Mark Ragins su MHA Village

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Mark Ragins

EM: Puoi parlarci un po 'di MHA Village?

MR: MHALA è un grande capitolo locale di National Mental Health America. Operiamo su una varietà di programmi incentrati su advocacy, istruzione pubblica, fornitura di servizi, innovazione, formazione della forza lavoro e sviluppo della comunità. I nostri servizi sono in due gruppi principali: uno a Lancaster e uno a Long Beach.

Il Village è stato fondato nel 1990 inizialmente come progetto di dimostrazione finanziato dalla legislatura statale della California. Alcuni degli stessi legislatori che avevano portato la deistituzionalizzazione in California negli anni '70 avevano seri dubbi su come si fosse sviluppata la salute mentale della comunità. Troppe persone sembravano cadere tra le fessure e finire per non ottenere l'aiuto di cui avevano bisogno. Volevano che dimostrassimo il meglio che poteva essere la salute mentale della comunità. Volevano che "facessimo tutto il necessario", compresi i team ACT, il modello di clubhouse, la riabilitazione psichiatrica, l'edilizia residenziale, l'istruzione e l'occupazione, i servizi integrati di abuso di sostanze, il supporto familiare, i servizi di crisi e l'assistenza sanitaria – tutto in uno integrato, Programma "one-stop shop".

Amministrativamente, siamo stati integrati con finanziamenti capitolati e responsabilità in termini di qualità della vita. Ben presto abbiamo scoperto che il movimento emergente per il recupero ci ha dato la visione di integrare tutti quei servizi in un programma accogliente, pieno di speranza e vibrante. Il valutatore esterno del progetto ha riferito dopo tre anni che abbiamo ottenuto i migliori risultati in una serie di risultati di qualità della vita di qualsiasi programma in letteratura per le persone con una serie di malattie mentali disabilitanti.

I visitatori hanno iniziato a venire al Villaggio per essere ispirati e istruiti da tutto il mondo. Abbiamo ricevuto numerosi premi per il nostro lavoro. Siamo diventati leader riconosciuti e sostenitori del modello di recupero per le persone con malattie mentali. Puoi vedere i miei scritti sul recupero qui.

Nel tempo abbiamo adattato i nostri metodi ad altre popolazioni specializzate, compresi senzatetto, alti utilizzatori, persone ripetutamente ospedalizzate, diversione carceraria, persone scarsamente coinvolte, giovani di transizione, veterani e senzatetto medicalmente fragili. Abbiamo aiutato a diffondere il modello in tutta la California, dove programmi simili sono chiamati partnership a servizio completo. L'elettore della California ha approvato la proposta 63, la Mental Health Services Act, che impone ai milionari di diffondere programmi di recupero basati su tutto lo stato, in particolare FSP.

Di ritorno al Villaggio, MHALA si è spostato da un modello "statico" di "durata indefinita" a un modello "di flusso" in cui le persone si muovono lungo un continuum di programmi basati sul recupero man mano che crescono e si riprendono. Ora disponiamo di un sistema di assistenza completo basato sul recupero a Long Beach. Abbiamo progettato lo strumento Milestones of Recovery (MORS) per monitorare il recupero delle persone e promuovere il flusso. Continuiamo a innovare per migliorare la nostra pratica e ampliare i limiti del modello di recupero adattandoci all'ambiente in continua evoluzione che ci circonda.

EM: Diresti che hai una filosofia di base riguardo a cosa aiuta le persone in difficoltà?

MR: Crediamo nel modello di recupero della cura. Riteniamo che la ripresa non sia qualcosa che può essere fatto a qualcuno. È un processo in cui le persone superano le perdite e le distruzioni nelle loro vite per ricostruire se stesse, le loro relazioni e i loro ruoli nella comunità. Il recupero è una strada percorsa al meglio insieme a una guida o un mentore utile.

Allo stesso modo in cui i programmi hospice usano gli stadi di morte e di morte di Kubler-Ross (negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione) per aiutare le persone a morire con dignità, usiamo quattro fasi comuni di recupero (speranza, empowerment, auto- responsabilità e il raggiungimento di ruoli significativi) per aiutare le persone a vivere con dignità.

