Market vs. State

Scherzo. A: "Conosci la differenza tra una cucina e un bagno?
B: "No."
A: "Allora non venire a casa mia".

Proprio come una differenza importante nella vita di tutti i giorni è quella tra un bagno e una cucina, così anche una fondamentale distinzione nella filosofia politico-economica esiste tra il governo e gli accordi contrattuali privati. Ma qui è dove l'analogia si rompe. Ci sono altre intuizioni ancora più importanti da raccogliere nella vita ordinaria rispetto a quella tra queste due stanze (ad esempio, non mangiare veleno, mangiare da soli, prendersi cura dei bambini); semplicemente non esiste una delineazione più importante nella teoria libertaria di quella esistente tra la coercizione (il governo) e la cooperazione volontaria (il mercato).

Eppure, tale è la natura violenta della nostra disciplina che ci sono persino persone che si fanno da passanti come libertari che non conoscono questa distinzione. Peggio ancora, ci sono quelli che scrivono articoli su riviste specializzate, e persino libri, che sono dedicati nella loro interezza alla cancellazione della differenza tra lo stato e l'interazione del mercato privato.

Non sono senza una discussione, misera com'è. L'esposizione "A" nel loro arsenale è l'accordo di condominio. Questi "libertari" sono eloquenti sulla gravità e la completezza di tali sviluppi abitativi. Ad esempio, in genere richiedono che tutti gli esterni siano verniciati nello stesso colore; che i recinti siano identici (ad esempio, ognuno deve avere, ad esempio, una staccionata); che non ci sono unità di condizionamento d'aria della finestra. Alcuni addirittura arrivano al punto da stabilire il colore delle tende che possono essere viste dall'esterno e costringono o vietano cose come tappeti, veneziane, porte per schermi, tipi di tappetini e se le automobili devono o non possono essere , parcheggiato in garage. Alcuni vietano interamente i bambini; altri specificano l'età minima per i residenti (ad esempio, 60 anni per le comunità di pensionati). E le legioni sono le regole e le norme relative al rumore a quali ore, feste, dove possono essere immagazzinati tricicli, ecc. Rispetto ad alcuni villaggi e piccole città, i mandati di queste comunità private possono essere intrusivi, completi e spesso arbitrari.

Inoltre, vi è il fatto che entrambi i tipi di organizzazioni sono tipicamente gestiti secondo principi pienamente democratici. E non solo: c'è un senso in cui, in entrambi i casi, si può veramente dire che le persone accettano di partecipare alle elezioni in primo luogo.

Nel caso di alloggi cooperativi, questo è facile da vedere. Tutti i membri dello sviluppo firmano un contratto di acquisto, che indica la volontà di essere vincolati dalla costituzione del condominio e da una formula (maggioranza, super maggioranza, qualunque) per la modifica dei suoi termini.

Per le città, nessuno, ovviamente, firma la costituzione. (Se non ci credi, torna indietro e leggi Spooner's No Treason.) Tuttavia, sostenendo questi "libertari", trasferendosi in un villaggio il nuovo arrivato conosce perfettamente le regole dell'entità politica, o può facilmente apprenderli: no sputare per strada, le specifiche di zonizzazione, i limiti di velocità, ecc. E, in quasi tutti i casi, i regolamenti municipali sono molto meno onnicomprensivi di quelli dei condomini. È vero, conclude questo argomento, il governo della città guadagna "tasse" mentre il condominio raccoglie le "quote" di iscrizione, ma questa è una distinzione senza differenze.

La prima cesura in questo caso apparentemente ermetico può essere vista quando esaminiamo la posizione non del nuovo arrivo in città, ma piuttosto quello di un proprietario terriero che si trovava lì prima che la città fosse incorporata; o, in alternativa, quando guardiamo alla triste condizione del proprietario della casa che vive appena fuori dai confini del villaggio, quando si espande per prendere nella sua giurisdizione persone come lui che vivono in aree contigue ma in precedenza prive di personalità giuridica. (Consideriamo il secondo di questi casi non il primo, dal momento che ora ci sono molti più individui vivi che hanno sperimentato il secondo, non il primo).

Quindi il sindaco viene da questo proprietario di casa e gli dice: "Ho buone notizie per te, Zeke. Ora fai parte della città. Raccoglieremo la tua spazzatura per te, ti forniremo servizi idrici e fognari, polizia, protezione antincendio, appartenenza alla biblioteca; diamine, abbiamo anche una piscina comunale. Dovrai anche pagare per il benessere dei poveri, naturalmente, ma prima hai sempre aiutato i tuoi vicini di fortuna, quindi non dovresti avere alcun peso su di te. "

Risposta di Zeke: "Sembra davvero meraviglioso. Stiamo davvero diventando moderni intorno a lei, vero, Clem? Ma ti dico cosa. Vado a dare un passaggio a questa meravigliosa opportunità. Non vedo ragioni per cambiare. No grazie."

