'Marathon Runner' o 'Sprinter'?

Quando si tratta di 'correre' come un'attività sportiva, ti consideri più una maratona che un tipo di velocista …. o vice versa? Da quello che sai di te come personalità, sia fisicamente che mentalmente, ti iscriveresti per la corsa di endurance da 20 miglia o per il tratto da 100 yard del velocista? Chiedo la domanda perché la tua preferenza fornirebbe un buon indizio riguardo alla disposizione psicologica generale della tua personalità.

Per rimanere il corso di maratona richiede la resistenza e la volontà di persistere nella situazione per un tempo relativamente lungo, elaborando la propria strategia man mano che la gara progredisce. Quindi ti vedi come se avessi il tipo di abilità fisica e volontà mentale, che ti permetterebbe di rimanere il corso di maratona per un periodo di tempo relativamente lungo …. cercando di avvicinarti il ​​più possibile alla vittoria? O pensi che lo sprint di 100 o 220 yard sia più "lungo la tua strada", in quanto richiede una concentrazione e concentrazione di tutte le energie corporee e delle risorse tattiche mentali, lavorando insieme per un periodo limitato di tempo?

Circa a metà della formazione dei piloti nella Royal Air Force durante la seconda guerra mondiale, la decisione fu presa dagli ufficiali istruttori sul fatto che un tirocinante sarebbe stato inviato al comando caccia, al comando dei bombardieri o al comando costiero. Per ognuno di questi rami del servizio in tempo di guerra aveva un lavoro particolare da svolgere, utilizzando diversi tipi di velivoli, ognuno dei quali richiedeva una particolare "abilità pilota" per funzionare in modo efficace. Inoltre, le abilità di volo non resistenti, i piloti dovrebbero possedere le caratteristiche psicologiche più adatte alla funzione del Comando in cui volavano. Per fare una generale generalizzazione – e non necessariamente una faccenda – si potrebbe dire che per alcuni Comandi erano richieste personalità di tipo "maratona"; 'tipi sprinter' per gli altri.

I piloti da combattimento durante la Battaglia d'Inghilterra avevano solo due o tre minuti per arrivare in volo quando la notifica dei bombardieri tedeschi che si avvicinavano alla costa meridionale dell'Inghilterra fu trasmessa alle RAF Fighter Stations che difendevano la Gran Bretagna sudorientale e l'avvicinamento a Londra. Una volta in aria dovettero guadagnare rapidamente l'altitudine per ingaggiare i bombardieri pesanti tedeschi e la loro scorta di combattenti in pochi minuti. Non c'era tempo da perdere. Lo Spitfire e l' Hurricane (i due aerei da combattimento britannici coinvolti) trasportavano abbastanza carburante ad alto numero di ottani per circa 60 minuti di volo acrobatico intensivo coinvolti: 60 minuti di vita e di morte. Le perdite negli aerei e nei piloti erano molto, molto, alte. È stato stimato che se la Germania avesse mantenuto l'attacco aereo per un'altra settimana, la guerra sarebbe andata perduta. L'osservazione storica di Winston Churchill, " Non è mai stato tanto dovuto da così tanti a così pochi …" è risuonata nel corso della storia.

Nell'azione, nell'aria, la psicologia di un pilota da combattimento potrebbe essere paragonata a quella della "molla": il processo decisionale istantaneo; azione di frazione di secondo. I sensi sono altamente e finemente sintonizzati per valutare distanze, velocità, posizioni di tutto ciò che accade nell'aria intorno a loro …. e istintivamente, intuitivamente, neutralizza le mosse aggressive del nemico per abbatterne uno, e sconfiggerlo per sparargli fuori dal cielo. E tutto nello "spazio" di pochi minuti. Incontri giustamente chiamati "combattimenti di cani". Non tutti possiedono il tipo di coscienza per diventare così concentrati esternamente …. e invocare tali risorse percettive e di energia nervosa istantanee per rispondere rapidamente a eventi esterni – una caratteristica psicologica che è definita genericamente in termini psicologici come estroversa.

Tuttavia, i piloti di Bomber e Coastal Commands, che volavano su un aereo come l' Avro Lancaster, potevano essere in volo per 6 o 7 ore alla volta: periodi prolungati di concentrazione in un ambiente chiuso con altri sei membri dell'equipaggio, ma il solo responsabile della gestione complessi sistemi meccanici di un grande aereo a quattro motori. I fattori esterni pericolosi erano sempre presenti: attacchi da caccia notturni dotati di radar come il ME110; fuoco antiaereo dalle batterie di terra; condizioni meteorologiche avverse … Eppure uno non era solo: altri membri dell'equipaggio – mitraglieri, navigatori, ingegneri di volo, operatori wireless, tutti che lavoravano come supporto morale fornito dalla squadra e aiuto "specializzato" nell'affrontare tali pericoli intrinseci.

Ma tutto sommato, il pilota del Comando Bombardiere (e in misura minore quelli che volavano nel Comando Costiero dove gli attacchi nemici erano meno probabili), aveva bisogno di possedere un certo fatalismo filosofico – portare a sopportare il tipo di resistenza mentale ed emotiva che induceva un certo 'fortezza interiore' …. una sorta di comunione con se stessi che ha funzionato contro la paura e ha permesso di sopportare l'esito incerto della missione. Il pilota bombardiere stava sempre "giocando un gioco d'attesa" – sia con se stesso che con la natura della sua situazione esterna – una caratteristica psicologica che è vagamente definita come introversa

Tuttavia, il predominio totale di entrambe le caratteristiche nella personalità di una persona di fronte agli "avvenimenti" della vita non è una buona cosa, rendendo il giudizio meno saggio e la risposta comportamentale meno appropriata, meno equilibrata …. Se non esiste un'alleanza di lavoro tra le facoltà di coscienza estroversa (estroversa) e introversa (a indaffaratura), allora è probabile che un certo grado di schizofrenia si verifichi.

È davvero solo una questione di grado che rende un maratoneta o un velocista: un pilota di caccia o un pilota di bombardieri … o semplicemente in grado di vivere una vita doppia e altamente personale efficace.

Solutions Collecting From Web of "'Marathon Runner' o 'Sprinter'?"