Malattia mentale e violenza

A 22 anni, il futuro di Nina sembrava luminoso. Appena uscito dal college con un GPA stellare, è stata una delle poche fortunate ad avere un lavoro in un'azienda di computer in rapida crescita situata nel centro della Silicon Valley. Mentre le mancavano i suoi amici e la sua famiglia che vivono ancora sulla costa orientale, lei mantiene un contatto regolare con loro via e-mail e Skype. Mentre le pressioni di un ritmo frenetico, il primo lavoro e la campagna di cross country sono stressanti, a prima vista sembra che la gestisca bene. Quando la lunga distanza prende un bilancio fatale sulla sua relazione con il suo fidanzato, le cose cambiano gradualmente.

iclipart.com, used with permission
Fonte: iclipart.com, usato con permesso

È la sorella di Nina che per prima cosa nota che qualcosa non va. La voce di Nina al telefono perde la sua caratteristica espressività e diventa piatta e distante. Si lamenta che il suo cibo ha un sapore strano; i suoi amici glielo danno sulla costa occidentale contro i boccioli del gusto della costa orientale – almeno fino a quando non condividerà con loro che i gelosi colleghi della sua nuova compagnia la stanno avvelenando per sabotare la sua performance di lavoro.

Per gli amici e la famiglia preoccupati, le prove che Nina offre per sostenere la sua teoria della cospirazione sembrano vaghe e non si sommano; per esempio, attribuisce il fatto che non si sente bene (ha difficoltà a concentrarsi, si sente "strana" e non ha molta energia) come prova che il veleno è entrato nel suo corpo. Uno yogurt mancante posto nel frigorifero dell'ufficio viene offerto come prova di manomissione del cibo. Lei afferma che i clic misteriosi sul suo telefono dell'ufficio sono dovuti a un monitoraggio segreto del suo andare e venire, così intriganti colleghi possono intrufolarsi nel suo ufficio e spruzzare una sostanza tossica che le annebbia il cervello.

Nina è costantemente spaventata. Perde trenta chili, rifiutandosi di mangiare qualsiasi cosa mentre si trova nella proprietà dell'azienda (che è spesso 12 o più ore al giorno). Si preoccupa che "loro" scopriranno dove vive e inizieranno a tormentarla lì. Dopo che la troupe notturna ha scoperto che vagava per le sale, piangendo e supplicando di "fermare la gente della compagnia che mi sussurrava e minacciava di uccidermi", è stata ricoverata in ospedale e diagnosticata con schizofrenia.

La sofferenza nella psicosi

Nella sua mente, Nina vive in una zona di guerra dove è costantemente tormentata da nemici nascosti. La seguono. La tormentano. Sabotano il suo lavoro. Hanno persino minacciato la sua vita. Eppure, come la stragrande maggioranza degli individui psicotici, non ha mai fatto del male a un altro essere umano. La ricerca continua a dimostrare che la malattia mentale è bassa sul totem quando si tratta di fattori di rischio di violenza; uno studio pubblicato sull'American Journal of Public Health ha rilevato che meno del 5% delle 120.000 uccisioni relative alle armi negli Stati Uniti tra il 2001 e il 2010 sono state commesse da persone con diagnosi di malattia mentale.

Ma potresti star pensando, che dire delle persone che sono veramente malate? Sai, la senzatetto che vedi litigare con un invisibile torturatore all'angolo della strada, o il predicatore di strada dagli occhi vitrei che si proclama la terza venuta di Cristo.

Prima di tutto, questi "bambini poster" per malattie mentali non trattate sono probabilmente affetti da psicosi. La psicosi non è una malattia mentale; è un sintomo. Può verificarsi nella schizofrenia, disturbo bipolare, grave depressione, uso di cocaina pesante o a lungo termine o anfetamine, morbo di Alzheimer, tumori cerebrali e vari disturbi endocrini. Essenzialmente, è definito come una perdita di contatto con la realtà ed è più comunemente associato a allucinazioni, delusioni e / o discorsi e comportamenti disorganizzati.

La convinzione di Nina che i colleghi siano pronti a farle avere un esempio di illusione persecutoria, il tipo più comune di delusione. Gli individui che soffrono di delusioni persecutorie credono di essere deliberatamente presi di mira per qualche tipo di danno. Per esempio, potrebbe credere che lui / lei sia stato ingannato, spiato, attaccato, molestato, cospirato o sabotato in altro modo nella sua vita quotidiana. Quando consideri quanto terrificante debba essere quell'esperienza, è una meraviglia che più individui psicotici non commettano un male a qualcuno. Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che anche quando un atto di violenza è commesso da un individuo malato di mente, le probabilità sono che non sia stato preceduto da delusioni o allucinazioni.

La linea di fondo

Contrariamente alla credenza popolare, il legame tra malattia mentale e violenza è esagerato e, nella maggioranza degli omicidi, inesistente. Nel prossimo articolo, daremo un'occhiata a quei fattori che più probabilmente porteranno a una "tempesta perfetta" in cui una persona malata di mente ferisce qualcun altro, spesso in un tentativo errato di proteggere se stesso o gli altri.

Solutions Collecting From Web of "Malattia mentale e violenza"