Mamma e papà, voglio essere un uomo

Quando ho bisogno di un cambiamento di vita, ottengo un taglio di capelli, forse alcuni nuovi strati. Quando Helie Lee lo fa, si rade la testa e infila la sua biancheria intima con un calzino.

In "Macho Like Me", un film documentario di genere e uno spettacolo di una donna attualmente in scena a Los Angeles, Helie vuole dimostrare al mondo quanto sia facile essere un uomo.

Quindi, naturalmente, decide di diventarlo . Nel giro di poche settimane, la splendida Helie si trasforma nell'agile e poco attraente Harry (che alla fine diventa Henry, infine, H) e culmina con la sua ascesa all'età adulta passando per un maschio in un locale bar gay. Ma non sono solo le camicie di flanella e i giochi di basket per Harry, quando si rende conto che gli uomini non vivono esattamente sulla strada facile.

Durante il suo viaggio di sei mesi, che comprende un viaggio alla Playboy Mansion, un lavoro part-time con un architetto in pensione e un gioco amichevole ma violento del basket, Helie scopre che gli uomini non soffrono affatto come le donne. No. In effetti, lo hanno peggio. Gli uomini vivono in un mondo in cui non possono essere vulnerabili, dove devono censurare le loro emozioni e dove fare un contatto visivo esteso significa solo "Sono gay per te" o "Sto per picchiarti".

Dopo aver visto il suo incredibile spettacolo la scorsa settimana, ho avuto il privilegio di parlare con Helie della sua esperienza.

Jen Kim: Dopo quasi 40 anni da donna, perché diventare un uomo?

Helie Lee: per capire gli uomini, ma anche per essere il martire che pensavo di essere. Quindi potrei dire: "Aha! È vero, la ragione per cui non ho il successo o che non sono diventato presidente è perché sono stato ingannato. Se fossi nato maschio, forse, invece di ricominciare dal terzo, avrei iniziato il secondo passaggio e sarei stato più vicino a qualsiasi successo avessi potuto avere ".

E un'altra ragione per cui l'ho fatto era che avevo bisogno di una fuga dalla realtà. Ero tornato dalla missione di fuga dalla Corea del Nord ed era stato così traumatico, avevo bisogno di qualcosa di divertente e leggero da fare. E poi ho finito col pensare: "Mio Dio! È più difficile essere un uomo che salvare i parenti dalla Corea del Nord! "

JK: È divertente. Nel tuo spettacolo, dici che uno degli aspetti più difficili dell'essere un uomo non è essere in grado di esprimere i tuoi veri sentimenti. C'era qualcosa di facile nell'essere un uomo?

Incontra Harry.

HL: La parte facile erano i vestiti e la preparazione di prepararsi e quanto fosse semplice. Gli abiti sono una sorta di simbolo delle poche scelte che hanno rispetto alle donne. Ma dopo un po ', quella facilità, quella semplicità non era un vantaggio – in realtà stava ostacolando chi ero, perché non avevo queste scelte. Ho perso le scelte che ho avuto da donna. A volte, da donna, guardo nel mio armadio e dico "Oh Signore, ci sono troppe scelte fottutissime qui – troppe taglie, colori diversi – diventa troppo confuso, ma poi mi sono perso perché avevo la possibilità di avere colori e dimensioni e glitter e non glitter … e mi piaceva la libertà di fare una scelta.

JK: C'è stato qualcosa di divertente? Forse i tuoi capelli?

HL: Sì. Lunga pausa [risate] I capelli e il berretto da baseball. Ma anche il berretto da baseball è diventato un limite, perché come donna, sono abituato a guardare su e giù, a destra ea sinistra. Voglio vedere l'intero parametro, ma il cappello da baseball in realtà ha limitato il mio punto di vista, e mi ci è voluto solo dal punto A al punto B e ho pensato, "Wow, è così che pensano gli uomini. Non si dilettano – non fanno le vetrine. Passano dal punto A al punto B. Certo, probabilmente arrivano più velocemente di me, ma mi piace il dilly-dally. Mi piace fermarmi ad alcune finestre e dire "Mi fermerò qui e ho un'esperienza diversa." Il berretto da baseball era così attraente all'inizio, ma mi sono reso conto che limitava ancora le mie opzioni.

JK: Quindi sei sopravvissuto a sei mesi da uomo. Non credo che la maggior parte delle persone potrebbe fare una frazione di quello. Qual è il tuo momento più fiero finora per quanto riguarda la tua esperienza?

HL: Sono molto orgoglioso dello spettacolo perché è qualcosa che non avrei mai pensato di fare. Non pensavo di avere il coraggio di farlo, e tanto meno il talento. Ma ogni volta che penso di non poter fare qualcosa, mi chiedo sempre: "Perché no? Almeno prova ", e da quando ci ho provato, sono stato premiato con lo spettacolo che è diventato un colpo a sorpresa strano, inaspettato. Ma non sarebbe stato un successo se non avessi la mia famiglia alle spalle – se non avessi i miei genitori a rubare lo spettacolo. Sono davvero le stelle dello spettacolo, non io. Sono quelli che mi danno storie. Se non venissi da uno sfondo così colorato, non penso che sarei il tipo di scrittore o il successo che penso di essere.

