Masochismo sessuale: tortura e trascendenza legate insieme?

By Manu (ErosPyramide20090221_295), via Wikimedia Commons
Fonte: By Manu (ErosPyramide20090221_295), tramite Wikimedia Commons

Perché qualcuno dovrebbe provare dolore e umiliazione come sessualmente eccitanti? L'enigma del masochismo sessuale ha tormentato la psicologia da un po 'di tempo. Il fatto che una persona tragga piacere sessuale dal dolore, dall'umiliazione e dalla perdita di controllo associati alla pratica è un mistero, in quanto contrasta con le funzioni fondamentali del sé, vale a dire, per evitare il dolore, mantenere l'autostima e cercare controllo.

A differenza di altre pratiche sessuali non-mainstream (come sesso anale, prostituzione, bestialità, sesso di gruppo, ecc.) Il masochismo è largamente assente dai testi storici, dalle descrizioni e dalle testimonianze della sessualità prima del XVIII secolo. Inoltre, la pratica sembra essere un artefatto culturale occidentale, emergente, insieme alle concezioni moderne del sé intorno al tempo dell'illuminazione. Ancora oggi il masochismo sessuale sembra distribuito in modo non uniforme in tutto il mondo. Dalle prove disponibili, è più comune nell'occidente ricco. Come altri interessi sessuali non convenzionali, il masochismo è più diffuso negli uomini, anche se le fantasie masochiste sembrano essere più prevalenti nelle donne.

Il termine "masochismo" fu coniato alla fine del 1800 da Richard von Krafft-Ebing, il padre della sessuologia moderna, per descrivere un tipo specifico di patologia sessuale (Krafft-Ebing considerava qualsiasi sesso non riproduttivo patologico) in cui il piacere erotico è ottenuto da essere ferito, trattenuto o umiliato. Il termine era un riferimento allo scrittore Leopold von Sacher-Masoch, il cui libro Venus in Furs aveva un protagonista deciso a essere schiavo e torturato da una donna attraente.

All'inizio del XX secolo, l'ascendente approccio freudiano cercò di spiegare il masochismo come una perversione sessuale legata al dramma edipico. Queste spiegazioni erano, a modo loro, piuttosto torturate. Ad esempio, il defunto psicanalista Rudolph Loewenstein ha scritto: "Il meccanismo essenziale alla base della perversione masochista è che, inducendo il partner sessuale a mettere in atto una scena di minaccia o castigo di castrazione, il masochista costringe il genitore proibitore e minaccioso a … annullare … la castrazione minaccia attraverso la sua ripetizione simulata mentre partecipa alla velata gratificazione incestuosa ".

Più tardi, man mano che il suo pensiero si evolveva, Freud propose il concetto di "masochismo morale", in cui la pratica fu rifondata come il desiderio inconscio di punizione portato dalla colpa. Visto così, il masochismo non era più legato alla sessualità. Come scrisse lo psicoanalista Bernhard Berliner, "il masochismo morale, piuttosto che sessuale, rappresenta una precisa struttura di carattere frequente … È un disturbo delle relazioni interpersonali in cui il masochista ama una persona che dà odio e maltrattamenti. Non è una passione per il dolore, ma un amore per l'oggetto che dà dolore, ed è privo di sessualità ".

Nell'ultima parte del XX secolo, l'ampia definizione di masochismo ha trovato un forte punto d'appoggio nella cultura popolare e nella psicologia. L'etichetta è stata applicata a vari comportamenti non sessuali che provocano degrado o rovina personale. Ad esempio, i giocatori d'azzardo e altri tossicodipendenti ora sono detti masochisti, ritornando a ricevere le loro punizioni ancora e ancora.

Questa ampia concettualizzazione, tuttavia, è problematica. Come ha osservato lo psicologo Roy Baumeister, i comportamenti non sessuali spesso definiti come "masochistici" differiscono qualitativamente dal masochismo sessuale in quanto tendono ad essere autodistruttivi e controproducenti.

