colpa e la confusione che molte persone provano per il sesso da solista. Ma sai cosa dicono: vuoi una discussione? Esprimere un parere.

Un lettore in particolare mi ha agitato. No, Castleman, pazzo, la masturbazione è dannosa. Ha citato articoli in due importanti pubblicazioni sessuologiche, il Journal of Sexual Medicine e Archives of Sexual Behavior , che collegavano la mastrubazione a un aumento di infelicità, depressione, difficoltà di erezione e rischio di cancro alla prostata.

Ho analizzato gli articoli a cui il mio critico faceva riferimento e ho scoperto che aveva commesso errori classici. Ha confuso un'associazione con causa-effetto. E scelse di credere in uno studio con una metodologia scadente rispetto a uno più rigoroso.

La masturbazione causa infelicità, depressione e perdita di erezione?

Il mio critico ha citato un articolo sul Journal of Sexual Medicine (2010) il cui autore ha analizzato studi che hanno esplorato come le persone si sentivano rispetto a se stesse dopo il rapporto tra pene e vagina (PVI) e sesso solitario: "La frequenza del PVI era un fattore predittivo significativo sia per uomini che per donne soddisfazione per la loro salute mentale. Al contrario, la masturbazione era inversamente associata alla salute mentale. … La masturbazione è associata a minore felicità e più depressione ".

Ho controllato la fonte, e il mio critico lo ha sintetizzato in modo accurato: rispetto alla masturbazione, gli amanti ottengono più soddisfazione personale dal PVI, e sì, anzi, la masturbazione frequente è associata ad un aumentato rischio di problemi di salute mentale.

Ma il mio critico ha ignorato il fatto che la masturbazione ha una lunga storia di essere pesantemente stigmatizzata: è un peccato! Andrai all'inferno! I capelli cresceranno sui tuoi palmi! Diventerai matto! Se queste bugie echeggiano nella tua mente, è perfettamente logico che la masturbazione sia associata a infelicità e depressione. Ma NON è il sesso da solista a causare questi problemi. È il fatto che la masturbazione è stata così demonizzata per così tanto tempo.

Lo stigma spiega anche perché la masturbazione è associata a difficoltà di erezione. Il coinvolgimento nel comportamento demonizzato provoca ansia, che aumenta i livelli ematici dell'ormone dello stress, il cortisolo, che a sua volta restringe le arterie, comprese quelle che forniscono il pene, limitando il flusso di sangue attraverso l'organo e causando compromissione dell'erezione.

Quindi sì, il sesso da solista è associato a problemi di salute mentale e di erezione, ma non li causa . La causa è la denigrazione della società della masturbazione.

Per fare un confronto, considera la demonizzazione dell'omosessualità. Per secoli, la maggior parte delle società occidentali l'ha classificato come un peccato, una grande devianza. I gay sono stati aggrediti per la strada, rinnegati dalle loro famiglie, perseguitati da carriere, imprigionati, torturati e talvolta uccisi. Nel frattempo, molti studi collegavano l'omosessualità a problemi di salute mentale. Rispetto agli etero, i gay hanno riportato tassi molto più alti di infelicità, depressione, psicosi, alcolismo, abuso di droghe e suicidio. Ma non è stata l'omosessualità in sé a causare questi problemi. Era lo stigma. Minacciare qualsiasi gruppo con sfiducia nella famiglia, rovina finanziaria, carcere, tortura e morte, e non dovrebbe sorprendere che abbiano tassi più alti di problemi di salute mentale.

Fortunatamente, nel 1973, l'American Psychiatric Association riclassificò l'omosessualità da deviante a una normale variazione sessuale. L'omosessualità è ancora stigmatizzata – testimonia l'attuale controversia sui matrimoni gay e la legge dell'Uganda del 2013 che rende il sesso gay punibile fino all'ergastolo. Ma l'omosessualità è sempre più accettata, e dove è vero, i gay sono diventati più felici e meno depressi.

La masturbazione è la nostra sessualità originale ed è una parte normale della sessualità per tutta la vita. Ciò che è dannoso non è il sesso solitario, di per sé, ma la sua stigmatizzazione.

La masturbazione aumenta il rischio di cancro alla prostata?

La maggior parte delle ricerche ha dimostrato che con l'aumentare dell'eiaculazione (sia dal PVI che dalla masturbazione), il rischio di cancro alla prostata diminuisce. In uno studio dell'Harvard-National Cancer Institute, confrontato con uomini che hanno riferito da quattro a sette eiaculazioni al mese, quelli che hanno riportato 21 avevano il 67 percento di probabilità in meno di sviluppare il cancro alla prostata. I ricercatori hanno concluso: "La frequenza dell'eiaculazione non è correlata all'aumento del rischio di cancro alla prostata".

