Madre Anna Young e la casa di preghiera

Ricordi d’infanzia di un leader di un culto distruttivo

used with permission from iclipart

Fonte: usato con il permesso di iclipart

Sono sempre stato interessato alle sette, forse perché leggere di Charles Manson e dei suoi seguaci all’età di 14 anni è ciò che ha innescato il mio interesse per la psicologia forense. Li ho studiati e ho scritto su di loro. Ho parlato con persone che si sono scagliate contro di loro: un amico il cui compagno di stanza è stato sedotto da uno, un altro amico la cui nipote si è sposata in una. Tuttavia, non avevo mai parlato con un bambino cresciuto in uno finché non ho parlato con Joy Fluker e John Neal dell’omicidio di Emon “Moses” Harper di 3 anni nella Casa di preghiera di Madre Anna Young per tutti.

Joy Fluker e John Neal erano entrambi bambini quando i genitori di Joy, Jonah e Anna Elizabeth Young, iniziarono il loro ministero religioso a Waldo, in Florida. Era il 1983. John arrivò lì quando aveva 6 anni, dopo che madre Anna si offrì di guardare lui e la sorella minore mentre sua madre lavorava. Quando la comunità si trasferì in una casa colonica a Micanopy, una piccola città della Florida nord-centrale situata tra Ocala e Gainesville, nel 1985, anche sua madre si trasferì. A quel tempo, a John non importava molto; raramente ha visto sua madre, né gli è mancata. Madre Anna era importante. “Le farei questi piccoli regali e lei farebbe un grosso problema con loro”, disse John. “Potrebbe farti sentire la cosa migliore del mondo; potrebbe anche farti sentire il peggiore. ”

Tutti hanno detto che all’inizio era buono. Madre Anna era calda, affascinante, carismatica e saggia. Ha preso persone malate di mente, alle prese con l’abuso di sostanze, appena uscito di prigione. Ha fatto loro una promessa; nutrirebbe il suo gregge in difficoltà e fornire sicurezza spirituale ed economica. Madre Anna usava una routine di duro lavoro, tre volte al giorno di preghiera e frequenti insegnamenti biblici come fondamento del suo collegio religioso.

Nel corso del tempo, però, le cose sono cambiate. Sia John che Joy descrivono Madre Anna come aggettivi sempre più egocentrici, imprevedibili, punitivi e spietati, stranamente simili ai risultati della ricerca sulle personalità di molti leader settari distruttivi. Madre Anna ha distorto i principi della sua fede pentecostale, che promuove l’esperienza di Dio attraverso l’esorcismo, la profezia, il parlare in lingue e la guarigione – per punire e controllare i suoi seguaci. Gli adulti che “peccarono” furono sconfitti; i bambini che erano “posseduti da un demone” furono torturati e affamati.

Come nella maggior parte dei culti religiosi distruttivi, le cose sono peggiorate nel tempo. John ricorda la madre in mezzo a una cerchia di seguaci, che parla, parla, parla: “Vorrebbe solo rimproverare le persone, dire loro che erano inutili, le donne erano puttane e come avevano bisogno di pentirsi e avere fede. C’era solo un flusso costante di negatività. ”

Joy ricorda i pestaggi che John e gli altri bambini hanno avuto. Si ricorda di una ragazza di nome Sharon, gettata in una penna per cani, tagliati tutti i capelli, inginocchiati sul pavimento per ore. Ricorda le urla della dodicenne Nikki Nickelson dopo che Madre Anna l’ha messa in un bagno bollente con candeggina e prodotti chimici corrosivi per insegnarle una lezione per non fare il bagno in modo appropriato. E ricorda la tortura e la fame che ha subito Mosè, la bambina Anna Elizabeth Young è ora accusata di aver ucciso 30 anni qualcosa prima.

Anche John Neal ricorda cosa è successo a Mosè. Ma ciò che tormenta davvero John quando pensa agli anni trascorsi alla Casa di preghiera – anche più delle cicatrici che ancora gli coprono le spalle – sono i ricordi della sua sorellina Kaytonya, che ora chiama “Kay:”

Madre Anna credeva che Kay avesse un demone dentro di lei. Non so perché; forse era perché mia madre non era sposata quando lei l’aveva presa. Avrebbe fatto stare Kay all’interno del cerchio e correre più e più volte. Kay avrebbe dovuto cantare “Gesù, Gesù, Gesù” per ore. È stata picchiata e affamata. Anna avrebbe detto a Joy [Fluker] ea me di far correre Kay e correre e di colpirla con un bastone se si fosse fermata. L’abbiamo trattato come una specie di gioco.