Le tre principali trasformazioni nel movimento di recupero sono:

1) centrato sulla persona: passare dal centrare i nostri sforzi sulla cura delle malattie e la riduzione dei sintomi a un servizio olistico delle persone e alla ricostruzione delle vite. Questo è necessario per coinvolgere le persone

2) Driven / Collaboration del cliente: Passaggio da relazioni dirette professionali che enfatizzano il rispetto informato delle terapie prescritte alle relazioni individualizzate enfatizzando l'empowerment e costruendo l'auto-responsabilità delle persone. Questo è necessario per motivare e costruire abilità

3) Punti di forza / Resilienza: Costruire la speranza di recuperare i punti di forza, le motivazioni e l'apprendimento di ogni persona dalla sofferenza piuttosto che dalla competenza di professionisti e farmaci per ridurre o eliminare il peso delle loro malattie. Questo è necessario per costruire l'autosufficienza e andare avanti a seconda dei professionisti

Dal modello di recupero abbiamo creato una serie di principi pratici che utilizziamo per guidare il nostro lavoro:

NOI CREDIAMO …

1. La speranza rende possibile il recupero; facilita la guarigione della mente, del corpo e dello spirito.

2. Le persone che accolgono includono la creazione di una cultura dell'accettazione con supporti e servizi integrati facilmente accessibili.

3. Concentrandosi su tutta la persona include i loro punti di forza e debolezza, abilità e barriere, ferite e regali.

4. Ogni persona crea il proprio percorso e determina il ritmo del proprio recupero.

5. Il processo di recupero è un viaggio collaborativo a supporto delle persone che perseguono i loro obiettivi di vita.

6. Le relazioni sono sviluppate attraverso il rispetto reciproco e la reciprocità, compresa l'apertura a reali connessioni emotive.

7. Una solida base per il recupero è costruita aiutando le persone ad affrontare onestamente e responsabilmente la loro malattia mentale, l'abuso di sostanze e le difficoltà emotive.

8. Le persone prosperano, crescono e acquisiscono il coraggio di cercare il cambiamento in ambienti rispettosi che promuovano l'auto-responsabilità.

9. Il lavoro pratico di recupero ha luogo nella comunità.

10. Ogni persona ha il diritto ad un trattamento giusto e equo nella propria comunità, assicurato attraverso la difesa e la responsabilità sociale.

11. Tutti meritano l'opportunità di avere un posto dove chiamare casa.

12. Promuovere i supporti naturali, divertirsi e un senso di appartenenza migliora la qualità della vita.

13. L'occupazione e l'istruzione sono mezzi potenti per aiutare le persone a costruire vite al di là della loro malattia.

14. Il successo del programma si basa sul raggiungimento della qualità della vita e dei risultati di recupero.

EM: Quali sono le tue opinioni sul cosiddetto farmaco psichiatrico in riferimento alle persone che servi?

MR: In primo luogo un commento sull'etichetta del "cosiddetto farmaco psichiatrico" che riflette chiaramente i dubbi e la sfiducia di questi farmaci. Siamo in un'era molto riduzionistica in cui una vasta gamma di disagi e disabilità psicologiche ed emotive viene definita come malattie cerebrali. L'ulteriore asserzione che tutte queste condizioni sono viste al meglio come squilibri chimici che necessitano di farmaci per ripristinare un sano equilibrio è ancora più discutibile. È molto più probabile che i farmaci stiano creando un nuovo cambiamento nell'equilibrio chimico che è spesso utile, ad esempio riducendo ansia, depressione, psicosi o sbalzi d'umore, indipendentemente dalla causa sottostante. Ecco perché in realtà non dobbiamo capire perché qualcuno ha qualche sintomo per aiutarli con i farmaci.

Per essere onesti, tuttavia, è così che la stragrande maggioranza dei farmaci funziona in tutta la medicina. I farmaci per l'ipertensione non correggono il motivo alla base della pressione alta, ma solo artificialmente, utilmente, abbassano la pressione sanguigna a prescindere dalla causa. La stessa cosa vale per medicinali antinfiammatori, antiacidi, farmaci per il colesterolo, farmaci per il diabete, gocce di glaucoma – la lista potrebbe continuare all'infinito. Ma quando abbiamo a che fare con il cervello – la cosa più complessa dell'universo – che è intimamente connesso alla nostra mente, pensieri, emozioni, coscienza, la nostra personalità, la nostra identità sociale, persino il nostro spirito – questo approccio sembra molto più rozzo e profano rispetto a quando è applicato a un vaso sanguigno o a una cellula adiposa o addirittura a un rene.

