"Maleficent", "Frozen" e il Pain of Love

Quando si tratta di nuovi film, è un ottimo momento per crescere una ragazza tween.

Mia figlia, che ha 10 anni, è cresciuta con una dieta costante di film di potere della principessa: "Mulan", "La principessa e il ranocchio", "Aggrovigliato", "Coraggioso". Queste principesse sono creature attive e intenzionali, ragazze che affrontano sfide e trionfo alle loro condizioni. Non hanno bisogno di un principe su un cavallo bianco per spazzarli via in un futuro felicemente e per sempre. Fanno il futuro da soli.

Queste storie presentano un'alternativa ispiratrice alle fiabe tradizionali più familiari, in cui le principesse trovano l'amore essendo belle e in attesa passivamente (a volte molto passivamente – nel sonno eterno, vicino alla morte, o in qualche altro stato di quasi-coma) per il loro principe venire.

Molti dei film della principessa revisionista odierna enfatizzano l'avventura per trovare l'amore – ideale mentre mia figlia si muoveva attraverso le turbolenti singole cifre. Ora che ha 10 anni, però, sto pensando molto al fatto che un giorno avrà dei desideri romantici – se non fosse per un principe, poi per qualche insensato nella sua classe di matematica. I suoi pari stanno già sussurrando di schiacciamenti.

Come autrice di un libro in arrivo sull'amore non corrisposto e l'ossessione romantica, non posso fare a meno di riflettere sul lato oscuro di ciò che lei e i suoi coetanei sperimenteranno: l'angoscia di essere infatuati di qualcuno che a malapena sa che esisti, la volubilità del cucciolo amore, il colpo di rifiuto o tradimento. Faranno, quasi inevitabilmente, la sfida di essere indesiderati , uno stato che non è molto simile alla principessa. Le principesse attirano sempre principi, anche se la nuova stirpe di principesse può rimandare il bacio di un corteggiatore fino a quando l'avventura è finita.

Le donne non desiderate nelle fiabe non hanno offerto molte informazioni utili sulla loro situazione. Sono in genere lavati regine e matrigne malefiche, gelosi della bellezza giovanile delle principesse. Questi cattivi sono i precursori di quello che ho scoperto essere uno dei due stereotipi predominanti della donna indesiderata: lo stalker vendicativo e attratto mortalmente. L'altro stereotipo è la donna nevrotica, pietosa e nevrotica, che si fa prendere troppo in giro da ragazzi che "non sono proprio quelli dentro di lei".

(NOTA: avviso spoiler per "Maleficient" e "Frozen")

Con mia grande gioia, negli ultimi mesi il juggernaut della nouvelle-princess di Hollywood ha affrontato entrambi questi stereotipi con lo stesso vigore portato alla trasformazione della principessa passiva. In "Frozen", la principessa Anna, orfana con una sorella che si rifiuta di starle vicino, è quella nevrotica. È così disperata d'amore che si precipita in matrimonio con un principe che ha appena incontrato, che poi la usa e la abbandona. In "Malefica", l'amata della regina delle fate la tradisce tagliando le sue possenti ali (una metafora per lo stupro, la star del film, Angelina Jolie, ha detto in un'intervista) così da poter diventare il re di un territorio nemico. Nella sua rabbia, Maleficent impreca a sua figlia Aurora il sonno eterno a 16 anni.

La bisognosa Anna e il furioso Maleficent fanno errori, cattivi, fuori dal loro dolore. Ma ciò che rende potenti le loro storie è che i loro passi falsi non li rovinano. Hanno la possibilità di imparare da quello che hanno fatto e poi riscattarsi. Cambiano. Anna coraggiosamente rischia la vita per difendere la sorella Elsa, e i due si rendono conto di quanto si amano. Malefica e Aurora formano un'amicizia così vicina che Malefica – non un principe appena infatuato – salva la ragazza con il "vero amore" che può annullare la sua maledizione. Sia Maleficent che Anna trovano conforto e un futuro migliore attraverso legami più forti con una più ampia comunità di persone care: amici, familiari e creature magiche della foresta. L'amore romantico non è fuori dal campo, ma non è l'unica soluzione. Alla fine, Anna e Aurora hanno interessi amorosi. La condizione di donna single di Maleficent dura, ma non è meno soddisfatta.

Nella mia ricerca per il mio prossimo libro Unrequited: Women and Romantic Obsession , ho scoperto che forti legami sociali possono aiutarci a recuperare dalla devastazione del rifiuto romantico o della perdita. Buoni rapporti di ogni tipo – amici, famiglia, gruppi di supporto – soddisfano in modo sano le sollecitazioni del cervello che cercano la ricompensa. Stare con i propri cari non è una bacchetta magica. Ma la loro compagnia può aiutarci a sentirci soddisfatti e cullati, e può ridurre la compulsione a cercare altre ricompense, meno salutari – la vendetta, l'attenzione di un oggetto d'amore malsano, o l'abuso di droghe e alcol.

Nella vita reale, la donna indesiderata (o l'uomo indesiderato) non è destinata a essere malvagia o disperata o, per questo, indesiderata. Come ho scoperto intervistando le persone sulle loro esperienze di amore non corrisposto e ossessione romantica, è abbondantemente possibile imparare dal rifiuto e diventare migliore per questo. Le donne indesiderate di "Frozen" e "Maleficent" alla fine si rendono conto che sono ricercate e amate. Arrivano a capire che il vero amore esiste in molte forme. La cosa migliore, a quanto pare, che posso fare per la mia figlia piccola è coltivare questa comprensione in lei – non importa cosa succede con i principi che vengono a modo suo.

Riferimenti

Hostetler, CM e Ryabinin, AE, "Amore e dipendenza: il diavolo è nelle differenze. Un commento su "I paralleli comportamentali, anatomici e farmacologici tra attaccamento sociale, amore e dipendenza", Psychopharmacology 224 (2012): 27-29.

MacDonald, G. e Leary, MR, "Perché fa male l'esclusione sociale? The Relationship Between Social and Physical Pain, " Psychological Bulletin 131 (2005): 207.

Solutions Collecting From Web of ""Maleficent", "Frozen" e il Pain of Love"