Make It Stick: sei consigli per gli studenti

Diversi anni fa, tre di noi hanno intrapreso un progetto di libro per spiegare come funzionano l'apprendimento e la memoria. Due di noi, Roddy Roediger e Mark McDaniel, sono scienziati cognitivi che hanno dedicato la nostra carriera allo studio dell'apprendimento e della memoria. Peter Brown è un narratore. Pensavamo che fosse necessario un libro perché le persone in genere stanno imparando nel modo sbagliato. La ricerca empirica su come impariamo e ricordiamo mostra che gran parte di ciò che prendiamo per il vangelo su come apprendere si rivela essere uno sforzo ampiamente sprecato. Persino gli studenti universitari e gli studenti di medicina – il cui compito principale è l'apprendimento – si basano generalmente su tecniche di studio che sono tutt'altro che ottimali. Allo stesso tempo, la psicologia dell'apprendimento, che risale a 125 anni ma è stata particolarmente fruttuosa negli ultimi anni, ha prodotto un insieme di intuizioni che costituiscono una crescente scienza dell'apprendimento: strategie efficaci e basate sull'evidenza per rimpiazzare meno efficaci ma pratiche ampiamente accettate che sono radicate nella teoria, nella tradizione e nell'intuizione. Ma c'è un problema: le strategie di apprendimento più efficaci non sono intuitive.

Nel nostro nuovo libro, Make It Stick: The Science of Successful Learning, non solo mettiamo in evidenza le ricerche pertinenti, ci concentriamo sul raccontare storie di persone che hanno trovato la loro strada per padroneggiare conoscenze e abilità complesse. Attraverso questi esempi illuminiamo i principi di apprendimento che la ricerca dimostra essere altamente efficaci. In questo blog, presentiamo 6 suggerimenti per gli studenti che sono sintetizzati dal nostro libro.

Sei consigli per gli studenti

Optare per la pratica attiva oltre la revisione. Se stai imparando un'abilità, una straniera

lingua o qualsiasi altro argomento, esercitatevi a recuperarlo dalla memoria piuttosto che

rileggere il tuo testo o rivedere materiale didattico. Ricordando quello che hai

imparato rende l'apprendimento più forte e più facilmente richiamabile più tardi.

Spazio alla tua pratica. Distanzia le tue sessioni di pratica, lasciando trascorrere il tempo

loro. La pratica massiccia (come il croccare) porta all'apprendimento rapido ma anche al rapido

dimenticare rispetto alla pratica distanziata. La spaziatura aiuta a integrare l'apprendimento a lungo termine

memoria.

Dormi molto. Gli studenti pensano che ogni notte sia un buon modo per studiare, ma

il sonno aiuta i ricordi a consolidarsi e può fare il recupero delle informazioni apprese

meglio (relativo al fatto di essere privato del sonno).

Passa dallo studio di diversi argomenti. Se hai esami finali in arrivo

una settimana di storia, chimica e psicologia, è meglio studiare questi argomenti

ogni giorno invece di studiare solo un argomento.

Mettiti alla prova. Compilate i test di pratica e prendeteli ripetutamente mentre studi. Questo

passo consente di esercitarsi a recuperare informazioni dalla memoria, rendendo il

percorsi per l'apprendimento più forte in modo da poterlo richiamare facilmente più tardi quando è necessario

questo – e ti permette anche di valutare ciò che sai e ciò che non sai.

Prendere appunti a mano e non dal computer. Durante la digitazione, gli studenti tendono a registrare

informazioni come se stessero prendendo dettatura. Quando scrivono a mano le note

scrivono più lentamente, quindi devono pensare più duramente al materiale da distillare

esso.

La maggior parte dei consigli forniti sopra è spiegata in modo più completo in Make It Stick, che fornisce anche molti altri suggerimenti su strategie di studio efficaci tratte da un ampio gruppo di ricerche, non solo da opinioni. Crediamo che tutti gli studenti possano essere efficaci "studiando in modo più intelligente".

Solutions Collecting From Web of "Make It Stick: sei consigli per gli studenti"