Manifesto 15: Triggering the Education Revolution

Articolo 4 del Manifesto 15

John Moravec è un cittadino del mondo, la cui prospettiva sull'educazione è globale e futuristica. È il fondatore di Education Futures LLC, autore di un libro chiamato Knowmad Society e co-direttore del progetto Invisible Learning. L'ho incontrato in tre occasioni: una volta in Germania, quando abbiamo lavorato insieme a un comitato consultivo per aiutare una nuova scuola democratica a iniziare a Monaco e due volte nei Paesi Bassi a sostegno dell'educazione democratica in Europa.

Il 1 ° gennaio 2015, quando molti si stavano riprendendo dalla vigilia di Capodanno, John ha distribuito un documento che ha intitolato, semplicemente, "Manifesto 15." Siamo in un momento storico che è maturo per un ripensamento in tutto il mondo e un rapido cambiamento in , formazione scolastica. Il Manifesto 15 può contribuire a promuoverlo.

Il sottotitolo del manifesto è "Evolving Learning". L'evoluzione, sia biologica che culturale, può avvenire in due modi. Uno è attraverso il cambiamento graduale nei sistemi esistenti e l'altro è attraverso l'emergere di nuovi sistemi che occupano le nicchie di, e quindi sostituiscono, le vecchie. Come ho discusso altrove, penso che quest'ultimo sia il modo in cui l'educazione deve cambiare e sta già cambiando. Il nostro attuale sistema educativo è un dinosauro, incapace di adattarsi.

Concordo, almeno per quanto riguarda l'educazione, con il commentatore del Manifesto 15 che, citando Buckminster Fuller, ha scritto: "Non cambi mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un nuovo modello che rende obsoleto il modello esistente. "Penso che il cambiamento che questo manifesto aiuterà a innescare consisterà in migliaia di piccole rivoluzioni che si verificano localmente, in modi diversi in luoghi diversi, in tutto il mondo. Come puoi vedere, sotto, John è d'accordo.

Ristamperò l'intero manifesto, di seguito, ma prima:

I commenti di John Moravec sul Manifesto 15

Ho chiesto a John alcuni commenti per accompagnare la ristampa del Manifesto 15 su questo post, ed ecco cosa mi ha mandato:

"Il manifesto intende servire da 'istantanea' di ciò che abbiamo imparato fino ad oggi per quanto riguarda la creazione di un futuro di istruzione positivo. Non ha lo scopo di fingere di avere tutte le risposte o le idee migliori, ma è una valutazione onesta di dove siamo stati, e, attraverso una dichiarazione di principi, illustrare dove vorremmo andare.

"La visione del documento è globale. È una dichiarazione di principi, ed è per questo che non è prescrittivo su ciò che dobbiamo fare. Credo che dobbiamo occuparci di un'ecologia diversificata di opzioni piuttosto che una metanarrativa principale per il futuro dell'istruzione. E, se vogliamo creare un'ecologia diversificata di opzioni, dobbiamo costruire molta più fiducia tra noi stessi, le nostre comunità, i genitori, gli studenti, i governi, ecc …. L'articolo 12 parla di questo, credo, e penso che questo punto sia super importante da sottolineare.

"Riconosco che non tutti saranno d'accordo con tutto ciò che è nel manifesto o che altri potrebbero considerarlo incompleto. È importante ispirare più conversazioni possibili. Quindi, il documento è concesso sotto licenza Creative Commons, che dà (e incoraggia!) Le persone a remixare ciò che abbiamo scritto e condiviso con le loro comunità.

"Sono solo scioccato dalla portata del Manifesto 15 in appena una settimana. Abbiamo avuto lettori da 84 paesi. Le persone – la maggior parte delle quali erano estranee fino ad ora – stanno inviando traduzioni completamente non richieste nelle lingue locali. A partire da questa sera, è disponibile in sette lingue e almeno altri sei sono in corso.

