Madonna-puttana: non complessa

Se vuoi trasmettere i tuoi geni, potresti cercare un compagno di qualità e allevare i tuoi figli con cura. D'altra parte, potresti semplicemente goderti il ​​sesso promiscuo e lasciare che i cuccioli si arrangiano da soli.

Cosa determina quale strategia sceglierai? Tua madre – o meglio, la prima esperienza di vita che offre. Quello e come i tuoi geni si piegano. Almeno è così per i roditori.

All'incontro annuale della American Psychiatric Association, Michael Meany, uno psicologo della McGill, ha presentato i risultati di anni di lavoro su maternità, geni e comportamento nei ratti.

Se una madre di topo è curante (tende a leccare e accarezzare i suoi cuccioli, diventando la sua "LG alta"), la sua progenie sarà meno ansiosa, migliore nell'affrontare lo stress, e brava a educare i propri covoni. Le madri LG basse producono chi incontra la pubertà precocemente, mostra una maggiore ricettività sessuale, gode di un maggiore tasso di gravidanza e trascura i propri piccoli. Le generazioni successive di discendenti femmine faranno lo stesso – a meno che un cucciolo fortunato non sia "cresciuto in modo crociato" da una madre che lecca e sposi, nel qual caso il ratto coccodrillo crescerà per essere calmo e schizzinoso.

Queste risposte rappresentano due strategie darwiniane. Se il primo messaggio è che la vita è brutta, passi i tuoi geni in qualunque modo. Se si inizia con un ambiente di qualità, si adotta un approccio più paziente.

Le varianti della personalità derivano dal modo in cui il cervello gestisce i soliti sospetti: ormoni sensibili allo stress, serotonina e ossitocina. Ma nel modello di ratto di Meany, alla base della differenza c'è una differenza estremamente semplice nell'epigenetica.

Ricorda l'epigenetica? Si riferisce ai cambiamenti nella configurazione dei cromosomi che mantengono le stesse sequenze di geni. Qui, l'allevamento negligente determina la metilazione della singola base, una citosina, che si trova in una regione di DNA "non codificante" che risulta influenzare la produzione di recettori per gli ormoni dello stress, attraverso un "promotore del recettore dei glucocorticoidi". Non è il tuo i geni, è come sono piegati, una geometria che codifica il problema che hai visto.

Un "inibitore dell'istone deacetilasi (HDAC)" che aiuta a invertire la metilazione e ripiegare il gene renderà la prole low-LG più resiliente di fronte allo stress. Assente questa nuova parentela chimica, una volta che la metilazione si verifica – come invariabilmente avviene nella progenie di madri LG basse – persiste per tutta la vita, mutando la produzione di modulatori dello stress anche a intervalli di risciacquo. Lo schema continuerà per generazioni, in una sorta di "cultura della povertà" della famiglia dei topi.

In termini umani, se tu, come donna, venissi sbalzato da poco e trascuri il tuo bambino in favore di più allettamenti caldi, potrebbe essere una singola citosina metilata che è la colpa – o lodare, se quella strategia funziona per te e per il tuo. E se, come un uomo in cerca di preda, pensi che la ragazza compiaciuta che stai osservando abbia imparato le lezioni della vita nella scuola dei duri, probabilmente hai ragione.

Per ulteriori dettagli, è possibile scaricare il primo documento elencato in questa bibliografia del lavoro di Michael Meany. Il saggio conclude: "La qualità dell'ambiente influenza il comportamento del genitore, che a sua volta è il fattore critico nel determinare se lo sviluppo procede secondo un modello ottimistico rispetto a uno pessimistico di sviluppo. Nei mammiferi . . i segnali dei genitori servono come una "previsione" del livello di avversità che si prospetta. . . . i vari livelli di domanda ambientale richiedono tratti diversi nella prole. Questo è un messaggio semplice, persino ovvio, con implicazioni sociali significative. "È anche uno che può essere codificato ragionevolmente semplicemente nel cervello dei mammiferi, attraverso il DNA che risponde alla via del mondo.

Solutions Collecting From Web of "Madonna-puttana: non complessa"