Maschio vittima di stupro affrontare difficoltà trovare supporto

Fabrizio Lonzini on flickr, Creative Commons
Fonte: Fabrizio Lonzini su flickr, Creative Commons

Nell'ottobre 2015, la Svezia ha aperto il primo centro al mondo per lo stupro maschile. È l'unico centro conosciuto che fornisce assistenza medica di emergenza a uomini e ragazzi vittime di stupri o abusi sessuali. Sebbene la maggior parte dei centri per lo stupro non distruggano le vittime maschili, non ce ne sono altre che soddisfino specificamente i bisogni fisici ed emotivi degli uomini che subiscono tali traumi.

La questione degli stupri e degli abusi sessuali da maschio a maschio, in particolare da donna su maschio, è in gran parte non riconosciuta in parte perché queste forme di trauma sono molto meno comuni di quelle che coinvolgono una vittima donna. Statistiche Canada riferisce che circa l'8% delle aggressioni sessuali coinvolgono una vittima maschile.

Negli anni '80, la parola "stupro" fu rimossa dal Codice penale del Canada e sostituita da tre diversi livelli di aggressione sessuale, specificati dal fatto se la forza o le minacce fossero coinvolte e in quale misura fossero presenti. Il problema con questo approccio è che "l'assalto sessuale" sembra un problema minore; non ha lo stesso peso di "stupro".

Nell'ottobre 2013, Kirk Makin ha scritto in un articolo per The Globe and Mail:

"Al posto della parola caricata, con tutto il suo bagaglio morale e sociale, tre livelli di violenza sessuale sono stati trascritti in legge, ogni livello si è trasformato in gravità. Ma sbarazzarsi del termine legale "stupro" non lo ha fermato. In realtà, molti sostengono che ha profondamente devastato il sistema giudiziario e ha portato a sentenze più leggere, non più severe ".

La terminologia può in parte spiegare la mancanza di centri di stupro maschili, ma così pure la visione culturale negativa di un uomo violentato, in particolare da una donna.

La cultura popolare e i media in genere ritraggono lo stupro come implicante la penetrazione, il che presuppone che solo un maschio possa perpetrarlo. Quindi, la visione comune è che gli uomini non possono essere violentati dalle donne. Ad esempio, se una vittima dice a un amico che ha avuto un'esperienza sessuale indesiderata, la reazione dell'amico è probabilmente congratulatoria quanto inorridita. E la vittima ha meno probabilità di denunciare il crimine. Un articolo sullo stupro della Encyclopedia of Philosophy della Stanford University afferma addirittura nella sua premessa che i perpetratori sono maschi e che le vittime sono donne, trascurando del tutto la questione dello stupro maschile.

C'è un sentimento comune che gli uomini siano sempre aperti ai progressi sessuali e, pertanto, acconsentono automaticamente. Questo equivoco può portare a situazioni in cui, se un uomo è intossicato o in altro modo incapace di fornire il consenso, può successivamente essere vittima di violenza sessuale. Contrariamente agli stereotipi, la visione comune di "no no" si applica a entrambi i sessi e la mancanza di consenso è altrettanto significativa di un'espressione di non consenso.

Un altro problema si concentra sullo stupro da maschio a maschio che si verifica nelle carceri. Le battute sul "non far cadere il sapone" sono dilaganti nei media, dando l'impressione che, dal momento che questi individui sono criminali, dovrebbero aspettarsi – anzi meritano – aggressioni sessuali.

E lo stupro commesso nelle carceri non è nemmeno incluso nelle statistiche nazionali, un'omissione che ha l'effetto di non riuscire a prevenire gli abusi, oltre a diminuire il problema. Di conseguenza, vi è un'assegnazione insufficiente di risorse per le vittime all'interno del sistema carcerario. Le vittime richiedono sia servizi di emergenza medica che consulenza per affrontare il danno fisico ed emotivo della violenza sessuale.

L'apertura di un centro per stupro di sesso maschile in Svezia è un passo positivo, suggerendo alcuni progressi verso il sostegno alle vittime di stupro di sesso maschile. Ma su una scala più ampia, il problema non viene riconosciuto. Gli atteggiamenti non possono cambiare senza un cambiamento più sistemico nel modo in cui lo stupro viene visto e affrontato.

-Andrei Nistor, scrittore collaboratore, rapporto traumi e salute mentale

-Editor dei bambini: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

  • Trovare la strada giusta per ogni individuo, facendolo funzionare
  • Harvey Weinstein non è un mostro
  • Live-Blogging APA: migliore invecchiamento attraverso la telomerasi
  • Come le coppie possono sopravvivere a barare (e perché anche loro provano)
  • Eccellenza nella salute mentale
  • Approcci psicoanalitici al trattamento degli ED
  • Come possiamo diventare tutti "super agers"?
  • Auto-attualizzazione attraverso la musica
  • Self-Actualization: sei sulla strada?
  • Shocker: l'empatia è diminuita del 40% negli studenti universitari dal 2000
  • Come rispondere quando il trauma è rivelato
  • Radical Sabbatical
  • Non dire che la depressione è causata da uno squilibrio chimico
  • Problemi di alcol dovrebbero prendere in considerazione le donne
  • 3 domande che dovresti chiedere a te stesso dopo la sua relazione
  • Cosa è successo al colloquio e al colloquio? La perdita della sessualità romantica
  • Disturbo da deficit d'ansia ???
  • From the Bouths of Babes: La soluzione alla sofferenza
  • Il New York Times parla male di Hymens, ma non sono soli
  • Disuguaglianza come malattia economica, violenza come sintomo
  • Ascoltando le palline da golf
  • Il mangiare pericoloso è diventato un problema negli sport di alto livello
  • Per favore fammi agire su My Sugar Addiction in Peace
  • Suggerimenti per il successo della relazione, parte 2
  • Carburante, non paura
  • Cosa ti mangia? Lezioni per il trattamento e il supporto dei disturbi alimentari
  • Elezione 2010 - Aggressione temuta scatenata
  • Circoncisione: realtà sociali, sessuali, psicologiche
  • Talking Out Military Trauma sessuale
  • Adolescenti e comportamenti auto-ingiuriosi
  • Concetti di recupero: pensare al di fuori del paradigma biopsichiatrico
  • La psicologia dietro le nostre reazioni alla firma della Bibbia di Trump
  • 9 Raccomandazioni sulla prevenzione della violenza giovanile
  • Recupero da ferite e malattie
  • Chi ha ucciso JonBenet?
  • La psichiatria rifiuta il nuovo disturbo sessuale "Hebephilia"