Malattia mentale: la vediamo arrivare?

Nel film "Philomena", Philomena racconta con gioia ogni sfumatura del suo ultimo romanzo romantico al suo amico giornalista assediato, ponendo fine a ogni descrizione delle storie dei cliché con uno spumeggiante, "Non l'ho mai visto arrivare!"

Judi Dench (Philomena) e Steve Coogan (Martin Sixsmith))

Ho sentito la stessa espressione innumerevoli volte quando ho finito di parlare della mia esperienza con la depressione clinica. Amici o familiari il cui caro è andato alla deriva in una malattia mentale o è stato perso al suicidio chiedono aiuto. Indossano l'espressione sbalordita del paralitico, non importa quanto brillanti possano essere nella loro vita professionale. Ascolto, li indirizza alle risorse e festeggio con loro quando si ricordano di chiamare e trasmettere i loro progressi. Ultimamente, mi chiedo quanto potrebbero essere migliori i nostri risultati se distribuissimo informazioni semplici sulla cura del cervello.

Sul sito web della American Heart Association c'è un chiaro messaggio sulla salute cardiaca: quando si tratta di ridurre le morti premature, le cure mediche hanno un ruolo relativamente minore, potenzialmente prevenendo 1 decesso prematuro su 10. Piuttosto, l'unica grande opportunità per migliorare la salute e ridurre la morte prematura consiste nel modificare favorevolmente i comportamenti non salutari, che rappresentano circa il 40% di tutti i decessi negli Stati Uniti.

Il sito elenca quindi le abitudini migliori per garantire la salute cardiaca come: una buona alimentazione, esercizio fisico e non fumare. Quelli con una predisposizione genetica per le malattie cardiache non sono individuati come i soli beneficiari di queste informazioni. Tutti hanno un cuore, quindi, tutti devono essere consapevoli della salute del cuore. I predisposti sono più vulnerabili, ma certamente non indifesi, nel prolungare le loro vite con buone abitudini.

La malattia mentale non ha fatto questo cambiamento epocale nel trattamento dalla riparazione della malattia alla manutenzione proattiva della salute del cervello. Aspettiamo un problema e cerchiamo di risolverlo. Questo va contro ciò che sappiamo in medicina. Il dott. Kenneth Cooper, fondatore del Cooper Aerobics Centre, riassume semplicemente la nozione di assistenza sanitaria protettiva. "È molto più facile mantenere una buona salute che riguadagnarla una volta persa". Questa massima si applica doppiamente alla salute mentale. Dobbiamo insegnare alle persone come mantenere la salute del cervello, non aspettare che la malattia colpisca.

La maggior parte delle informazioni che vedo spinte da organizzazioni ben intenzionate identifica i sintomi esteriori della depressione, ed è spesso presentata con l'inclinazione di un do-gooder che aiuta i malati di mente poveri, indifesi e instabili. Non c'è da meravigliarsi se nessuno vuole rinunciare ad avere una malattia mentale. Dobbiamo sostituire la pietà con la compassione e l'educazione. Nei nostri sforzi per proteggere coloro che hanno perso una persona cara al suicidio da qualsiasi altra colpa, trascuriamo di condividere informazioni che potrebbero fare la differenza in futuro per qualcun altro. Dormire. Esercizio. Nutrizione. Farmaci. Gruppi di supporto sociale. Gestione dello stress. Invece, osserviamo la gente trascurare tutte queste cose e siamo sorpresi quando la malattia mentale atterra sulla nostra porta di casa.

Julie e Ken Hersh in viaggio questo autunno

Spesso le persone chiedono a mio marito cosa ha fatto per prevenire il mio suicidio. "Non l'ho fatto", risponde, "siamo stati fortunati." Sono d'accordo. A quel punto della depressione, la mia possibilità di sopravvivenza dipendeva dalla ventilazione del mio garage. Non mi piacciono quelle probabilità. Preferisco conoscere il mio corpo, conoscere la forma del mio sapore di depressione, quindi posso vederlo molto lontano. Ovviamente la prescienza della malattia mentale non sarà sempre possibile, ma sono riuscito a rimanere straordinariamente in salute negli ultimi otto anni con interventi precoci e piccoli aggiustamenti. Questo è pieno di speranza. Nel buio del garage, durante il mio ultimo tentativo di suicidio, tanti anni fa, non ho mai anticipato la vita che ho adesso, piena di gioia e meraviglia. Ora, come Philomena, scuoto la testa incredula per la cupa previsione del mio cervello pessimista e del lieto fine a sorpresa. Il mio cervello depresso non poteva visualizzare tutte le cose buone davanti a me, roba che ora ho vissuto. Non l'ho mai visto arrivare.

Per ulteriori informazioni su Julie K. Hersh e gli impegni di lingua, dai un'occhiata al suo sito web di Struck by Living.

Solutions Collecting From Web of "Malattia mentale: la vediamo arrivare?"