Mantenere gli sport nella loro posizione corretta

Lo scorso fine settimana, ero su Twitter dopo che la mia squadra di calcio preferita, l'Arsenal, aveva perso 2-0 in casa contro Swansea. Mentre leggevo i tweet dei fan che esprimevano la frustrazione di essere al decimo posto a questo punto della stagione, lo sentivo anche io. Il team è sottoperformante e, come fan appassionato, è frustrante. Come qualcuno che è cresciuto a Kansas City, e come fan devoto dei Chiefs, sono in sintonia con un'altra fan base e la loro frustrazione per una stagione difficile e deludente sul campo.

Come probabilmente saprà la maggior parte dei lettori, sabato scorso Jovan Belcher, un linebacker dei Kansas City Chiefs, ha assassinato la sua ragazza, Kasandra Perkins (per la sua storia, va qui) e poi ha guidato verso Arrowhead Stadium e si è suicidata. La partita di domenica è andata come previsto, e i Chiefs hanno vinto per la seconda volta in questa stagione.

Nelle ore e ora dopo questi orribili eventi, i commentatori hanno parlato di come questo "metta il calcio al suo giusto posto" e mi sono trovato a pensare che questo è un promemoria della prospettiva che dovremmo assumere nello sport. Siamo appassionati di sport. Amiamo i nostri team, ci lamentiamo dei nostri team e li seguiamo in tempi buoni e cattivi. Una cosa è essere appassionati delle nostre squadre, ma alcuni di noi possono andare troppo lontano e mettere lo sport sopra altre cose che contano di più. La mia paura e la mia convinzione, tuttavia, è che mentre i giorni e le settimane passano, mentre questa tragedia svanisce dalla nostra memoria collettiva, svaniranno anche tutte le banalità sul mantenere gli sport nella giusta prospettiva.

Forse la cosa migliore e più utile che ho sentito nei giorni scorsi sono i commenti dei capi QB Brady Quinn:

L'unica cosa che le persone possono sperare di portare via, credo, sono le relazioni che hanno con le persone. So quando è successo, ero seduto e, nella mia testa, pensavo a quello che avrei potuto fare diversamente. Quando chiedi a qualcuno come stanno, intendi davvero? Quando rispondi a qualcuno come stai, stai davvero dicendo la verità? Viviamo in una società di social network, con pagine Twitter e Facebook, e va bene, ma abbiamo contatti con i nostri colleghi di lavoro, la nostra famiglia, i nostri amici, e sembra che metà del tempo siamo più preoccupati con il nostro telefono e altri le cose accadono invece delle relazioni reali che abbiamo di fronte a noi. Si spera che le persone possano imparare da questo e cercare di aiutare effettivamente se qualcuno sta combattendo qualcosa di più profondo all'interno di quello che stanno rivelando giorno per giorno.

Come ho già detto prima, ho cancellato il mio account Facebook. E anche se uso Twitter, ho intenzione di passare meno tempo lì nei giorni a venire. I social network hanno il loro posto, ma il contatto umano faccia a faccia è insostituibile. Quindi, invece di sfogliare i tweet di fan frustrati o festanti e blogger legati alla tua squadra preferita, o di sottoporti ai dettagli minuscoli e spesso fuorvianti della vita degli altri tramite Facebook, seguiamo il consiglio di Brady Quinn: metti giù lo smartphone e coinvolgi le persone nella nostra vita quotidiana, coltivando le nostre relazioni faccia a faccia. È una delle cose più umane che possiamo fare.

Solutions Collecting From Web of "Mantenere gli sport nella loro posizione corretta"