Mary Edwards Walker: Above and Beyond

Di fronte a ciò che è giusto, lasciarlo incompiuto mostra una mancanza di coraggio. – Confucio

Ho scritto un documento accademico sui destinatari della Medal of Honor – ovvero la Medal of Honor * del Congresso – che è il più alto riconoscimento per il coraggio che può essere dato a qualcuno nelle Forze Armate statunitensi. Dal 1863, è stato assegnato a 3400+ individui. In tutti i casi, la persona ha compiuto un'azione straordinaria comportando un rischio di vita al di sopra e al di là del richiamo del dovere, solitamente in un'azione armata contro una forza avversaria. Almeno negli ultimi decenni, la maggior parte delle medaglie d'onore sono state assegnate postume perché i destinatari sono morti mentre eseguivano l'atto eroico che ha guadagnato il premio.

Nel mio articolo, ho fatto riferimento ai destinatari collettivamente come "uomini", ma poi mi sono preoccupato che forse mi sbagliavo. Nonostante il popolare film Courage Under Fire , forse alcune donne avevano ricevuto la Medal of Honor, e il minimo che potessi fare era includerle nelle mie generalizzazioni.

Come ho scoperto rapidamente consultando Wikipedia, una donna (una) aveva ricevuto la Medal of Honor: Mary Edwards Walker (1832-1919), solitamente identificata come un chirurgo della guerra civile dell'Unione. È nata a Oswego, New York, in una famiglia senza figli. Suo padre si aspettava che le sue figlie facessero il lavoro di un uomo nella fattoria di famiglia, e lo fecero tutti.

Mary Edwards Walker

Non è chiaro se abbia frequentato il college, ma all'età di 21 anni, Mary Edwards Walker si è iscritta al Syracuse Medical College, una delle poche scuole negli Stati Uniti che ha ammesso le studentesse. Le lezioni erano $ 55 a semestre, e vitto e alloggio in dormitorio erano $ 1,50 a settimana. Nel 1855, dopo diciotto mesi di studi, si laureò in medicina.

Il dottor Walker ebbe difficoltà a stabilire una pratica medica indipendente e, quando iniziò la Guerra Civile, offrì volontariamente i suoi servizi all'Esercito dell'Unione e si prese cura dei Soldati feriti da entrambe le parti del conflitto e dai loro familiari. Dopo aver attraversato le linee di battaglia, fu fatta prigioniera di guerra e prestò servizio in una prigione confederata. Nel 1865, ha ricevuto la Medal of Honor. Nel 1917 fu revocato (come lo erano centinaia di altri che erano stati assegnati) perché era un civile e – in senso stretto – i suoi atti di coraggio non avvenivano nel contesto del combattimento. Tuttavia, la sua medaglia è stata restaurata nel 1977.

Incuriosito da ciò che avevo letto su Mary Edwards Walker, volevo saperne di più. Ho trovato una biografia fuori stampa del Dr. Walker, sottotitolata Above And Beyond. È stato scritto dallo storico Dale L. Walker (2005). Ho preso la decisione di acquistare effettivamente il libro perché pensavo (erroneamente, come si è scoperto) che l'autore potesse essere un discendente del Dr. Walker. Forse aveva delle informazioni interne su di lei e sulla sua vita.

Con mio rammarico, l'autore non ha informazioni privilegiate, per le quali non lo lamento. Era onesto nel notare che i record storici erano scarsi, e non cercò di riempire gli spazi vuoti inventando o estrapolando. A differenza di molti suoi contemporanei, il Dr. Walker non era apparentemente un prolifico scrittore di lettere, e non teneva un diario regolare. Ciò che si sa su di lei proviene da documenti ufficiali, lettere di altri che la citano e articoli di giornali **.

Un altro motivo per la mancanza di informazioni sul Dr. Walker è che potrebbe essere stata una spia dell'esercito dell'Unione e ha giurato di mantenere il segreto, una promessa che, se fatta, è stata mantenuta fino alla sua morte. I documenti storici non sono chiari, anche se è noto che nel 1864 fu arrestata dalle forze confederate, accusata come spia, e detenuta in una prigione di Richmond fino al rilascio in uno scambio di prigionieri, un fatto che presumibilmente la divertì perché lo scambio significava che alla fine era considerata la pari di un uomo.

