Maggie's by Design: un progetto per i centri di cura del cancro

Quando Maggie Keswick Jencks apprese che il suo tumore al seno si era diffuso, le fu detto che sarebbe morta in pochi mesi. Un abile paesaggista / scrittore e adorata moglie e madre, il suo istinto non era quello di rannicchiarsi e morire. Invece la battaglia di Maggie con il cancro l'ha spinto a creare – per definire una visione per un ritiro del Cancer Caring Center a Edimburgo per coloro che lottano allo stesso modo con il cancro. Morì due anni dopo, nel 1995, ma il prototipo del centro che aveva immaginato era il seme di un'idea che sbocciò: diciassette "Maggie's Centres" ora sono stati stabiliti in tutto il Regno Unito e all'estero con più fasi di pianificazione.

Vista la sua eredità, è sembrato giusto che la mostra, i Centri di Maggie: un progetto per la cura del cancro, sia stata aperta a marzo (Women's History Month) alla New York School of Interior Design. La mostra e la conferenza di Charles Jencks, stimato marito critico dell'architettura di Maggie e cofondatore dei Centri, hanno evidenziato sia la missione dei Centri sia i loro variegati progetti.

Basandosi sulla sua stessa lotta, Maggie ha concepito l'idea per il primo centro di Edimburgo di offrire "supporto pratico, emotivo e sociale gratuito alle persone malate di cancro, ai loro familiari e amici." (1) Fornire input sul progetto fino al giorno prima morì, la visione di Maggie enfatizzò la creazione di un'oasi familiare, un accogliente luogo sociale, ma intimo dove le persone potevano rilassarsi, chiacchierare, fare yoga, preparare una tazza di tè e sentirsi abbracciati. I centri Maggie ora istituiti in tutto il Regno Unito nei centri ospedalieri del Servizio sanitario nazionale fungono da contrappunti agli ospedali tradizionali, dall'aspetto clinico, incentrati sul trattamento del corpo, non dell'anima.

La portata dello sforzo del Centro di Maggie come esercizio di architettura da solo è enorme e, nel complesso, i risultati del progetto sono rivoluzionari su una serie di fronti:

Star Architects of Hope – Impossibile ottenere i migliori architetti del nostro tempo per progettare un centro di cura del cancro nel Regno Unito? Dove c'è una volontà, c'è un modo. La mostra presentava i progetti completati e in corso dei cinque Maggie's Center dagli architetti di stelle Frank Gehry, Rem Koolhaas, Richard Rogers, Steven Holl e Piers Gough. Altri oltre a questi famosi cinque hanno creato i Centri Maggie. Pritzker Architecture Prize-winner Il primo edificio di Zaha Hadid nel Regno Unito è il Maggie's Center in Fife, ad esempio.

Se vi siete persi la mostra (2), il libro The Architecture of Hope (3) documenta i vari approcci di questi designer alla stessa sfida di creare un ritiro focalizzato sul paziente, anche se in siti diversi. La grande domanda, a me sembra, è "queste stelle erano in grado di tradurre la loro arte in edifici che rendono chiunque entri a proprio agio?" Il cancro, dopo tutto, è una malattia di pari opportunità aperta a persone di ogni ceto sociale, non solo il design cognoscenti! Gli architetti non sono noti per il loro studio approfondito dell'importanza della Psicologia del Design. Ad esempio, "accogliente" non sarebbe il modo in cui descriverei le immagini esteriori del modernista Fife Center.

Un modello del Cancer Caring Center – Anche se non posso parlare per tutti i Maggie's Centers, ho visitato il Maggie's al Charing Cross Hospital di Londra (4) che, a mio parere, trova il perfetto equilibrio tra la notorietà architettonica e un utente- atmosfera amichevole. "Ibridi", come Jencks descrive i Maggie Centers, questo combina veramente un:

• Casa domestica: luminosa, calda, accogliente, invitante

Ospedale: un luogo in cui sentirsi meglio, in salute e incontrare professionisti

Museo – stimolante ed edificante

Chiesa – per riflettere sul significato più profondo della vita (5)

L'esterno moderno e rosso-arancio di questo Maggie è luminoso, caldo e facile da individuare. Inoltre, il colore dell'edificio riecheggia l'esperienza d'infanzia di Maggie. Crescendo in Estremo Oriente, i giardini cinesi (che includevano questo rosso ottimista ed energizzante (6)), hanno influenzato in particolare la sua sensibilità progettuale, i giardini che ha creato e il suo rispettato libro, The Chinese Garden . (7)

Sono sicuro che Maggie avrebbe amato l'ingresso sinuoso e paesaggistico di questo centro che sembra un'idilliaca via di fuga dalla rumorosa strada esterna. Una volta dentro, c'è un flusso zen tra lo spazio interno e quello esterno che è edificante e ispira la contemplazione. Le piante sono usate con un effetto sottile e squisito: guardando in un angolo del giardino, ho pensato per un minuto che la nebbia di Londra fosse una nebbia tropicale – che ero arrivato ( aahh …) a Tahiti.

