Mamme, papà e ADHD

La lista dei possibili effetti collaterali dei farmaci per ADHD è ben documentata, ma non si sente spesso parlare dei danni collaterali che il vasto numero di diagnosi in questo paese sta avendo sui genitori.

Dozzine di persone mi hanno scritto la scorsa estate dopo che il mio pezzo di Op Ed, "Allevamento del Ritalin Generation", è stato pubblicato sul New York Times , raccontandomi storie sulla pressione che stavano per mettere i loro bambini sui farmaci. Se 5,2 milioni di bambini sono stati diagnosticati con l'ADHD, come riporta il National Health Interview Survey 2010, c'è un numero enorme di genitori – circa dieci milioni e mezzo – che sono stati anche colpiti da tale diagnosi.

Non appena hai due genitori che prendono una decisione emotivamente carica come medicare un bambino, sei destinato ad avere disaccordi. Sembra che, in molti casi, questi disaccordi stiano sforzando i matrimoni fino al punto di rottura.

La mia ricerca sull'argomento era aneddotica e limitata e assolutamente non scientifica, ma una tendenza interessante emergeva dalla corrispondenza che si riversava in: Quando le coppie litigano, sembra che siano quasi sempre gli uomini che sono contrari ai farmaci. Non che non ci siano molte donne che mi hanno scritto esprimendo un profondo disagio e rifiuto di medicare, ma in gelidi distacchi coniugali, i ruoli erano abbastanza chiari.

Nelle e-mail successive alle e-mail, le storie erano le stesse. Mariti e mogli hanno interpretato gli stessi ruoli che il mio ex marito e io abbiamo interpretato mentre navigavamo nelle acque difficili di decidere se fidarci del nostro intestino, che ci diceva che nostro figlio non era l'ADHD, o gli esperti che lo dicevano. Nel corso del tempo, sono stato io a convincermi che la scuola e i medici sapevano più di noi. Mio marito non si è mosso.

Non avevo pensato alla mia risposta come particolarmente femminile – in effetti l'idea mi ha fatto infuriare – ma ora dovevo chiedermi.

Così ho chiesto a Daniel Rothstein, uno psicologo clinico che lavora con le coppie, sulle dinamiche di genere che aveva visto. Gestivo la mia teoria da lui, e mentre diceva che non poteva generalizzare – il suo pool di ricerche era troppo piccolo – descriveva alcuni sentimenti tradizionalmente "maschili" che potevano essere in gioco, compresa la sensazione che il farmaco fosse una "stampella" o il idea che tutto andrebbe bene con un po 'di forza di volontà e disciplina. "Oppure può derivare da un sentimento stereotipato" maschile "sull'indipendenza," dice Rothstein, "sulla risoluzione dei problemi da solo che si estende alla richiesta di aiuto in generale." Ho pensato al (quasi sempre accurato) cliché sugli uomini che si rifiutavano di fermarsi per indicazioni sulla strada. Forse aveva ragione.

Ho anche pensato al fatto che ai ragazzi viene diagnosticata l'ADHD 2,8 volte più frequentemente rispetto alle ragazze. Indipendentemente dal fatto che un ragazzo abbia effettivamente problemi di attenzione, ha senso che i padri possano avere una reazione immediata diversa da quella di una madre. "Un padre può sentirsi proprio come suo figlio e si è comportato senza aiuto." D'altra parte, sottolinea Rothstein, l'identificazione può tagliare in entrambi i modi. "Potrebbe sentirsi come suo figlio e desidera che ci sia qualcosa che potrebbe averlo aiutato quando era piccolo."

Quando si tratta della salute di un bambino, dice Rothstein, la posta in gioco diventa eccessivamente alta ei genitori troppo spesso si trovano in posizioni polarizzate, scavando alla sprovvista e rifiutandosi persino di provare a vedere le cose dal punto di vista del coniuge. Nel mio caso, avevo paura di esprimere i miei molti dubbi sulle medicine, per timore che indebolisse la mia "posizione". Il mio ex-marito rimase in piedi, insistendo sul fatto che nostro figlio non aveva bisogno di medicine.

"È un momento terribilmente difficile per ogni genitore quando qualcuno dice loro che qualcosa non va nel loro bambino. Con un disturbo come l'ADHD, molti genitori sentono di essere stati accusati ", dice Rothstein. "Ci può essere imbarazzo, umiliazione. Ci sono molti modi per far fronte a questi sentimenti: potrebbe essere il rispetto delle "autorità" per dimostrare che sei un buon genitore. Oppure potrebbe essere l'opposto – respingere completamente le preoccupazioni di una scuola e non indagare ulteriormente ".

Dovevo interrogarmi sulle nostre reazioni. Ero stato "rispettoso?" Odiavo quell'idea, e il pensiero che fosse in qualche modo femmina lo rendeva peggio. La reazione da duro di mio marito era tipicamente maschile? E queste posizioni ragionevoli da prendere di fronte a una decisione impossibile? Mi piacerebbe sapere come le coppie tornano dalla situazione di stallo, e portando la conversazione alla sua naturale conclusione, come potrebbe il bambino soffrire di conseguenza? Non vedo l'ora di sentire molte più storie.

Bronwen Hruska è l'autore del romanzo, Accelerated .

Solutions Collecting From Web of "Mamme, papà e ADHD"