JK: Parlami di questo "sfondo colorato". E come sei riuscito a evitare di diventare un dottore o un avvocato?

HL: Come sono diventato un artista e questo tipo di artista, è che non penso di essere stato molto intelligente, crescere. Sono arrivato negli Stati Uniti quando avevo cinque anni e mi sono perso nel sistema scolastico, quindi non ho imparato molto bene il coreano. E non ho davvero imparato bene l'inglese. E i miei genitori non erano in grado di insegnarmi o monitorare i miei studi perché erano così impegnati a lavorare e a cercare di pagare il mutuo. Quindi mi sono sempre sentito molto a disagio a scuola. Ho pensato: "Wow, sto appena arrivando, ma questo è un segreto che conoscevo solo".

Penso che non sia stato fino al mio secondo libro in cui loro [i miei genitori] si sono resi conto, "Oh, in realtà è capace di sostenersi come una carriera che fa questo." Anche io. Non ero sicuro di potermi mantenere uno scrittore, ma ora che sono qui non è stato un viaggio facile, ma sono arrivato qui. Sono così contenta che la mia vita non sia stata un cookie-cutter, che ho forgiato la mia strada, specialmente nella comunità coreana americana. Penso che a volte le persone mi guardino come una stranezza, e va bene così. È molto bizzarro che le signorine single di 30 o di 20 anni usino me come esempio per i loro genitori: "Non preoccuparti, si è sposata quando era più grande e si è comportata piuttosto bene per se stessa … E non preoccuparti , non è diventata dottore o avvocato e ha fatto bene a se stessa ".

JK: Quindi ti consiglia di prendere il sentiero meno battuto?

HL: Ho sempre creduto, quando hai il coraggio di attraversare una porta che è stata posta di fronte a te, che sta dicendo: "Ecco un'opportunità, ecco un'esperienza" – Sono sempre stato il primo a camminare attraverso quella porta. E se è un po 'bloccato, allora lo prendo sempre a calci.

A volte, quando lo apro, lo sfoglio e penso, "Che diavolo ho fatto?" Ma sono sempre, anche in quelle situazioni, sono contento di aver avuto quell'esperienza. Perché sono convinto che tutto conduca al prossimo viaggio. Che tutto è di un'esperienza che cambierà la mia vita e migliorerà la mia vita, non importa quanto buona o cattiva, ed è così che vivo la mia vita.

JK: che tipo di ostacoli hai incontrato nella tua carriera?

HL: Il mio più grande ostacolo è a volte me stesso. E i miei dubbi Penso che tutti abbiano questo: "Posso farlo? Sarò un successo? Potrò vergognare me stesso, la mia famiglia, la mia comunità, tutte queste cose … "

Odio dirlo, e cerco di dire alla gente quando li incoraggio a scrivere: "Non hai bisogno di avere drammi nella tua vita per scrivere. In effetti, non usarlo come stampella ". Ma sfortunatamente, per me, sembra funzionare molto bene. Quando ho qualcosa di traumatico accadere nella mia vita, è quando rimango concentrato.

Perché scrivere è la più grande terapia per me stesso. È un modo per risolvere problemi o confusione e pulire il mio spirito e più velocemente scrivo, più guarito divento.

JK: Sicuramente considero di scrivere la mia terapia. Che cosa significa scrivere che ci fa sentire così potenti?

HL: ho sempre saputo il potere delle parole. È cambiato nel modo in cui parlo. Le parole che dico, perché so che portano molto spirito, potere buono e cattivo, quindi cerco di non dire parole meschine o offensive, perché so che hanno la capacità di influenzare le persone e me stesso.

JK: Ho notato che un terapeuta ha effettivamente consigliato il tuo spettacolo per la consulenza relazionale. Com'è stato il feedback?

HL: Sono stato accreditato per aver salvato un paio di matrimoni – mettendo le coppie che si sono separate insieme. Uomini, i mariti sono venuti da me e mi hanno ringraziato per aver lasciato che le loro mogli ascoltassero la loro parte. E le donne mi dicono: "Vado a casa e abbraccio mio marito … chiamerò mio padre … parlerò con mio figlio o mio fratello". E questo tipo di impatto è completamente qualcosa che non mi aspettavo, che sarei stato una sorta di un uplifter matrimoniale. Quindi, è stato davvero gioioso e ha migliorato il mio matrimonio.

JK: In "Macho Like Me", dici che volevi vivere da uomo per capire meglio le relazioni. Pensi di aver trovato la chiave per un successo?