Il mio critico non ha menzionato questo studio. Invece, si è fissato su un rapporto britannico che mostrava che frequenti eiaculazioni giovani-adulti (PVI e masturbazione) erano legate ad un aumentato rischio di cancro alla prostata. "La masturbazione frequente durante gli anni '20 e '30 è stata un marker per l'aumento del rischio di cancro alla prostata" decenni più tardi.

Quindi abbiamo studi sui duelli. Quale dovremmo credere? Quando gli studi non sono d'accordo, aiuta a rivedere la loro metodologia.

Più grande è il pool di soggetti, più affidabili sono i risultati. Lo studio Harvard-NCI che non mostrava alcun aumento del cancro alla prostata dopo la masturbazione aveva 222.426 partecipanti, lo studio britannico che mostrava un legame tra la mastodontica giovanile e il cancro alla prostata negli anni successivi aveva 840. Lo studio Harvard-NCI è più credibile.

• Gli studi prospettici sono più affidabili della ricerca retrospettiva . Gli studi prospettici esaminano i partecipanti all'inizio e li riesaminano periodicamente per tutta la durata dello studio. Gli studi retrospettivi dipendono interamente dalla memoria. Ma la memoria può giocare brutti scherzi, soprattutto quando chiedi agli uomini sulla cinquantina di stimare quanto si sono masturbati durante i vent'anni. Lo studio di Harvard-NCI era prospettico, la retrospettiva dello studio britannico. Lo studio Harvard-NCI è più credibile.

All'aumentare della plausibilità biologica, aumenta anche la credibilità. Il cancro alla prostata è in una certa misura trasmesso sessualmente. Una storia di infezioni trasmesse sessualmente (STI) aumenta il rischio e, man mano che aumenta il numero di infezioni sessualmente trasmissibili, aumenta anche il rischio. L'eiaculazione arrossisce la prostata, rimuovendo gli agenti patogeni che possono contribuire al rischio di cancro. Di conseguenza, ci aspetteremmo frequenti eiaculazioni per ridurre il rischio nel corso della vita. Questo è quello che ha mostrato lo studio Harvard-NCI. Ma non il rapporto britannico. Ha mostrato un aumento del rischio di cancro durante la masturbazione durante gli anni '20 e '30, ma ha diminuito il rischio di masturbazione dopo i 50 anni. Eh? Perché il passaggio da un aumento del rischio a una diminuzione? Lo studio britannico mette in dubbio la credulità. Lo studio Harvard-NCI è più affidabile.

Il punteggio: lo studio Harvard-NCI, tre. Lo studio britannico, zero. Le migliori prove dimostrano che la mastrubazione non aumenta il rischio di cancro alla prostata.

Tutto ciò mi riporta alla mia precedente affermazione, sostenuta da un chiaro consenso dei sessuologi: la masturbazione non causa alcun danno fisico o danno psicologico a qualsiasi età, anche se lo fai quotidianamente, anche se sei felicemente accoppiata. I suoi principali svantaggi sono la colpa e la vergogna che potrebbe causare. Se ti masturbi, cerca di non sentirti in colpa per questo. Il sesso da solo è la nostra sessualità originale e un elemento chiave nell'imparare ad essere sessuali con gli altri. Va bene. I suoi critici sono disinformati. Divertiti.

Riferimenti :

Brody, S. "I relativi benefici per la salute di diverse attività sessuali", Journal of Sexual Medicine (2010) 7: 1336.

Brody, S. "Fattori sessuali e cancro alla prostata", BJU International (ex British Journal of Urology )

Costa, RM "La masturbazione è correlata alla psicopatologia e alla disfunzione della prostata: commento su Quinsey (2012)," Archives of Sexual Behavior (2012) 41: 539.

Cyranowski, JM et al. "Storia della depressione a vita e funzione sessuale nelle donne nella mezza età", Archives of Sexual Behavior (2004) 33: 539.

Dimitropoulou, P. et al. "Attività sessuale e rischio di cancro alla prostata negli uomini diagnosticati in giovane età", BJU International (2009) 193: 178.

Frolich, P. e C. Meston. "Il funzionamento sessuale e i sintomi auto-riportati tra gli studenti universitari", Journal of Sex Research (2002) 39: 321.

Giles, GG et al. "Fattori sessuali e cancro alla prostata", BJU International (2003) 92: 211.

Leitzmann, MF et al. "Frequenza di eiaculazione e rischio successivo di cancro alla prostata", Journal of American Medical Association (2004) 291: 1578.

Oishi, K. et al. "Uno studio caso-controllo del rischio di cancro alla prostata a Kyoto, Giappone: fattori di rischio sessuale", Prostate (1990) 17: 269.

Solutions Collecting From Web of "Masturbazione: la polemica non finirà mai?"