Maniaco non maniaco: fallimenti della leadership post-9/11

Un giorno dopo il decimo anniversario degli attacchi dell'11 settembre, possiamo fare un passo indietro dal necessario riconoscimento della tragedia di quel giorno e fare domande su ciò che è accaduto in seguito.

Recentemente, uno scrittore per la stolid journal Foreign Policy ha attaccato l'ex vicepresidente Cheney per non aver ammesso, nelle sue memorie recentemente pubblicate, eventuali errori nelle decisioni post 11 settembre. L'autore ha definito Cheney un "maniaco" nel contesto di criticare le mie opinioni sui benefici dei sintomi maniacali per migliorare la creatività e la resilienza (entrambe hanno buoni studi scientifici per sostenerle). Ma essere maniacali non è la stessa cosa di essere un "maniaco"; la misura in cui permettiamo che il pregiudizio contro la malattia mentale sia dichiarato calvo è sorprendente. Se questa affermazione riguardava la razza, e uno aveva affermato che una certa razza fatta per una cattiva leadership, non la tollereremmo. Ma si può fare una simile affermazione sui sintomi maniacali, usare una parola peggiorativa con un significato diverso, e un importante giornale politico lo pubblica senza commenti. Se i benefici di essere maniacali sono così "assurdi", allora Winston Churchill avrebbe dovuto essere un completo fallimento, e Neville Chamberlain ebbe un solido successo. Il primo era maniacale molto tempo; il secondo non è mai stato.

Quindi superiamo lo stigma contro la malattia mentale, simile al razzismo, e cominciamo a pensare onestamente:

Una delle conseguenze dell'11 settembre è stata un fallimento della leadership. Tutto ciò che il presidente Bush potrebbe raccomandare è che noi attacciamo quelli che ci hanno attaccato e poi facciamo shopping. Quindi abbiamo attaccato.

E 'normale. Questo ha senso. Questo sarebbe come la maggior parte di noi avrebbe risposto nella vita normale. Dimentichiamo, tuttavia, che il Mahatma Gandhi sconsigliava la resistenza violenta quando la resistenza nonviolenta era un'opzione; Martin Luther King ha fortemente sollecitato questa visione. Diamo loro vacanze e osanna, ma rispondiamo alla violenza con la violenza. Per parafrasare il primo ministro Baldwin su Churchill negli anni '30, ci dilettiamo nell'ascoltarli, ma non prendiamo il loro consiglio.

Quindi abbiamo invaso l'Afghanistan, il che aveva un senso, dal momento che era lì che si trovava il nemico. Poi abbiamo invaso l'Iraq, che era un nemico, ma non il nemico che è successo ad attaccare l'11 settembre. Ci è stato detto altrimenti; ci hanno assicurato le armi di distruzione di massa; ci è stato detto che avremmo incontrato fiori. Nulla di ciò era vero, eppure Bush e Cheney non hanno mai ritrattato.

Hanno raddoppiato i loro sforzi, infatti, e il pubblico americano è andato avanti, rieleggendoli per il loro problema.

Nel mio lavoro sulla leadership, ho sostenuto che tutti questi comportamenti rappresentano il normale pensiero umano; media mente sano pensare e agire in questo modo. Rispondiamo alla violenza con la violenza; combattiamo i nostri nemici; abbiamo illusioni positive, come ha dimostrato la ricerca psicologica, vedere il mondo in un modo che implica che abbiamo più controllo su di esso di quanto non facciamo noi. Bush e Cheney non hanno mai avuto una grave malattia mentale, come depressione grave o disturbo bipolare. Non hanno tratti di personalità estremi e, tra coloro che li conoscono, sono simpatici e socievoli.

E questo è il problema; sono troppo normali Al contrario, Winston Churchill aveva una depressione severa ricorrente e periodi maniacali moderati di iperattività e di alta energia e pensieri di corsa, chiacchiere rapide e poca necessità di dormire. Winston ha cento idee al giorno, ha detto una volta Franklin Roosevelt, quattro delle quali sono buone. Lo stesso Roosevelt aveva dei lievi sintomi maniacali come parte della sua personalità, il cosiddetto temperamento ipertemico: parlava per quasi un'ora senza sosta in un incontro con un generale; aveva un'energia molto alta, viaggiava per centinaia di migliaia di chilometri nelle campagne senza stancarsi, nonostante la poliomielite; era estremamente estroverso, leggeva anche ad alta voce gli altri perché non gli piaceva fare nulla da solo; ha avuto un'alta libido. Tutte queste sono caratteristiche maniacali del temperamento ipertestico, una condizione biologicamente valida che è relativamente sconosciuta al pubblico.

Facciamolo bene: i signori Bush e Cheney hanno fallito come leader dopo l'11 settembre, ma questo non ha nulla a che fare con l'essere "maniaci". In effetti, penso che la principale caratteristica psicologica del fanatismo sia la salute mentale; uno è nella media e si conforma alle credenze generali della propria società. Uno quindi agisce semplicemente su quelle credenze senza pensare a alternative, e lì ce l'hai, la psicologia dietro la famosa definizione di fanatismo di Santayana: raddoppiare i tuoi sforzi dopo aver perso di vista il tuo obiettivo.

Al contrario, gli studi psicologici mostrano che le persone con depressione non hanno illusioni positive; sono più realistici dei soggetti normali. Forse è questo il motivo per cui King e Gandhi, entrambi con una grave depressione, si sono resi conto che la violenza che incontra la violenza, anche nei contesti più giustificati, alla fine non riesce a raggiungere l'obiettivo di promuovere la giustizia. Due millenni di guerre hanno dimostrato questo fatto; ma vola di fronte alla normale psicologia umana, ai nostri normali istinti aggressivi, e così continuiamo ad andare in guerra. Un po 'di depressione avrebbe aiutato i nostri leader a rendersi conto di questo fatto, e anche una piccola mania avrebbe potuto essere d'aiuto: forse avrebbero pensato creativamente soluzioni migliori di quanto immaginassero.

Chi è il "maniaco" allora? La persona normale che va costantemente in guerra? O i leader maniacali e depressi che hanno messo fine alle guerre che altri hanno iniziato, o meglio ancora, hanno cercato di insegnarci come ottenere giustizia senza combattere guerre?

Solutions Collecting From Web of "Maniaco non maniaco: fallimenti della leadership post-9/11"