HL: è divertente. Mio marito stava facendo ricerche su Internet quale fosse il miglior rapporto, e lui viene da me e dice: "Tesoro, ce l'abbiamo!" E quello che era, è molto semplice:

Ogni persona deve avere il proprio sogno, il proprio obiettivo, ma il tuo partner è la persona che sostiene il sogno, in un modo che lo supporta affinché il sogno possa diventare più grande … e ho pensato, "È molto saggio, ed è quello che noi abbiamo…"

JK: Lo adoro. Il segreto per un matrimonio duraturo trovato su Internet. Ma che dire delle donne single o delle donne in relazioni davvero insoddisfacenti che probabilmente stanno già provando dall'invidia. Cosa pensi che li tratti dalle loro relazioni di successo?

HL: Ho avuto molte relazioni – molte cattive, alcune buone, ma ero troppo giovane e troppo ingenuo e troppo assorbito per apprezzare quelle buone, ma penso che quando ero pronto, fu quando rilasciato. Non avevo aspettative per l'altra persona. È più un lavoro su me stesso che cercare di aggiustare il mio partner, e mi sono reso conto che non sono perfetto, quindi non voglio trovare qualcuno che sia perfetto, perché No. 1, è impossibile, e No. 2, è anche troppo molta pressione perché poi devo vivere fino alla perfezione che penso che sia, ma nessuno vuole essere all'altezza – è assolutamente noioso e stressante.

Ma quando ho rilasciato il fatto che avevo bisogno di qualcuno, che stavo bene da solo, che la mia vita è stata brillante, che se porto qualcuno, deve mantenere lo status quo o elevare la mia vita – non era così tanto riguardo l'altra persona, ma si trattava di trovare la mia felicità, e una volta ho capito che mi sembrava di averlo trovato … Mi sono reso conto che se qualcuno entra nella mia vita o no, va tutto bene.

Una volta avuto quell'atteggiamento, anche altre persone avevano quell'atteggiamento. I miei genitori erano come, "Stai bene da solo." E poi all'improvviso, Wham Bam Sam. Eccolo lì … Ma io volevo essere in una relazione, chi non vuole amore? Chi non vuole essere trattenuto? Chi non vuole avere quel migliore amico?

JK: Questo ha senso. Quindi, una volta che ci siamo lasciati andare, pensi che siamo tutti destinati a trovare l'amore?

HL: Donne, possiamo essere single e avere una vita molto appagante e lunga. Ma per gli uomini, penso che abbiano bisogno di noi. Poiché diventiamo i loro migliori amici, diventiamo i loro tabelloni. Diventiamo la loro conversazione – lo dice sempre mio marito, e lo vedo sempre con i miei amici che sono single. Mi chiedo con chi parlano, confido. So che mio marito e il suo migliore amico non parlano di cose intime. Si graffia sull'intimità, ma in realtà non lo è. Per me come donna, è un po 'superficiale – vado molto più a fondo con le mie ragazze o mia madre e mia sorella. Ma se non ti rendi conto che ti manca, non ti manca davvero.

Anche se ti accontenti (essere soli), è la società, i tuoi genitori e i tuoi amici che pensano sempre che ci sia qualcosa che non va. Ma non c'è assolutamente nulla di sbagliato in questo. Finché usi quel tempo per migliorare te stesso. Tutti sembrano pensare che si dovrebbe essere in una relazione per essere felici, ma non è necessario. Se lo trovi, meraviglioso …

Ricordo, anche nel periodo in cui mi sentivo bene, quando avevo accettato il fatto che fosse tutto così e che io stavo bene, tutti gli altri mi stavano facendo sentire pessima.

Anche il tempo a parte è brillante. Perché sai di avere la sicurezza di quella persona che ti ama, ma è il momento di darti da fare, su te stesso, sulla tua carriera, sui tuoi sogni.

JK: A proposito di occuparti di te, della tua carriera e dei tuoi sogni? Quali sono le prospettive per te?

HL: Per me, mi piacerebbe portare "Macho Like Me" al livello successivo e diventare un oratore ispiratore.

E il mio prossimo progetto di scrittura sarà quello di essere una mamma anziana e le prove e le tribolazioni di rimanere incinta, alle prese con: "Ho un figlio? Dovrei avere un figlio? Dovrei avere un figlio? Quali sono i costi, i benefici e i sacrifici di essere una madre anziana? "Perché così tante persone hanno figli in età avanzata.

JK: Sei il mio eroe. Per quanto possa sembrare malizioso, mi hai ispirato a perseguire una carriera creativa e mi ha anche aiutato a non lasciare che l'età o qualsiasi altra cosa mi impedisca di vivere nuove avventure. C'è qualcosa che avresti cambiato nel tuo percorso verso il presente?

HL: Sono in ritardo, ma va bene. Per me funziona. Non penso che avrei davvero apprezzato le cose se fossero diventate più semplici con me. Ho sempre dovuto lavorare duro per tutto ciò che ho. Non necessariamente i miei genitori non me l'hanno dato, ma ho sempre pensato che dovevo lavorare di più … e quella non era la loro merda, quella era la mia merda. Ma immagino che mi abbia permesso di lottare e lottare per raggiungere il posto in cui sono assolutamente grato. *

http://www.helielee.com

http://macholikeme.com/

Seguimi su Twitter: ThisJenKim

Solutions Collecting From Web of "Mamma e papà, voglio essere un uomo"