Mantenere il legame attraverso la commemorazione vivente

wikimedia commons
Fonte: wikimedia commons

Quando una persona che amiamo muore, incluso un amato compagno animale, potremmo pensare che il legame sia stato spezzato, che la nostra relazione con questo essere incredibile sia finita. Ma la memoria è un modo per mantenere il legame. Non è solo il ricordo di una persona cara che viene mantenuta viva, ma la relazione stessa.

Durante la colazione poche settimane fa, ho avuto una conversazione molto interessante con Emily Mroz, una studentessa di psicologia all'Università della Florida, e il suo mentore di facoltà, professore di psicologia Susan Bluck. Entrambi stanno lavorando nell'area della memoria. La ricerca di tesi di Mroz, in collaborazione con Bluck, si concentra sulla commemorazione umana della morte di una persona cara. Ma mentre mi raccontavano del loro lavoro, pensavo che fosse forse applicabile anche agli animali da compagnia.

Mroz e Bluck iniziano con quello che gli psicologi definiscono legami continui: l'idea che una sana lutto possa essere raggiunta meglio cercando di creare "legami continui" con i morti piuttosto che sforzandosi di "lasciar andare". Invece di cercare di dimenticare, cerchiamo di ricordare.

Uno dei modi in cui il ricordo, oi legami continui, possono essere mantenuti è attraverso la memorizzazione, in particolare attraverso concreti richiami fisici dei morti. Ma non tutti i memoriali sono uguali, suggerisce la ricerca di Mroz e Bluck. Alcune forme di memorizzazione possono migliorare i legami continui meglio di altri.

Prendi in considerazione due diversi approcci alla memorizzazione.

Intimità continua (Ricordando la vita della persona amata): alcuni oggetti o comportamenti innescano i ricordi della persona amata come vivi e bene, come parte della nostra vita quotidiana. Questi oggetti o comportamenti favoriscono il "richiamo di memorie condivise" e aiutano a "mantenere un senso della relazione anche dopo la morte". (P.4) Alcuni esempi, dal regno umano, potrebbero includere indossare una collana o un cappello che apparteneva a il defunto o raccontando storie su di loro. "Questo tipo di memoriale", dice Mroz, "è probabile che fornisca spunti ricchi di memoria per aiutare a sostenere il ricordo nel tempo, aiutando così le persone con l'obiettivo emotivamente significativo di ricordare la loro amata e promuovere legami continui." (P.5)

Affrontare la perdita (ricordando la morte di una persona amata): alcune forme di commemorazione focalizzano l'attenzione sulla morte della persona piuttosto che sulla loro vita. Mroz suggerisce, per esempio, che un'urna piena di ceneri cremate sul mantello o un tatuaggio con la data della morte serva a ricordare al lutto che la loro persona amata è morta. Focalizzano l'attenzione sulla perdita, e quindi non servono a "stringere legami con la vita della persona amata" e quindi non mantengono un legame continuo. Questi tipi di pratiche commemorative possono indicare che il lutto è "alle prese con la realtà a volte schiacciante che la perdita è definitiva", "può perpetuare l'attaccamento mal-adattivo post-perdita" (p, 16) e può essere un sintomo di dolore complicato.

La ricerca indica che le pratiche di commemorazione che si concentrano sul ricordo dei vivi sono più gradite per mantenere una sensazione di intimità continua, sono più propensi a promuovere legami continui e probabilmente sono anche in grado di assistere nel processo di lutto delle pratiche che si concentrano sul ricordo dei morti.

Mroz e Bluck hanno anche esaminato alcune delle possibili influenze che predicono le singole "preferenze di memorizzazione". Una maggiore accettazione della morte come naturale e inevitabile e la credenza in un aldilà sembrano essere legate alla preferenza per ricordare i vivi, mentre coloro che hanno avuto un'esperienza inquietante con la morte in passato mostrano una preferenza per il ricordo dei morti.

Dalla mia conversazione con loro, ho riflettuto sulle implicazioni del lavoro di Mroz e Bluck nella mia area di specializzazione: la cura della fine della vita per gli animali e i loro compagni umani. Le sue scoperte sui legami continui e sui vantaggi di scegliere forme di commemorazione che enfatizzino il vivere si estendano nel regno della commemorazione dell'animale domestico? Se è così, questo potrebbe fornire una guida utile per veterinari e professionisti della salute mentale che si occupano di lutto per animali domestici. Alcune delle forme più comuni di commemorazione dell'animale domestico – l'impronta di argilla presa subito dopo l'eutanasia, l'urna di resti cremati restituiti una settimana o due dopo la morte – sembrano ricordi della morte, non della vita di un animale. Guardando in giro per casa mia ai memoriali che ho del mio cane Ody (che è morto nel 2009), l'impronta e l'urna sono (incidentalmente) spinte sul retro di una libreria. Prima di parlare con Mroz e Bluck, non avevo pensato al fatto che questi mi ricordano il giorno in cui abbiamo avuto Ody eutanasia, uno dei peggiori giorni della mia vita, e forse è per questo che ho, senza rendermene conto, spinto questi indietro dalla vista. Sul display prominente, appeso alla lampada sulla mia scrivania, c'è il colletto di Ody, che mi ricorda le nostre corse quotidiane, e che sono (vedo ora) un tentativo di ricordarlo mentre faceva ciò che amava di più.

Solutions Collecting From Web of "Mantenere il legame attraverso la commemorazione vivente"