"Questa mattina, Rebeca Zuñiga, una guatemalteca, ha inviato una bella illustrazione dei punti chiave del manifesto: qui – questo è semplicemente stupefacente. Non avrei mai immaginato che avremmo ricevuto una risposta così fenomenale … e non richiesti da perfetti sconosciuti!

"Non avrei mai immaginato che questo progetto avrebbe ricevuto una tale accoglienza. Ancora una volta, questa è solo una dichiarazione di principi e non un piano di azione. Tuttavia, potremmo aver appena acceso un movimento. È il momento di impegnarsi in una grande conversazione intorno ai nostri prossimi passi. "

E ora, ecco il Manifesto

Manifesto 15: Apprendimento in evoluzione

1 gennaio 2015

Molti dei documenti più stimolanti sono fortemente associati a una data. La dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti fu firmata il 4 luglio 1776; La Carta 77 emerse nel gennaio 1977; Dogme 95 è stato realizzato nel 1995. Le idee si trasformano e si sviluppano nel tempo. Questo manifesto rappresenta un'istantanea delle nostre idee, delle visioni per il futuro e di ciò che abbiamo imparato fino ad oggi sull'apprendimento e l'educazione. Questo testo serve come punto di riferimento per aiutarci a capire come abbiamo fatto finora e quali azioni dobbiamo intraprendere successivamente.

In un mondo consumato dall'incertezza e dal crescente senso dell'obsolescenza dei nostri sistemi educativi, come possiamo garantire il successo di noi stessi come individui, le nostre comunità e il pianeta? Abbiamo bisogno di evolvere l'educazione.

Quello che abbiamo imparato finora

1. Il futuro è già qui, non è distribuito equamente " (William Gibson, in Gladstone, 1999). Il campo dell'istruzione è in forte ritardo rispetto alla maggior parte degli altri settori, in gran parte dalla nostra tendenza a guardare indietro, ma non in avanti. Insegniamo la storia della letteratura, per esempio, ma non il futuro della scrittura. Insegniamo concetti matematici storicamente importanti, ma non ci impegniamo a creare nuovi strumenti matematici necessari per costruire il futuro. Inoltre, tutto ciò che è "rivoluzionario" nell'apprendimento si è già verificato su scale diverse, in frammenti, in luoghi diversi. Gli impatti completi per noi stessi e le nostre organizzazioni saranno realizzati quando svilupperemo il coraggio di imparare dalle esperienze degli altri e accettiamo il rischio e la responsabilità nell'applicare un orientamento al futuro nella nostra prassi.

2. Le scuole 1.0 non possono insegnare a 3.0 bambini. Abbiamo bisogno di ridefinire e costruire una chiara comprensione di ciò per cui stiamo educando, perché lo facciamo e per i nostri sistemi educativi. La scuola dell'obbligo principale si basa su un modello obsoleto del XVIII secolo per la creazione di cittadini con il potenziale per diventare operai e burocrati leali e produttivi. Nell'era postindustriale, questo non dovrebbe essere più l'obiettivo finale dell'educazione. Dobbiamo aiutare gli studenti a diventare innovatori, in grado di sfruttare la propria immaginazione e creatività per realizzare nuovi risultati per la società. Lo facciamo perché le sfide di oggi non possono essere risolte attraverso il vecchio modo di pensare. E siamo tutti corresponsabili della creazione di futuri con risultati positivi a vantaggio di tutte le persone nel mondo.

3. Anche i bambini sono persone. Tutti gli studenti devono essere trattati e rispettati come esseri umani con diritti umani e responsabilità riconosciuti e universali. Ciò significa che gli studenti devono avere voce in capitolo nelle scelte riguardanti il ​​loro apprendimento, compreso il modo in cui le loro scuole sono gestite, come e quando imparano, e tutte le altre aree della vita quotidiana. Questa è inclusione nel vero senso della parola. Agli studenti di tutte le età devono essere concesse libertà per perseguire opportunità educative e approcci per l'apprendimento che siano appropriati per loro, purché le loro decisioni non violino le libertà degli altri di fare lo stesso (adattato da EUDEC, 2005).

