Mangiare fattori di rischio di disordine e strumenti di recupero nella comunità ebraica

Il webinar è il mio nuovo strumento di diffusione delle informazioni preferito. Senza dover lasciare la tua casa, esperti, idee interessanti e approfondimenti arrivano attraverso lo schermo e gli altoparlanti del tuo computer. È un dono e una stampella per persone come me che, se ne hanno l'opportunità, sono fin troppo disposte a rinunciare alle formalità di vestirsi e pulirsi prima di iniziare il lavoro.

La Renfrew Center Foundation, impegnata da sempre in aree di pratica interessanti per quanto riguarda i disturbi alimentari, ha tenuto uno di questi seminari online la settimana scorsa sul tema delle questioni speciali coinvolte nella valutazione e nel trattamento delle donne ebree osservanti.

Il Dr. David Hahn, assistente direttore medico del Philadelphia Renfrew Center (che ha guidato il seminario insieme a Jodi Krumholz, RD, LDN e l'ex paziente di Renfrew, Rocky Horowitz), ha dipinto un'immagine di una cultura e di una religione ebraica che contiene entrambi i fattori di rischio per i disturbi alimentari e alcuni strumenti unici per il recupero.

Tutti i relatori concordano sul fatto che non ci sono dati per sostenere un aumento dei disturbi alimentari tra le donne ebree osservanti, ma che ci potrebbe essere una maggiore disponibilità tra questa popolazione a cercare aiuto per tali problemi.

Per iniziare con i fattori di rischio:

La "centralità del cibo", nella cultura ebraica. Il dottor Hahn ha osservato che le cene settimanali di Shabbat o Sabbath sono come "Ringraziamento una volta alla settimana, dove i conflitti familiari si svolgono al tavolo". Non solo, ha aggiunto, è spesso "un tavolo molto pubblico" che coinvolge gli ospiti, e caratterizzato da "modelli micro-gestiti di mangiare".

Il Dr. Hahn descriveva gli ebrei come "una coorte ansiosa", osservando che, specialmente nel mondo ebraico ortodosso, "dove la droga, il sesso e il rock and roll non sono facilmente disponibili", il cibo può essere considerato un veicolo di ribellione.

Mantenere il kosher richiede un investimento eccessivo di tempo nel preparare e pensare al cibo, al fine di aderire a specifiche linee guida dietetiche.

La tradizione dei matrimoni precoci e dei parto può far sembrare un disturbo alimentare un modo efficace per rallentare questi rapidi cambiamenti. Alcune donne ebree ortodosse, che dovrebbero nascere molte volte, potrebbero vedere limitare l'assunzione di cibo come metodo di controllo delle nascite per rallentare la crescita della famiglia.

Il rovescio della medaglia è che all'interno della ricca cultura e religione ebraica ci sono anche molti percorsi di salute, ha detto il dott. Hahn. Qualche esempio:

Le kashrut o le leggi alimentari ebraiche "possono essere viste come un modello per un'alimentazione sana", un modo per esercitare il controllo sul mangiare. Per esempio dopo un pasto a base di carne, bisogna aspettare prima di poter mangiare qualsiasi latticini. Ai bambini viene detto che "il gelato non è una brutta cosa, ma deve essere mangiato secondo la regola di Dio".

Lo Shabbat può essere visto come "un'opportunità per imparare a mangiare di nuovo come una famiglia", in un mondo in cui i pasti in famiglia sono sempre più rari.

Le molte festività ebraiche possono essere viste come un'opportunità per "praticare il messaggio che tutti gli alimenti dovrebbero essere presi al momento giusto e apprezzati". Anche il digiuno, ha detto il dott. Hahn, può essere appropriato in certe occasioni. Nella tradizione ebraica questa è "un'esperienza comune condivisa, non il digiuno privato della persona anoressica. Ha un inizio e una fine molto chiari. "Le vacanze, ha aggiunto il dott. Hahn," mostrano sia il modo di mangiare troppo, che è il modello normale di chi non ha disturbi alimentari ".

Shiva, il periodo del dolore e del lutto dopo la morte di un parente stretto, può essere una lezione su come "restare attaccati alla tristezza", piuttosto che cercare di evitarlo o negarlo; "Un buon modello da rafforzare per una donna con un disturbo alimentare che potrebbe non voler chiedere aiuto o affrontare quello che sta accadendo".

L'idea ebraica di "praticare prima di credere" può anche essere di grande beneficio per la donna alle prese con un disturbo alimentare. Mangiare pasti regolari e spuntini prima che si senta "giusto" a una persona disordinata è "in sintonia con il modo in cui viene chiesto all'ebrea di praticare l'ebraismo", ha spiegato il dott. Hahn.

Il rabbino può spesso essere chiamato per aiutare una donna con un disturbo alimentare indirizzandola verso il trattamento, o forse consigliare a un paziente in difficoltà sull'opportunità di digiunare. Il Dr. Hahn crede che ogni rabbino direbbe a un tale paziente che "la salute supera la pratica religiosa", il che significa che non dovrebbe digiunare se potrebbe significare una ricaduta, o ritardare il recupero da un disturbo alimentare.

Mi piacerebbe sentire i tuoi commenti su questo provocatorio webinar.

Nancy

Marcia Herrin e Nancy Matsumoto sono coautori di The Parent's Guide to Eating Disorders. Marcia è l'autrice di Nutrition Counselling nel trattamento dei disturbi alimentari

Copyright di Marcia Herrin e Nancy Matsumoto

Solutions Collecting From Web of "Mangiare fattori di rischio di disordine e strumenti di recupero nella comunità ebraica"