Credevo a tutto ciò che aveva detto Madre Anna; lei aveva il completo controllo su di me. Pensavo che Kay avesse un demone in lei. Ho battuto la mia sorellina. Non ho avuto simpatia per lei; Non ho avuto simpatia per nessuno dei bambini. Tutto quello che pensavo quando uno di loro ha battuto era “meglio di loro”.

Anche se Anna Young non è stata accusata, Joy e John credono entrambi che sia responsabile della sua morte, che è stato l’abuso che Kay ha sofferto a causare il massiccio attacco che ha ucciso Kay. Oggi, John si addolora non solo per la perdita della sua vita, ma anche per la perdita del suo amore per lei prima di morire.

Diversamente da John, Joy sfuggì alla tortura fisica ricevuta dai suoi compagni di preghiera. Ma soffre anche dei ricordi di ciò che vedeva e di chi era lei vivendo lì: “Non amavo Mosè. Non mi importava di John o sua sorella. Non mi importava di nessuno di quei bambini. Tutto quello che mi importava era entrare nelle grazie di mia madre. Mia madre mi dava un quarto ogni volta che parlavo a uno di quei ragazzi, così gli dissi. Li ho maltrattati E quando sono stati battuti da qualcun altro, non ho sentito niente. ”

John e Joy hanno entrambi svolto un ruolo fondamentale nell’arresto di Anna Young. Testimonieranno contro di lei. Vogliono chiusura e giustizia. Joy spera di incoraggiare altri testimoni di un crimine a parlare. Ama anche sua madre e vuole che sua madre aiuti: “Ho anche dei bei ricordi con mia madre. Poteva amarti con la stessa passione con cui abusava della gente. ”

Nell’ascoltare le storie di John e Joy, sono colpito dai loro racconti dolorosamente crudi su come l’ambiente della Casa di preghiera ha modellato come si sentivano e cosa hanno fatto vivendo lì. Joy e John non sono psicopatici, eppure, per gli anni in cui hanno vissuto con Mother Anna, ne hanno avuto voglia. E si sono comportati così. Come qualcuno che lavora con criminali violenti, questo è un buon promemoria del fatto che nel nostro dibattito in corso sulla nascita o sulla creazione di psicopatici, ci sono condizioni estreme che possono estinguere l’empatia in quasi tutti. Si chiama sopravvivenza.

  • "Il mio obiettivo: la sovrapposizione tra cose che riesco a controllare e cose che contano"
  • L'Islam è ebreo?
  • Come mantenere la tua sanità mentale durante periodi politicamente folli
  • Diventare reali, essere veri e avere auto-consapevolezza
  • Pensi di aiutare, vero?
  • Introversione, estroversione e la persona altamente sensibile
  • Lettera al cancro: amicizia con il nemico
  • Superare la Bulimia è possibile
  • Alla tua mente non importa cosa pensa il tuo cervello
  • È bello essere bravi
  • Chi decide quale sia il nostro scopo?
  • 6 segni che una passione o una chiamata è "vera"
  • Perdita ambigua
  • Story of A Soul: una conversazione intima con Mirabai Starr
  • Roadblock to Intimacy and Trust III: The Passive Parent
  • Memorial Day: un regalo che continua a dare
  • Con Trump on your mind, esplora ciò che rende Jerk a Jerk
  • Qual è la dipendenza, comunque?
  • La soluzione alla violenza basata sulla paura è la fede
  • La preghiera ha un punto?
  • Navigare nel terreno emotivo della nuova diagnosi di un bambino
  • Personaggi non-Sé in sogni lucidi
  • The Power of Pilgrimage (Part 1 of 2)
  • Ricaduta della relazione durante le vacanze
  • Se fossi un uomo ricco, la dimensione interiore
  • Mettiti a terra
  • L'abilità psichica è innata?
  • Perché dovresti scrivere il tuo ricordo?
  • Healing Oasis by Design. . . Probing the Mystery
  • Invidia e propensione sociale
  • L'adultera ha le risposte
  • Luoghi di trading
  • Il Museo nazionale degli animali e della società
  • Si può rifiutare di dare ai complimenti un atto d'amore?
  • Come far crescere la tua carriera con mentalità potenti
  • Quattro elementi essenziali da discutere con i tuoi figli durante il divorzio