4. Il brivido di saltare da una scogliera decidendo di farlo da solo è un alto che non avrai mai se qualcuno ti spingesse fuori da esso. In altre parole, il modello di apprendimento top-down, insegnante-studente non massimizza l'apprendimento in quanto divora la curiosità ed elimina la motivazione intrinseca. Dobbiamo abbracciare approcci pianificati, orizzontali e distribuiti all'apprendimento, tra cui l'apprendimento tra pari e l'insegnamento tra pari, e consentire agli studenti di realizzare l'autentica pratica di queste modalità. Gli educatori devono creare spazio per consentire agli studenti di determinare se e quando, saltare giù dalla scogliera. Fallire è una parte naturale dell'apprendimento in cui possiamo sempre riprovarci. In un ambiente di apprendimento piatto, il ruolo dell'insegnante è quello di aiutare a fare in modo che lo studente prenda una decisione equilibrata. Fallire è ok, ma la creazione di fallimenti no.

5. Non valutare ciò che misuriamo, misurare ciò che apprezziamo. Nella nostra ossessione per i test, abbiamo in qualche modo permesso all'OCSE di diventare "il ministero dell'educazione mondiale" attraverso il regime PISA, e il culto della misurazione educativa si sta diffondendo in tutto il mondo. A livello nazionale, da stato a stato, è come se fossimo in competizione per essere il bambino più bello di una famiglia monotona. Ancora peggio, le nostre scuole producono politici e leader politici che non sanno interpretare i punteggi dei test. Le migliori innovazioni vengono spesso eliminate nel momento in cui iniziamo a preoccuparci della misurazione. Dobbiamo porre fine alle prove obbligatorie e reinvestire queste risorse in iniziative educative che creino valore autentico e opportunità di crescita.

6. Se la "tecnologia" è la risposta, quale era la domanda? Sembra che siamo ossessionati dalle nuove tecnologie pur avendo poca comprensione di cosa sono o di come possono avere un impatto sull'apprendimento. Le tecnologie sono ottime per fare ciò che stiamo facendo meglio, ma usare le nuove tecnologie per fare le stesse cose vecchie in classe è un'opportunità persa. Le lavagne nere sono state sostituite da lavagne bianche e SMART. I libri sono stati sostituiti da iPad. È come costruire una centrale nucleare per alimentare un carro trainato da cavalli. Eppure, nulla è cambiato e concentriamo ancora enormi risorse su questi strumenti, e sperperiamo le nostre opportunità di sfruttare il loro potenziale per trasformare ciò che apprendiamo e come lo facciamo. Ricreando le pratiche del passato con le tecnologie, le scuole si concentrano maggiormente sulla gestione dell'hardware e del software piuttosto che sullo sviluppo del mindware degli studenti e sull'uso intenzionale di questi strumenti.

7. Le competenze di apprendimento digitale sono invisibili, e quindi le tecnologie dovrebbero essere nelle scuole. L'apprendimento invisibile è un riconoscimento che la maggior parte dell'apprendimento che facciamo è "invisibile" – cioè, è attraverso esperienze informali, non formali e fortuite piuttosto che attraverso l'istruzione formale (Cobo & Moravec, 2011). Prende in considerazione l'impatto dei progressi tecnologici per abilitare veramente gli spazi invisibili a emergere – ma, come gli spazi, anche l'uso delle tecnologie è invisibile e fluido. Se la sfida per le nostre scuole e i nostri governi è quella di creare studenti che si distinguono per creatività e innovazione, e non per studenti che memorizzano e ripetono senza pensieri vecchie idee, qualsiasi utilizzo di tecnologie per l'apprendimento deve consentire queste direzioni creative e innovative. Le scuole non dovrebbero usare il computer per "lavorare" intorno ai parametri pre-assegnati con risultati prescritti; dovrebbero essere usati per aiutare a progettare e creare prodotti e risultati di apprendimento che vanno oltre l'immaginazione del curriculum. Piuttosto che mettere la tecnologia in prima linea e oscurare l'apprendimento, renderlo invisibile ma ambientale, consentendo agli studenti di scoprire i propri percorsi di sviluppo con questi strumenti.