Il problema non è che i farmaci psichiatrici sono peggiori di altri tipi di farmaci. Il problema è che i cervelli sono molto più sorprendenti del resto del nostro corpo (almeno dal mio punto di vista di psichiatra, anche se conosco un endocrinologo che pensa che i pancreas e le cellule adipose siano più sorprendenti dei cervelli).

Pertanto, a mio avviso, la prima cosa che dovremmo fare quando usiamo i farmaci psichiatrici è essere attenti, premurosi, compassionevoli, altamente individualizzati e collaborativi. Troppo spesso invece i farmaci vengono prescritti in modo sorprendentemente superficiale e sconsiderato. La crescente domanda di farmaci e l'offerta limitata di prescrittori sta portando a servizi di prescrizione sempre più rapidi, "efficienti" – una tendenza molto preoccupante.

Molte persone si sentono piuttosto traumatizzate dai servizi di cura che hanno ricevuto – tra cui diagnosi superficiali, conflittuali, inaccurate, farmaci forzati, overmedication, impotenza, gravi effetti collaterali, cambiamenti a lungo termine, con i loro sentimenti personali e storie e sforzi spirituali ridotti a sintomi da eliminati e aggrediti, dovendo fare affidamento sulle medicine per sempre, stigma e pregiudizio e etichettatura, ecc. – la maggior parte dei servizi sono raramente sensibili o utili a questi aspetti traumatici dei farmaci psichiatrici.

Abbiamo sviluppato un approccio di collaborazione farmacologica all'interno del modello di recupero che aiuta a mitigare gran parte degli aspetti più distruttivi della prescrizione del modello medico. I nostri strumenti chiave sono:

1. Formulazioni centrate sulla persona anziché diagnosi centrate sulla malattia

2. Servizi basati sulla relazione

3. Il trauma ha informato le cure

4. Terapie e trattamenti guidati dagli obiettivi

5. Processo decisionale condiviso

6. Pazienti attivati ​​che promuovono i propri recuperi

7. Costruire la resilienza

Anche con queste strategie, tuttavia, abbiamo ancora bisogno di ascoltare attentamente la persona che stiamo cercando di aiutare e di essere umili riguardo alle nostre comprensioni e ai nostri farmaci.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

MR: Troppo spesso ci troviamo in un posto in cui le persone abbracciano il modello medico interamente – cercando all'infinito il trattamento perfetto, il dottore o terapeuta giusto, il farmaco giusto, l'ospedale o il programma giusto e poi consegnati ai professionisti per risolverli, come funziona in TV – oppure rifiutano le cure mediche o addirittura la psicoterapia e cercano di riprendersi da soli, o interamente all'interno di una controcultura.

Non penso che l'estremo sia l'opzione migliore, ma troppo spesso è tutto ciò che è disponibile. La maggior parte delle persone che ho visto guarire ha integrato sia il trattamento professionale, spesso, ma non necessariamente i farmaci inclusi, con i propri sforzi per migliorare la propria vita. Si sono auto-responsabilizzati sia per la loro vita che per i loro trattamenti.

Ecco un elenco di cose che ho visto fare alle persone che li aiutano a recuperare. Nessuno deve eseguirli tutti e non devono essere eseguiti in alcun ordine, ma se qualcuno non li esegue, è improbabile che recuperino:

1. Parla con altre persone invece di isolare

2. Costruisci attivamente la sicurezza nella tua vita: soldi per sopravvivere, alloggi sicuri e connessioni con la famiglia, gli amici e la spiritualità

