Main Effect Madness

Pollyanna

La psicologia è sempre chiamata ad aiutare con il miglioramento della persona. Se la scienza psicologica non è all'altezza della sfida, un settore redditizio di autoaiuto è sempre a portata di mano. Gran parte di ciò che i popolari libri di autoaiuto offrono, tuttavia, non è basato sull'evidenza. Molti dei rimedi sono inutili e alcuni possono essere dannosi. Altri che lavorano potrebbero non funzionare per i motivi indicati. L'ascesa della psicologia positiva è stata, in parte, una risposta alla percezione che la psicologia scientifica non ha soddisfatto urgenti bisogni umani e sociali. Oltre 10 anni fa, Martin Seligman ha invitato i partecipanti a un incontro a scrivere libri di auto-aiuto basati sulla scienza che descrivono i metodi che funzionano.

È stato un decennio indaffarato per la psicologia positiva e alcune delle sue promesse sono state realizzate. Ora c'è molta ricerca che mostra che certe percezioni, atteggiamenti e comportamenti positivi hanno effetti benefici sul benessere umano. Gran parte di questa ricerca è stata guidata da un semplice – e per la sua semplicità accattivante – modello lineare ad effetto principale. Nella ricerca correlazionale ciò significa che alcune caratteristiche desiderabili (ad esempio, le virtù) sono correlate con altre caratteristiche desiderabili (ad esempio, la salute). Nella ricerca sperimentale ciò significa che indurre i partecipanti a fare certe cose desiderabili (ad esempio, trovare qualcosa di cui essere contenti in ogni situazione) aumenterà gli stati psicologici desiderabili (ad esempio, la felicità).

Il modello ad effetto principale lineare presume che un aumento di input desiderabile sarà associato ad un aumento dell'output desiderabile e che l'entità del guadagno sarà la stessa per qualsiasi unità di cambiamento dovunque possa verificarsi sulla scala. Questa è l'assunzione di linearità. Il modello presuppone inoltre che non vi siano eccezioni al modello lineare; o se ci sono, sono pochi e non sono un grosso problema. Questa è la principale ipotesi di effetto. Dice che l'effetto del bene che porta al bene non è qualificato da altre variabili.

Ma ecco il problema. Bene, ci sono due sfregamenti. Primo, l'assunzione di linearità è spesso una mera convenienza teoretico-metodologica. Un coefficiente di correlazione può sempre essere calcolato. Solo un grafico a dispersione e altri test possono rivelare se i dati sono veramente lineari. Sebbene gli effetti lineari siano effettivamente comuni, nella letteratura psicologica ci sono molti casi in cui ci sono troppe cose positive. Un'immagine positiva di sé o un'alta stima di sé sono belle, ma a un certo punto si trasformano in narcisismo. Scoprire dove quel punto si rivela essere un compito difficile. La fiducia sembra anche qualcosa che tutti noi vogliamo, fino a quando non entriamo nel territorio autodistruttivo di eccessiva sicurezza. Di nuovo, trovare dove inizia quel territorio è un affare complicato. L'altruismo sembra qualcosa che tutti noi vogliamo per la società, ma ora impariamo che esiste qualcosa come "altruismo patologico".

Secondo, una relazione lineare può mantenersi in determinate condizioni ma collassare o addirittura invertirsi negli altri. In un articolo di American Psychologist , McNulty & Fincham (2011) sostengono che la psicologia positiva deve riconoscere i suoi limiti. Alcune proprietà o attività psicologiche considerate convenzionalmente buone possono avere effetti negativi. McNulty e Fincham forniscono diversi esempi, ma si concentrano su quattro risultati della propria ricerca sulla soddisfazione coniugale.

Trovare il numero 1 è che la mancanza di perdono è dannosa per la soddisfazione se ci sono poche ostilità, ma non quando ce ne sono molte. In altre parole, quando le cose vanno veramente male, il perdono non è di grande aiuto. Questo è sfortunato e un po 'ironico perché penseresti che il perdono è più necessario nei matrimoni ostili. Trovare il numero 2 è che la mancanza di ottimismo riguardo al futuro è associata a maggiori decrementi di soddisfazione quando il partner ha abilità interpersonali forti piuttosto che deboli. In altre parole, l'ottimismo di per sé non fa molto bene. Le aspettative elevate devono essere confermate, prima o poi, dalla realtà. Trovare il numero 3 è che attribuzioni benevoli (ad esempio, non incolpare l'altro) sono associate a maggiori decrementi di soddisfazione quando i problemi coniugali sono gravi. Di nuovo, se la realtà non collabora, non fa molto bene mettere tutte le proprie speranze in un "costrutto positivo". La quarta constatazione è che la mancanza di gentilezza è associata a maggiori decrementi di soddisfazione quando i problemi coniugali sono lievi piuttosto che gravi. Ancora una volta, la realtà può mordere. [1]

In un post precedente, ho descritto uno studio di Wood et al. (2009), che ha dimostrato che ripetizioni di auto-affermazioni positive come "I am a amovable person" aumentano l'autostima solo se l'autostima è già alta. Se è basso, tali affermazioni lo abbassano ancora. Le migliori intenzioni non possono garantire che il pensiero positivo non si ritorceri contro.

La mutazione di McNulty e Fincham dalla psicologia positiva a quella realistica è importante. Ci porta oltre la semplicità del modello ad effetto principale lineare, e, più criticamente, rompe l'arroganza di pensare che tutto possa essere risolto se si mette la propria mente in una cornice positiva. Nella misura in cui la psicologia positiva ha permesso di formare questa impressione, ha fatto un danno reale. McNulty e Fincham notano, tuttavia, che molti psicologi positivi hanno anticipato questi sviluppi, il che è a loro merito.

Nota

[1] Se questo paragrafo è difficile da leggere è perché ho inquadrato 3 dei 4 risultati negativamente ("mancanza di"), che ho scelto di fare perché è lì che le differenze erano maggiori. Il lettore attento nota anche che c'è un effetto negativo prevalente sul matrimonio sulla soddisfazione. Le attitudini positive limitano solo la dimensione dei decrementi di soddisfazione in questa ricerca; non aumentano la soddisfazione. E ancora, lo fanno solo quando le cose non sono poi così male per cominciare. Vedi qui per un post precedente sul lato oscuro dell'ottimismo.

McNulty, JK, & Fincham, FD (2011). Oltre la psicologia positiva? Verso una visione contestuale dei processi psicologici e del benessere. Psicologo americano, 25 anni . doi: 10.1037 / a0024572

Solutions Collecting From Web of "Main Effect Madness"