Il masochismo sessuale, d'altra parte, non è né distruttivo né controproducente. I masochisti sessuali non cercano né subiscono regolarmente lesioni. I masochisti sessuali si prendono molta cura di proteggersi dai danni reali mentre si impegnano in rituali di umiliazione accuratamente negoziati e nell'infliggere dolore. Il masochismo sessuale è altamente contestualizzato. I masochisti non sono più propensi di te a godere di un taglio tozzo. La ricerca suggerisce che i masochisti sessuali non differiscono dagli altri nella loro percezione del dolore, tranne che nel contesto sessuale.

Il masochismo viene raramente celebrato con estranei. Molto spesso, i masochisti si impegnano in un rituale ben comunicato, fiducioso e sicuro. In altre parole, il masochismo sessuale non riguarda la distruzione, ma la costruzione; non si tratta di odiare, ma di relazionarsi.

I dati suggeriscono che i masochisti sessuali come gruppo sono generalmente normativi in ​​tutti gli altri aspetti della loro vita e psicologicamente sani. Allo stesso tempo, sappiamo che le vite sessuali delle persone comuni sono intrise di temi masochistici. In una recente indagine su oltre 1.500 adulti canadesi, più di un terzo delle donne e più di un quarto degli uomini hanno riferito di aver fantasticato di essere sculacciata o frustata.

L'ultima edizione del DSM, la bibbia diagnostica della psicologia, ha risposto a questi nuovi dati rimuovendo il masochismo dalla sua lista di disturbi mentali. Il DSM-V distingue tra parafilie e disturbi parafilici. Le parafilie sono definite come pratiche sessuali atipiche. I disturbi parafilici sono schemi comportamentali che includono sofferenza, compromissione del funzionamento o rischio di danno a se stessi o agli altri.

Specificamente secondo il DSM-V, il Disturbo del Masochismo Sessuale riguarda solo le persone che "segnalano difficoltà psicosociali a causa delle loro attrazioni sessuali o preferenze di essere umiliati, picchiati, legati o altrimenti fatti soffrire … Al contrario, se non dichiarano alcun disagio, esemplificato da ansia, ossessioni, sensi di colpa o vergogna per questi impulsi parafilici e non sono ostacolati da loro nel perseguire altri obiettivi personali, potrebbero essere accertati come aventi un interesse sessuale masochista ma non essere diagnosticati con disturbo del masochismo sessuale. "

Anche se la nostra cultura si è allontanata dal temere e stigmatizzare il masochismo sessuale, la curiosità scientifica per quanto riguarda le sue cause non è diminuita. Nel tempo, le tradizionali formulazioni freudiane incentrate sulle dinamiche interne della colpa sono state aumentate da varie altre teorie.

Ad esempio, i teorici dell'apprendimento hanno sostenuto che il masochismo può essere un comportamento appreso. In primo luogo, il dolore è spesso seguito da sollievo. Il sollievo si rafforza, e quindi è probabile che aumenti il ​​comportamento che ha seguito (ad esempio l'inflizione al dolore). In secondo luogo, gran parte del nostro comportamento è acquisito attraverso l'associazione. Tutto ciò che è presente al momento dell'eccitazione può essere associato con l'eccitazione e quindi uno spunto successivo per esso. Se un bambino ha un'erezione mentre viene sculacciato da un genitore, allora forse si crea un'associazione tra dolore, umiliazione ed eccitazione sessuale.

Terzo, qualsiasi comportamento contrario alle nostre abitudini quotidiane sarà nuovo e in quanto tale eccitante. Se trascorri i tuoi giorni in modo potente e controllato, la sensazione di impotenza e perdita di controllo sarà nuova, e quindi suscettibile di produrre eccitazione, che può essere incanalata verso il piacere sessuale.

Lo psicologo sociale Roy Baumeister della Florida State University ha proposto che le caratteristiche di definizione e di perplessità del masochismo – che va contro le inclinazioni fondamentali del sé – in realtà rivelino il suo scopo ultimo: ottenere una liberazione dall'autocoscienza.

