Marmosets Sorprendi i ricercatori condividendo il cibo in privato

Sembra come se queste scimmie si preoccupino veramente del benessere dei giovani.

Un saggio del Los Angeles Times di Melissa Healy intitolato “Queste scimmie sorprendevano gli scienziati condividendo ancora di più quando nessuno guardava” ha attirato la mia attenzione perché il suo titolo orecchiabile riporta su un nuovo fenomeno in un’area di ricerca interessata a ciò che i ricercatori chiamano ” effetto pubblico “(gli articoli accademici possono essere visti qui). Tra le altre cose, “effetto pubblico” si riferisce a studi in cui la presenza di testimoni – un pubblico – influenza quanto gli animali (inclusi gli umani) condivideranno o collaboreranno con altri individui. Molti studi hanno dimostrato che la presenza di spettatori / testimoni, inclusi altri membri del gruppo, si traduce in una maggiore condivisione o collaborazione, come se coloro che facevano la condivisione o cooperando stessero facendo qualcosa in modo da poter rimanere nel gruppo (chiamato “pay-to- rimanere “) o guadagnare punti o” prestigio sociale “con coloro che li vedono comportarsi in questo modo.

Gli uistitì mostrano un “effetto pubblico inverso” quando condividono il cibo con i bambini

Il saggio della signora Healy si concentra su un documento di ricerca di Rahel K. Brügger, T. Kappeler-Schmalzriedt e JM Burkart pubblicato su Biology Letters intitolato “Effetti del pubblico inverso sull’aiutare a coltivare in modo cooperativo scimmie marmoset”, per il quale solo l’abstract è disponibile online . Questi ricercatori hanno studiato la probabilità che gli uistitì adulti condividessero il cibo con i giovani quando erano presenti o assenti altri membri del gruppo. Per fare questo, hanno studiato 31 marmoset adulti e 14 bambini e hanno osservato più di 2500 prove in cui il cibo, un cricket, era condiviso o non era condiviso con i bambini.

Né il “pay-to-stay” né il modello del prestigio sociale spiegano perché gli uistitì adulti condividono il cibo con i giovani

I risultati di questo studio sono estremamente interessanti. Brügger e i suoi colleghi hanno scoperto che gli adulti condividevano il cricket l’85% delle volte in cui erano soli con un bambino e solo il 67% delle volte quando erano in un gruppo. I ricercatori riferiscono: “Abbiamo riscontrato un effetto di pubblico opposto sul comportamento di condivisione degli alimenti: gli uistitì condividevano sistematicamente più cibo con immaturi quando nessun pubblico era presente.” Quindi, in questo studio, né il “pay-to-stay” né il sociale il modello di prestigio potrebbe spiegare i loro dati. Invece, “i risultati sembrano riflettere un’autentica preoccupazione per il benessere delle immature, che sembra particolarmente forte quando sono i soli responsabili delle immature”.

Come spiegazione di questo tipo di gentilezza, la signora Healy cita i ricercatori come segue: “Il modello marmoset dei risultati richiama alla mente la cosiddetta diffusione dell’effetto responsabilità, che è ben radicato negli umani … Le persone hanno meno probabilità di aiutare in la presenza di un numero maggiore di astanti, ma si sente più responsabile quando è solo con un individuo bisognoso “.

Chiaramente, è necessaria molta più ricerca, ma ciò che è così interessante in questo studio è che i risultati sono in contrasto con le idee prevalenti su quando e perché gli individui condividono risorse, incluso il cibo. Forse gli uistitì adulti tengono conto del fatto che nessun altro adulto è in giro per prendersi cura dei bambini, quindi è meglio che lo facciano indipendentemente dal fatto che altri membri del gruppo li vedano condividere il cricket.

    Si prega di rimanere sintonizzati per ulteriori “sorprese” nello studio del comportamento degli affascinanti nonumani con i quali condividiamo il nostro magnifico pianeta. Proprio quando pensiamo di sapere tutto …