Mai più!

Uso il termine portkey , che ho preso in prestito da Harry Potter, per catturare l'impatto profondo del trauma emotivo sulla nostra esperienza del tempo. Harry era un ragazzino gravemente traumatizzato, quasi ucciso dall'assassino dei suoi genitori e lasciato alle cure di una famiglia che lo maltrattava crudelmente. Nacque dalle ceneri di un trauma devastante come un mago in possesso di meravigliosi poteri magici, e tuttavia mai libero dal trauma originale, sempre sotto la minaccia dell'assassino dei suoi genitori. Come mago, incontrò oggetti porticciolo che lo trasportavano istantaneamente in altri luoghi, cancellando la durata normalmente richiesta per viaggiare da una posizione all'altra. I portachiavi al trauma ci restituiscono ancora e ancora a un'esperienza di traumatizzazione. L'esperienza di tali fratture portkey e può anche cancellare, il nostro senso di individualità unitaria, di essere continuo nel tempo.

Il trauma sconvolge devastante l'ordinaria linearità e unità della nostra esperienza del tempo, il nostro senso di stiramento, dal passato a un futuro aperto. Le esperienze di trauma emotivo si congelano in un presente eterno in cui restiamo intrappolati per sempre, o ai quali siamo condannati a essere perennemente restituiti attraverso i portaconi forniti dalle fasce e dalle frecce della vita. Nella regione del trauma tutta la durata o l'allungamento – lungo collassa, il passato diventa presente, e il futuro perde ogni significato diverso dalla ripetizione senza fine. Il trauma, in altre parole, è senza tempo. Inoltre, poiché il trauma modifica così profondamente la nostra esperienza ordinaria del tempo, la persona traumatizzata vive letteralmente in un altro tipo di realtà, completamente diversa da quella che gli altri abitano. Questa sensazione di diversità, a sua volta, contribuisce al senso di alienazione e estraniamento da altri esseri umani che tipicamente perseguita la persona traumatizzata.

L'implacabile ritorno alle esperienze di trauma emotivo è assicurato dalla finitezza della nostra esistenza e dalla finitezza di tutti coloro che amiamo. Il trauma incombe su tutti noi come una possibilità sempre presente. Una recente conversazione con un collega sulle nostre rispettive esperienze di portachiavi al trauma mi ha ricordato un drammatico esempio di traumatica temporalità che ho incontrato quando ero un giovane psicoanalista che praticava a New York circa trent'anni fa. Un uomo sulla quarantina ha iniziato il suo primo consulto con me spiegando che aveva bisogno della psicoterapia per aiutarlo a decidere se divorziare o meno da sua moglie. All'improvviso, e non ricordo come sia successo, un ricordo rimosso di un trauma che quell'uomo aveva sperimentato quando aveva 5 anni è entrato nella sua esperienza cosciente, proprio come nei vecchi film di Freud. Sua madre era malata terminale all'epoca, e ricordò di aver visto l'insopportabile dolore in lei mentre anticipava la sua morte e non riusciva mai più a vederlo. Poco dopo aver recuperato questo ricordo traumatico, mi disse che aveva deciso di non divorziare dalla moglie, perché non sopportava la prospettiva di vedere quello stesso sguardo di tristezza sul suo viso. Dopo quella consultazione, non l'ho mai più visto.

Copyright Robert Stolorow

Solutions Collecting From Web of "Mai più!"