Mangiamo troppo a causa del cattivo autocontrollo?

Intorno a questo periodo ogni anno, la mia famiglia e io, così come gli ebrei di tutto il mondo, celebriamo la Pasqua, la festa che commemora l'esodo del popolo ebraico dalla schiavitù in Egitto. Come molte festività ebraiche, questo presenta in primo piano una gamma di cibi simbolici colorati e l'ingestione di un pasto prolungato di grandi dimensioni. E anche come molte festività ebraiche, questa termina con me mettendo in campo la domanda per lo più retorica da uno o più dei miei parenti, "Perché ho mangiato così tanto?", Seguito rapidamente da un lamento simile a "Non ho me stesso -controllo intorno al cibo! "Questa è una sensazione relativamente piacevole. Abbiamo tutti avuto un'esperienza con l'eccesso di cibo ad un certo punto della nostra vita. Ma questo fallimento dell'autocontrollo è causato da noi che non abbiamo "abbastanza" autocontrollo, o altri fattori potrebbero essere più importanti?

Cos'è l'autocontrollo?

L'opinione che molte persone sostengono è che l'autocontrollo è una qualità che rimane stabile per tutta la vita di una persona, simile al QI o alla personalità. La ricerca in psicologia ha generalmente condiviso questo punto di vista, ad esempio, mostrando notoriamente che i bambini che sono stati in grado di resistere a un marshmallow per un breve periodo a favore di due marshmallow in seguito hanno continuato a fare meglio a scuola e in altri settori importanti come adulti rispetto ai bambini che non erano in grado di resistere alla tentazione. Tuttavia, a ben vedere, l'idea dell'autocontrollo come tratto stabile comincia a crollare. Per esempio, il livello di autocontrollo di una persona tende a peggiorare nel corso della giornata, suggerendo che l'autocontrollo è meno simile a una capacità mentale come l'intelligenza e più simile a una risorsa fluttuante come l'energia fisica. Infatti, anche i ricercatori che hanno condotto i classici esperimenti di marshmallow hanno interpretato le loro scoperte in termini di strategie apprese piuttosto che abilità innate, suggerendo che la ragione per cui i bambini ritardati hanno fatto meglio in seguito è perché gli era stato insegnato quando e come impiegare un sé efficace -le tecniche di controllo.

Perché falliamo nell'autocontrollo alcune volte ma non negli altri?

Alla luce della natura fluttuante dell'autocontrollo, la questione del fallimento non riguarda chi è buono o cattivo nell'autocontrollo, ma piuttosto quando o in quali condizioni l'autocontrollo ha più o meno probabilità di avere successo. Sappiamo, per esempio, che fattori come l'umore negativo, la fatica e l'alcol svolgono un ruolo importante nel fallimento dell'autocontrollo. Così dico spesso ai miei parenti che i quattro bicchieri di vino che abbiamo bevuto durante la cena della Pasqua ebraica hanno contribuito almeno alla nostra gola più di ogni debolezza di volontà. Un fattore particolarmente ben studiato che diminuisce l'autocontrollo è lo sforzo precedente. A parità di tutti gli altri, un secondo tentativo di autocontrollo successivo a uno iniziale ha più probabilità di fallire di uno che viene dopo un periodo relativamente riposante. L'effetto decrescente di un tentativo di autocontrollo sugli altri è così comune che gli è stato dato il suo nome, "esaurimento dell'Io", ed è stato ora trovato in oltre 100 studi. A causa dell'esaurimento dell'Io, i miei parenti che passavano la maggior parte della serata a mordersi la lingua per evitare di risvegliare qualche vecchio argomento avrebbero più probabilità di mangiare troppo durante il pasto rispetto a quelli che volavano felicemente le loro lamentele.

Cosa possiamo fare per migliorare il nostro autocontrollo?

Anche se i ricercatori di psicologia hanno iniziato la loro ricerca per comprendere l'autocontrollo rintracciando i fattori che lo hanno ridotto, hanno recentemente cambiato rotta per cercare modi per migliorarlo. Proprio come l'umore negativo può diminuire l'autocontrollo, l'umore positivo può migliorarlo. Proprio come esercitare un autocontrollo riduce inizialmente la capacità di farlo in seguito, le attività riparatrici come la preghiera, la meditazione e l'autoaffermazione lo amplificano. Come con tanti concetti psicologici, l'autocontrollo è anche molto sensibile alle nostre convinzioni su noi stessi. Per esempio, le persone che sono state portate a credere di avere un'energia ampia – anche se avevano appena completato un difficile compito di autocontrollo che aveva causato "l'impoverimento dell'Io" in altri – hanno fatto bene a compiti successivi di autocontrollo. Allo stesso modo, le persone che credono che l'autocontrollo sia illimitato piuttosto che "depauperabile" non sono conformi allo schema di deplezione dell'Io. L'implicazione per l'eccesso di cibo è che l'autocontrollo attorno al cibo può essere una profezia che si autoavvera: il tuo livello "effettivo" di autocontrollo è molto meno importante nel determinare il tuo successo di quanto autocontrollo pensi di avere o quanto tu sia efficace credi di essere nel usando.

PSFK
La profezia che si autoavvera dell'autocontrollo.
Fonte: PSFK

Una comprensione rivista dell'autocontrollo

Il mio punto di vista informato a questo punto è che l'autocontrollo è davvero una risorsa, ma rinnovabile, psicologica. Sappiamo da molto tempo che gli obiettivi motivati ​​dall'interno – per ragioni che sono personalmente importanti per noi – hanno maggiori probabilità di successo rispetto a quelli che sono motivati ​​dall'esterno. Questa ampia regola sembra applicarsi all'autocontrollo nello specifico nel caso di desideri per cibo malsano e altre indulgenze. Le tentazioni che vogliamo superare sono effettivamente più facili da superare rispetto a quelle che sentiamo di dover superare. Riuscire all'autocontrollo riguarda più il desiderio piuttosto che l'abilità tecnica a farlo. Alla Pasqua, sappiamo come smettere di mangiare in senso letterale; semplicemente non sappiamo come pensare di mangiare troppo in un modo che ci motiva a fermarci. Forse entro il prossimo anno la scienza avrà ancora più modi per aiutarci a farlo.

Seguimi su Twitter @Psychologician.

Visita il mio laboratorio di Neuroscienza Sociale e Affettiva nel Dipartimento di Psicologia dell'Università dell'Oregon.

Nota: questo articolo è cross-postato in The Conversation.

Solutions Collecting From Web of "Mangiamo troppo a causa del cattivo autocontrollo?"