8. Non possiamo gestire la conoscenza. Quando parliamo di conoscenza e innovazione, ripetiamo spesso o confondiamo i concetti con dati e informazioni. Troppo spesso ci prendiamo in giro pensando di dare ai bambini la conoscenza, quando li stiamo solo testando per sapere quali informazioni possono ripetere. Per essere chiari: i dati sono bit e pezzi qua e là, dai quali ci uniamo in informazioni . La conoscenza consiste nel prendere informazioni e creare significato a livello personale. Innoviamo quando agiamo con ciò che sappiamo per creare un nuovo valore. Comprendere questa differenza mette in luce uno dei maggiori problemi della gestione e dell'insegnamento scolastico: sebbene siamo bravi a gestire le informazioni, semplicemente non possiamo gestire le conoscenze nella testa degli studenti senza ridurle alle informazioni.

9. "La rete è l'apprendimento" (Siemens, 2007). La pedagogia emergente di questo secolo non è pianificata con attenzione. Piuttosto, è sviluppato fluidamente. I nostri attraversamenti attraverso le reti sono i nostri percorsi di apprendimento e, man mano che la rete si espande, anche il nostro apprendimento. Nell'approccio connettivistico all'apprendimento, colleghiamo le nostre conoscenze individuali per creare nuove comprensioni. Condividiamo le nostre esperienze e creiamo nuove conoscenze (sociali) come risultato. Dobbiamo concentrarci sulla capacità delle persone di navigare in questo spazio e creare connessioni da soli, scoprendo in che modo le loro conoscenze e talenti unici possono essere contestualizzati per risolvere nuovi problemi.

10. Il futuro appartiene a nerd, geek, creatori, sognatori e conoscenti. Sebbene non tutti debbano o debbano essere imprenditori, coloro che non sviluppano capacità imprenditoriali sono in grave svantaggio. I nostri sistemi educativi dovrebbero concentrarsi sullo sviluppo degli imprenditori : individui che sfruttano le loro conoscenze specializzate per sognare, creare, creare, esplorare, apprendere e promuovere iniziative imprenditoriali, culturali o sociali, assumendosi rischi e godendo il processo tanto quanto il risultato finale, senza temere i potenziali fallimenti o errori che il viaggio include.

11. Rompi le regole, ma capisci perché , chiaramente, prima. I nostri sistemi scolastici sono basati su culture di obbedienza, rispetto forzato e autocompiacimento. Le creatività degli studenti, dello staff e delle nostre istituzioni sono intrinsecamente frustrate. È più facile sentirsi dire cosa pensare che pensare noi stessi. Fare domande apertamente e costruire una consapevolezza metacognitiva di ciò che abbiamo creato e di ciò che vorremmo fare al riguardo, può curare al meglio questo malessere istituzionalizzato. Solo così possiamo progettare interruzioni giustificate dal sistema che sfidano lo status quo e hanno il potenziale per creare un impatto reale.

12. Dobbiamo e possiamo costruire culture di fiducia nelle nostre scuole e comunità. Finché i nostri sistemi educativi continueranno a essere basati su paura, ansia e sfiducia, le sfide a tutto ciò continueranno. Nel Minnevate! progetto (MASA, 2014), i ricercatori hanno scoperto che se gli educatori devono costruire una capacità collettiva per trasformare l'istruzione, abbiamo bisogno di comunità impegnate e dobbiamo anche impegnarci con le comunità che serviamo. Ciò richiede una nuova teoria dell'azione, centrata sulla fiducia , in cui studenti, scuole, governi, imprese, genitori e comunità possano impegnarsi in iniziative collaborative per co-creare nuovi futures nell'istruzione.