3. In realtà senti sentimenti ed emozioni invece di farli morire, medicandoli, evitandoli o alzandoti

4. Impara alcune abilità di coping emotivo

5. Impara a "usare" i farmaci invece di limitarti a "prendere" i farmaci

6. Coinvolgi (o coinvolgi nuovamente) in attività che ti rendono più divertente e interessante

7. Assumiti la responsabilità della tua vita e apporta dei cambiamenti in te stesso

8. Vai al lavoro anche quando non ti senti bene

9. Fai cose al di fuori di essere un paziente mentale e al di fuori del sistema di salute mentale

10. Migliora la salute fisica e il benessere

11. Ama le altre persone – famiglia, partner, figli

12. Lavora sull'accettazione e il perdono invece che incolpare e vendicarsi

13. Ritorna aiutando gli altri

14. Trova significato e benedizioni nella sofferenza e ricollegati a Dio e alla spiritualità.

Dovrebbero iniziare dove vogliono e fissare i propri obiettivi, perché tutti quelli che amo sono testardi e probabilmente lavoreranno più duramente su ciò che vogliono fare invece di ciò che voglio che facciano.

Inoltre, se vuoi cambiare la tua vita, è importante pensare non solo a quello che inizierai a fare in modo diverso, ma spesso più importante a quello che stai per smettere di fare che ti trattiene o ti fa soffrire – come usare droghe, odiare Dio, stare con partner abusivi, tagliarsi, spingere via tutti per evitare di farsi male di nuovo, prostituirsi, incolpare tutti, ecc. Ci sono molti modi in cui ci facciamo del male. Come diciamo al Village, "Se vuoi suonare il sassofono, devi mettere giù la papera".

**

Sono Mark Ragins, MD. Sono uno psichiatra. Sono stato al Villaggio MHALA da quando è stato inaugurato nel 1990. Ho lavorato ai nostri team di Full Service Partnership, al nostro programma di assistenza per i senza tetto, alla nostra Accademia della gioventù di transizione e ora al nostro team di accoglienza e al nostro direttore medico. Sono anche stato pesantemente coinvolto nel Movimento di recupero per 25 anni scrivendo, parlando, formando, consultando e sviluppando strumenti clinici e amministrativi a supporto del nostro lavoro. Controlla i nostri siti web su http://mhala.org e mhavillage.squarespace.com

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Per vedere il roster completo di 100 ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

  • Puoi perdonare?
  • Calendario di sensibilizzazione 2017
  • Famiglie frantumate: le tre fasi della sofferenza
  • Guns in America: cosa c'entra Freud e il sesso con esso?
  • Un libro cardine su PTSD
  • Veterani legati al college
  • Personalità borderline: una diagnosi BPD implica infuria?
  • Come superare i pericoli dell'umiliazione
  • Sei stressato ed esausto?
  • Ricordando l'11 settembre
  • Aumento della forza di volontà e della resilienza
  • Come incorporare più gratitudine nella tua vita quest'anno
  • PTSD e crimine: un altro collegamento causale non plausibile
  • Conseguenze devastanti per cattiva condotta relativamente minore
  • Questo è davvero successo. . . Una specie di
  • Sam Bradford: rimanere positivo di fronte alle avversità
  • Roy Moore e Abuso sessuale di giovani donne
  • L'importanza di ridurre lo stress durante la gravidanza: parte II
  • 13 suggerimenti per l'utilizzo di Entertainment come terapia
  • Trauma, PTSD e distorsione di memoria
  • Recensione di "Dickinson Unbound"
  • La capacità di memoria diminuisce dopo l'età 20
  • Fanny Moser (1848-1925)
  • Disturbo esplosivo intermittente: No, questo NON è tutto su Mel "Mad Max" Gibson!
  • I boia della prigione affrontano un trauma correlato al lavoro
  • Il trattamento in 12 fasi funziona inducendo PTSD?
  • Due modi a basso costo per evitare la sfida al colpo d'urgenza ad alto costo
  • Presunti ragazzi spia russi: lealtà e tradimento
  • Come avvocati e psicologi stanno aiutando i bambini immigrati
  • Personalità e il cervello, parte 8
  • La giustizia riparatoria è esausta?
  • Sesso e spiritualità
  • 5 fatti essenziali su bambini e guerra
  • Cambiare vite insieme al sistema
  • 7 strategie pratiche per superare il dolore emotivo
  • Il pericolo principale non è una diagnosi, ma la mente polarizzata