In ogni caso, ciò che l'autore della biografia del Dr. Walker ha fatto bene è stato quello di rappresentare l'era storica in cui viveva. Tre cose in particolare mi sono rimaste impresse. La prima è stata l'incredibile difficoltà affrontata dalle donne nell'Ottocento, in particolare quelli che sono partiti da ciò che ci si aspettava. Le donne non potevano votare. Le donne non potevano facilmente acquisire un'istruzione superiore, compresa l'educazione medica. E per quelle donne che hanno ottenuto una laurea in medicina, l'accettazione da parte dei loro coetanei era quasi impossibile. Quindi, sebbene il dottor Walker si fosse preso cura dei malati e dei feriti durante la guerra civile, la sua nomina come chirurgo o persino assistente di un chirurgo fu fortemente osteggiata dai membri dell'establishment medico. Non è stata nemmeno pagata per quello che ha fatto eccetto che alla fine della guerra.

Il secondo era che quando le persone a metà del 1800 comunicavano con coloro che non erano nelle loro immediate vicinanze, di solito lo facevano per lettera. Oppure hanno fatto viaggi per vedere quelli con cui volevano parlare. Questi viaggi potrebbero richiedere giorni o addirittura settimane. Contrastare queste pratiche con il mondo moderno e i suoi telefoni cellulari, e-mail, pagine Facebook e chiamate Skype. Nonostante ciò ci sembrerebbero formidabili ostacoli alla comunicazione. Il Dr. Walker era in contatto con personaggi noti come Abraham Lincoln, Andrew Johnson, Dorothea Dix, Susan B. Anthony e Frederick Douglas, tra gli altri.

La terza fu l'incredibile perdita di vite umane dei combattenti nella guerra civile. Tra il 1861 e il 1865, circa 650.000 soldati americani (da entrambe le parti) persero la vita, circa 300 morti al giorno e in totale quasi il 2% dell'intera popolazione degli Stati Uniti in quel momento. Questo numero supera le morti in combattimento negli Stati Uniti in ciascuna prima guerra mondiale, seconda guerra mondiale, guerra coreana, guerra del Vietnam, guerra del Golfo e guerra globale al terrorismo. Molte morti durante la guerra civile si sono verificate mentre i medici cercavano di curare i feriti. Una delle pratiche era l'amputazione di routine degli arti danneggiati, una pratica contro cui il Dr. Walker sosteneva, ma con scarso effetto. La storia le ha dato ragione: l'amputazione dovrebbe essere l'ultima risorsa e non qualcosa fatto automaticamente. Altre innovazioni sostenute dal Dr. Walker erano una dieta di frutta e verdura, un regolare esercizio fisico e una pulizia rigorosa.

La biografia del dottor Walker era più di un antipasto che di un antipasto, ma era stuzzicante. Il Dr. Walker era un individuo interessante e importante che merita molta più attenzione dalla storia di quanto sembri ricevere. La sua vita era davvero al di sopra e al di là.

* Poiché il premio viene assegnato "in nome del Congresso", è spesso chiamato la Medaglia d'Onore del Congresso, ma il vero nome è semplicemente la Medaglia d'Onore.

** In effetti, le storie di giornali su di lei erano piuttosto frequenti perché lei attirava l'attenzione, non solo per le sue realizzazioni come medico e come attivista che promuoveva numerose cause dall'abolizione al proibizionismo per il benessere familiare al suffragio femminile, ma anche per l'aspetto fisico che lei deliberatamente ha scelto. Credendo che gli abiti indossati dalle donne della sua epoca – corsetti, sottoveste e gonne a cerchio – non solo fossero limitanti, ma non igieniche e malsane, lei scelse di indossare abiti di suo proprio disegno, tipicamente pantaloni sotto maniche lunghe e collo alto , vestito a vita bassa che cadeva appena sotto le sue ginocchia. È stata spesso descritta come indossando abiti da uomo – il che era poco accurato – e persino arrestato più volte per supposto fare così. Ma come diceva spesso, "Non indosso vestiti da uomo. Indosso i miei stessi vestiti. "Ancora oggi, in un mondo che è più evoluto in molti modi, l'abbigliamento di una donna potente attira l'attenzione in un modo che l'abbigliamento di un uomo potente non fa. Pensa a Hillary Clinton e ai suoi vestiti dei pantaloni ben documentati. Più ça cambia, più c'est la même ha scelto. [Più cose cambiano, più rimangono le stesse.}

Riferimento

Walker, DL (2005). Mary Edwards Walker: Above and beyond. New York: Macmillan.

Solutions Collecting From Web of "Mary Edwards Walker: Above and Beyond"