Alcuni dicono che questi principi richiedono una rivoluzione da realizzare. Altri dicono che abbiamo bisogno di un'enorme innovazione per trasformare in realtà i futures sull'istruzione positiva. Crediamo di aver bisogno di entrambi, o come afferma Ronald van den Hoff (2013): "Ciò di cui abbiamo veramente bisogno è un'innovazione !" ( P.223 ). E questa è la nostra nobile ricerca: innovare non solo con le nostre idee, ma anche con le applicazioni finalizzate di ciò che abbiamo appreso attraverso i nostri sforzi individuali e, insieme, a livello globale.

Referenze e letture raccomandate elencate sul manifesto

Cobo, C., & Moravec, JW (2011). Aprendizaje Invisible: Hacia una nueva ecología de la educación . Barcellona: Laboratori de Mitjans Interactius / Publicacions i Edicions de la Universitat de Barcelona. http://www.aprendizajeinvisible.com (http://www.aprendizajeinvisible.com)

EUDEC. (2005). Documento di orientamento EUDEC. Comunità europea per l'educazione democratica. Recuperato il 1 ° gennaio 2015 da http://www.eudec.org/Guidance+Document#Article_1:20_Definitions (http://www.eudec.org/Guidance+Document#Article_1:20_Definitions)

Gladstone, B. (Produttore). (1999, 30 novembre). La scienza nella fantascienza [episodio radiofonico]. In Talk of the Nation . Washington, DC: National Public Radio. http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=1067220 (http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=1067220)

Gray, P. (2013). Libero di imparare . New York: libri di base.

van den Hoff, R. (2013). Society30: Knowmads e nuova creazione di valore. In JW Moravec (a cura di), Knowmad Society (pp. 231-252).

Minneapolis: Education Futures. http://www.knowmadsociety.com (http://www.knowmadsociety.com)

MASA. (2014). Minnevate! Rapporto di attività 2013-2014 . St. Paul, MN: Minnesota Association of School Administrators. http://minnevate.mnasa.org (http://minnevate.mnasa.org)

Moravec, JW (Ed.) (2013). Knowmad Society . Minneapolis: Education Futures. ISBN (edizione stampata): http://www.knowmadsociety.com (http://www.knowmadsociety.com)

Siemens, G. (2007). La rete è l'apprendimento. (Http://www.youtube.com/watch?v=rpbkdeyFxZw)

—–

Cosa puoi fare

Non devi essere d'accordo al 100% con questo manifesto. Le persone più riflessive troveranno qualcosa di cui cavillare riguardo a qualsiasi cosa che chiunque altro che non scrive. Ma se sei d'accordo con il 90% di esso e trovi il resto di cui vale la pena parlare, ti invito a firmarlo qui, dove puoi anche aggiungere i tuoi commenti e inviarlo ad altri. Inoltre, si prega di inviare questo post sul blog ad altri.

Sia che tu sia d'accordo con questo manifesto, ti invito ad aggiungere i tuoi pensieri, critiche, commenti e domande nella sezione commenti qui sotto. Questo blog è un forum di discussione e i tuoi pensieri sono apprezzati e trattati con rispetto da me e dagli altri lettori. Come sempre, preferisco pubblicare i tuoi pensieri e le tue domande piuttosto che inviarmeli per e-mail privata. Mettendoli qui, condividi con altri lettori, non solo con me. Leggo tutti i commenti e cerco di rispondere a tutte le domande serie, se sento di avere qualcosa di utile da dire. Certo, se hai qualcosa da dire che vale veramente solo per te e me, allora mandami una mail.

Per ulteriori informazioni sul futuro dell'educazione che è già qui e su come è possibile trovarlo, vedere AlternativesToSchool.com e Free to Learn .

Solutions Collecting From Web of "Manifesto 15: Triggering the Education Revolution"