Secondo Baumeister, la vita moderna è dura e molte persone non riescono a soddisfare le proprie aspettative. Essere consapevoli di sé è essere consapevoli dei nostri difetti. Essere consapevoli di sé è anche stressante, poiché dovremmo mantenere il controllo di sé, l'auto-equilibrio, il proposito di sé, l'auto-cura, l'auto-presentazione, l'autostima e l'autoefficacia. È estenuante. Proprio come abbiamo bisogno di pause periodiche dallo stress del lavoro sotto forma di vacanze esotiche, così abbiamo bisogno di pause periodiche dal peso del sé. Il masochismo, nei suoi rituali di auto-oblio, offre un periodo di sollievo da questi oneri, stress e responsabilità pesanti.

Inoltre, Baumeister sostiene che il masochismo è una risposta al bisogno di significato, in quanto offre "un ideale di realizzazione e un mezzo per realizzarlo". Secondo Baumeister, poiché le persone nel XVIII secolo cominciarono a distogliere lo sguardo dal cristianesimo, perse le giustificazioni (parola di Dio) e il percorso verso la realizzazione (vita dopo la morte) che ancorava i loro schemi di vita. Il masochismo, in questo ambiente, offriva una nuova giustificazione e un nuovo mezzo di realizzazione. Nel masochismo, la relazione con il partner dominante (che, come un Dio, ha il controllo totale) fornisce giustificazione, mentre fornisce il compimento della vicinanza emotiva al partner. Inoltre, l'obiettivo di mantenere la propria dignità e il proprio potere è rimpiazzato dal suo opposto, e il successo nell'oblio di sé (diventando un buon schiavo) conduce, paradossalmente, alla realizzazione e al senso del valore.

Chiaramente, spingersi fino al limite della sopportazione è un tema comune nella ricerca umana di significato e realizzazione. Alpinisti, esploratori, asceti religiosi, ultra maratoneti ecc. Trovano tutti significato e soddisfazione nel testare i limiti della loro capacità di sopportare la sofferenza. Forse il masochismo, almeno in alcune delle sue forme, equivale a un'altra versione di questo tentativo umano di superare le paure affrontandole. Sforzarsi di possedere la paura, il dolore e l'umiliazione – immergersi completamente in queste esperienze – può servire a neutralizzare la loro capacità di nuocere.

Paul Rozin dell'Università della Pennsylvania e i suoi colleghi hanno recentemente proposto il termine "masochismo benigno" per spiegare le diverse manifestazioni della negatività, che sono diventate positive. Il masochismo benigno, secondo Rozin, "esemplifica un tipo di inversione edonistica, la conversione di un'esperienza negativa (solitamente) innata in un'esperienza positiva … Il masochismo benigno si riferisce a godere di esperienze inizialmente negative che il corpo (il cervello) interpreta falsamente come minaccioso. Questa consapevolezza che il corpo è stato ingannato e che non esiste un pericolo reale, conduce al piacere derivato da "mente sul corpo".

Le persone che amano i film dell'orrore possono esemplificare questo tipo di masochismo benigno.

In effetti ricerche recenti hanno suggerito che il masochismo può essere ricercato perché può produrre l'esperienza del "flusso", uno stato alterato di coscienza associato ad un maggiore senso di benessere.

Gli stati di flusso emergono quando le proprie abilità vengono sfidate ad un livello che non è né troppo facile (da essere noioso) né troppo difficile (da essere schiacciante). In queste condizioni di sfida "giusta", le persone spesso entrano in uno stato di presenza qui-e-ora pienamente concentrata che è profondamente soddisfacente. Essere completamente immersi nell'esperienza del dolore senza paura o panico potrebbe creare questo tipo di esperienza di flusso.

Insomma, il fenomeno del masochismo sessuale non è ancora del tutto compreso. Tuttavia, la sua natura apparentemente paradossale rivela qualcosa sulle dinamiche della psiche, mentre la sua trasformazione, nell'arco di 100 anni, dalla perversione sessuale patologica a qualcosa di più simile a una ricerca spirituale, dice qualcosa di affascinante sulle dinamiche della cultura.

Solutions Collecting From Web of "Masochismo sessuale: tortura e trascendenza legate insieme?"