Le cucine e i tavoli informali nel cuore di questo e di tutti i Maggie's Centres, nonché comodi divani e cuscini da salotto ricordano la facilità funzionale, l'atmosfera calda e l'armonia che Maggie ha creato nella sua casa. (8) Come ha commentato Jencks:

A Maggie piacevano le cose molto modeste; i suoi valori da suo padre erano contro l'ostentazione. Non le piaceva l'architettura pretenziosa … Aveva un'incredibile sensibilità nei sentimenti, un sistema di sensazioni molto sviluppato … Poteva percepire sottili differenze che erano estremamente importanti e non sapeva mai perché – nelle persone, nelle situazioni e nell'ambiente. Tutti loro. ( 9)

Transforming Place, Transforming Self- Above soprattutto, Maggie era "interessata ad esplorare nuovi modi di aiutare le persone a trovare il proprio modo di aiutare se stesse". (10) Il suo modo di aiutare se stessa, non era quello di arrendersi, ma di aiutare se stessa attraverso il potere del design. La nozione di empowerment del paziente era il fondamento concettuale, non solo di mattoni e malta per i Centri di Maggie. Come un utente ha osservato, "Maggie è come un'oasi. Ti dà gli strumenti per portare avanti il ​​tuo futuro, per prendere il controllo della tua vita. "(11)

Oltre alla combinazione di modelli di gruppi di supporto, corsi, consulenza professionale e cameratismo offerti sia on-site che online (12) tramite Maggie's Centers, Maggie potrebbe anche essere un modello di come i pazienti possano utilizzare lo stesso processo di progettazione come un potente strumento in speranza e guarigione? Mentre la ricerca mostra (13), che non tutti si sentono sicuri e interessati a partecipare al processo di progettazione, non è necessario essere un designer esperto per sperimentare il potere terapeutico della creatività. Ad esempio, le immagini dei centri di Maggie hanno iniziato a discutere i pazienti oncologici e il personale che, da soli, ha creato una "oasi di progettazione" di guarigione presso il YWCA Breast Cancer Resource Center di Princeton, NJ (14).

Poiché gli architetti di solito sono riluttanti, tuttavia, per offrire agli utenti un posto al tavolo da disegno, forse i "designer-in-residence" dei centri di Maggie potrebbero organizzare seminari che coinvolgano i pazienti nella creazione di oasi nelle case dei pazienti – luoghi spesso trascurati durante la malattia eppure dove molti

passare la maggior parte del tempo. Modificando anche modesti cuscini o coperte, colori o aromi, o includendo foto, opere d'arte, ecc., I pazienti possono trasformare la loro camera da letto, la stanza degli ospiti, la biblioteca nella loro personale casa-ospedale-museo-chiesa.

Come sappiamo dalla terapia artistica, gli sforzi neurobiologicamente parlando, creativi, visivi che provengono dal lato destro del cervello spesso possono sfondare la "testa pensante" di una persona per offrire più espressione e liberazione pieni di cuore (15). Soprattutto, assumere il controllo del proprio spazio può essere una metafora per assumere il controllo della propria vita, consentendo così ai pazienti che spesso sentono una mancanza di controllo.

I pazienti di Maggie potrebbero essere i loro "art star" attraverso la partecipazione a un nuovo tipo di "Design Therapy?" (16) Non importa cosa, Maggie Keswick Jencks rimane un'eroina pioneristica, una "Donna di design" (17) che ha trasformato il luogo e , nel processo, ha trasformato la vita in faccia alla morte.

___________________________________________________

1 Vedi https://www.maggiescentres.org/our-centres/

2. La mostra va dal 7 marzo al 25 aprile 2014 http://www.nysid.edu/news-events/exhibitions/maggies-centres-a-blueprint…

3. Charles Jencks e Edwin Heathcote, The Architecture of Hope . (Londra: Frances Lincoln Limited, 2010.)

4. Progettato da Rogers, Stirk Harbor & Partners

5. Commenti della conferenza di Charles Jencks, New York School of Interior Design, 7 marzo 2014.

6. Charles Jencks e Edwin Heathcote, The Architecture of Hope , p.140.

7. Maggie Kewick, The Chinese Garden: storia, arte e architettura. (Cambridge: Harvard University Press, 2003.)

8. Jencks si riferiva in particolare alla loro modesta casa di famiglia a Cape Cod.

9. Toby Israel, un posto come casa: usare la psicologia del design per creare luoghi ideali , 2 ° ed. (Princeton: Design Psychology Press, 2010), p. 88.

10. Commenti di Marcia Blakenham a Maggie Keswick Jencks, "A View from the Front Line". (Londra: Maggie Keswick e Charles Jencks, 1995.), p. 6.

11. Citazione di "Barbara" – Maggie's Edinburgh.

12. Disponibile 24 ore al giorno tutto l'anno: https://www.maggiescentres.org/our- centres/maggies-online-centre/

13. Toby Israel, L'arte nell'ambiente Esperienza: reazioni ai murales pubblici nel Regno Unito. (City University of New York: Dissertation inedita, 1988.)

14. Toby Israel, "Think Tangerine Trees (Not Pink) for Breast Cancer Centers," Psychology Today , "Design on My Mind", blog, 17 aprile 2013: http://www.psychologytoday.com/blog/design-my -mente / 201304 / think-tangerin …

15. In Invisible Heroes: Survivors of Trauma e How They Heal (New York: Bantam Books, 2004), l'autrice Belleruth Naparstek scrive: "Se una persona è stata profondamente colpita da un trauma, è più che probabile che prima debba trovare un percorso obliquo attraverso il regno immaginario, usando metafora e linguaggio simbolico, per aiutarlo a gestire i suoi sintomi, trovare un senso di sicurezza, ricontattare tutto se stesso e rendere il linguaggio una via percorribile di nuovo. "p. 13.

16. Il progetto Robe to Wellness offre ai pazienti l'opportunità di creare messaggi poetici di "auguri" per coloro che combattono il cancro al seno. Questi messaggi, trasferiti su etichette, vengono cuciti in abiti ospedalieri che potenziano i pazienti di cancro di Robe to Wellness Sewing Circle , i loro familiari e amici che si sostengono a vicenda mentre cucono: www.robetowellness.com

17. Per ulteriori informazioni su "Women by Design: Transforming Home, Transforming Self ", vedi http://oasisbydesign.net/presentation.html

Solutions Collecting From Web of "Maggie's by Design: un progetto per i centri di cura del cancro"