Al che risponde il sindaco Clem: "Non penso di aver chiarito completamente la mia posizione. Questa non è la tua scelta. Abbiamo votato su questo, e la tua parte ha perso. Sei dentro, che ti piaccia o no. "

A questo punto afferma Zeke: "Hitler è salito al potere attraverso un'elezione. Quindi non parlarmi delle urne. Comunque, ti darò una cosa, Clem. Almeno non aggiungi la beffa al danno. Almeno non aggravate l'aggressione nuda con la menzogna totale, Clem, come quei cosiddetti 'libertari' che non vedono alcuna differenza tra l'essere amalgamati in una città contro la loro volontà e l'acquisto in una comunità residenziale. La tua richiesta di denaro delle tasse era piacevolmente onesta, anche se un po 'brutale, per una persona che pensavo fosse un buon vicino. "

Così tanto per la prima fessura dell'armatura, il caso in cui il proprietario è forzatamente incorporato nella città. C'è davvero una differenza rilevante tra l'essere costretti a far parte del villaggio e l'adesione volontaria al condominio

Ma che dire del caso più forte per il lato "libertario" di questo argomento, quello in cui un nuovo arrivo si sposta in città, compra una casa, ecc., Sapendo perfettamente quali regole e tasse sarà vincolato da? Non è vero che almeno in questo caso il governo municipale è indistinguibile dal consiglio degli strati che gestisce il condominio?

Affatto.

Considera il caso seguente. Compro una casa in un quartiere pericoloso, per esempio il South Bronx. So perfettamente che il tasso di criminalità è alto, e che sarò particolarmente preso di mira, dato il colore della mia pelle. Forse prenderò questa decisione economica a causa degli immobili meno cari, o perché voglio essere più vicino a "le persone", meglio studiare la loro situazione e aiutare a sradicare la povertà. In ogni caso, appena mi trasferisco, mi trovo di fronte un teppista di strada con un coltello che mi dice:

"Dammi il tuo portafoglio, madre bianca … o ti taglierò, amico."

Al che tiro fuori la mia pistola e dico al criminale: "Mio caro uomo, tu sei sopraffatto, potenza di fuoco saggio. Cessate e desistete dai vostri cattivi modi, e fate i vostri affari legittimi, se ne avete. "

Questa persona di strada, che, a mia insaputa, è in realtà un po 'un filosofo, espone come segue: "Non sembri capire. Sono uno di quei "libertari" che sostengono che da quando ti sei trasferito nel South Bronx con la piena consapevolezza che probabilmente saresti stato sottoposto ad asserzioni del tipo che sto ora tirando (o almeno provando a tirare, non ho mai incontrato una vittima meno collaborativa di te, a cosa sta arrivando questo mondo?), in effetti hai accettato di essere rapinato da ladri come me. Quindi, prendi il programma, amico.

Il punto è che, come possiamo facilmente vedere, la capacità di prevedere un evento non è affatto equivalente ad accettarlo. Sì, posso benissimo prevedere che se mi trasferirò nel South Bronx, sarò probabilmente vittima di un crimine di strada. Ma non è affatto la stessa cosa che acconsentire a tali nefande attività. Tuttavia, secondo l'argomento "libertario" che stiamo considerando, i due sono indistinguibili.

Allo stesso modo, ci si può aspettare che l'individuo che si trova in una città con le tasse, la zonizzazione, ecc., Sappia che sarà sottoposto a tali depredazioni, proprio come tutti gli altri. Ma questo è più di un miglio di distanza dal fatto che abbia accettato di essere costretto da questi malvagi. Il nuovo arrivo in città non dà più il permesso al esattore delle tasse di ottenere da lui più fondi di quanto non faccia il nuovo arrivato nel South Bronx per dare il permesso al rapinatore di violare i suoi diritti.

In netto contrasto, infatti, l'acquirente di un'unità in uno sviluppo abitativo non solo prevede che sarà sottoposto a un pagamento mensile di adesione e ad una serie di restrizioni riguardo a ciò che può fare con la sua proprietà, ma in realtà acconsente a pagare ex e essere vincolato da quest'ultimo. La prova di ciò è che firma un atto di vendita, stipulando tutto quanto sopra. Nel caso cittadino-cittadino, non esiste un tale contratto scritto.

Non è esagerato dire che la distinzione più importante in tutta la teoria libertaria è quella tra coercizione e non coercizione. Obliterate questa divergenza e non vi è nulla di lasciato al libertarismo. Questo è così importante, ribadisce: il libertarismo non consiste nient'altro che le implicazioni di questa unica distinzione solitaria. Senza di esso, non c'è assolutamente alcuna teoria.

Una cosa è per i mignoli, i comunisti, i demopubblicani, i repubblicani, i mancati, i neocon, ecc., Per denigrare questa distinzione. Questo è, infatti, del tutto appropriato e appropriato. Se non lo facessero, difficilmente potrebbero essere caratterizzati come ho appena fatto. Tuttavia, è un'altra cosa per "libertari" fare questo errore. Dovrebbero rinunciare a questa perniciosa dottrina, o almeno avere la decenza di smettere di caratterizzarsi come libertari.

Solutions Collecting From Web of "Market vs. State"