Mad Men e l'idea dell'amicizia nel lavoro

L'episodio più recente di Mad Men, ' Signal 30 ,' è un'esplorazione dell'amicizia. L'amicizia sul posto di lavoro, in particolare.

L'amicizia è descritta dai dirigenti pubblicitari induriti dello spettacolo come una parte cruciale della propria strategia, un modo per conquistare un cliente. Condividete qualche confessione, ascoltate la loro e diventate "cospiratori" o, come dice il personaggio Roger, aggiungendo citazioni spaventose con le mani, "amici".

Infatti, più tardi, l'uomo di cui stanno cercando di sbarcare il conto spiega che gli piacerebbe avere un po 'di "divertimento" con le persone con cui lavorerà. (Hanno trovato questo "divertimento" e si sarebbe assicurato l'accordo, se i dettagli della loro "cospirazione" non fossero stati scoperti dalla moglie del cliente.)

Vediamo il personaggio principale, Don Draper, molto riluttante ad accettare di andare a casa del suo collega in periferia per la cena, ma vediamo anche che si diverte molto. (Qualcosa a cui perfino confessa.) Quindi forse c'è dell'altro per lavorare all'amicizia che un mezzo per raggiungere un fine. Forse questi ragazzi sono veri amici?

Non così in fretta. L'episodio si conclude con Pete che si lamenta amaramente di essere stato picchiato in un ufficio da Lane, (il titolo dell'episodio, Signal 30, è il codice della polizia per trauma) che dice "questo è un ufficio. Dovremmo essere amici. "(Come spettatori, sappiamo che gli" amici "di Pete pensavano che un pestaggio sarebbe durato molto tempo).

Gli scrittori di Mad Men sono riusciti a farci mettere in discussione la natura stessa delle amicizie di lavoro. Questo è il momento in cui potremmo aver pensato che se i soci d'affari possono essere amici è semplicemente una domanda empirica, e non uno che sembra essere molto pressante (non lo sapremmo quando abbiamo un amico o no?) Ma il problema è in realtà di qualche significato filosofico.

Non intendo solo questo, come gli scrittori di Mad Men chiariscono, la questione non è in realtà ovvia e vale la pena di ponderare. Esiste un resoconto filosofico del mercato che potrebbe essere supportato, o confutato, se riusciamo a capire se possiamo davvero essere in affari con qualcuno e allo stesso tempo essere amici.

Valore in etica ed economia

Elizabeth Anderson, della University of Michigan, ha scritto un libro meraviglioso intitolato "Value in Ethics and Economics" alcuni anni fa. (Da allora, non ha smesso di elaborare nuovi approcci in altre aree della filosofia.) Sostiene che possiamo caratterizzare il mercato attraverso un insieme di norme.

Approssimativamente, suggerisce che il mercato è:

1. impersonale

2. segnato dalla libertà

3. dove le merci che sono rivali sono scambiate (non sono "beni condivisi")

4. dove ci preoccupiamo solo dei desideri

5. dove segniamo le nostre scelte per uscita.

Anche se probabilmente dovrei illustrare ciò che intende quando si tratta di ciascuno di questi descrittori, lasciatemi dire che, secondo Anderson, solo i "beni economici" dovrebbero essere (e venduti) in conformità con queste cinque norme. I "beni economici" sono l'unico tipo di beni che dovremmo "usare", piuttosto che (4) "rispetto" (5) "valore personale" o (6) "condivisione".

In breve, secondo Anderson, se cerchiamo di capire gli amici come "beni economici", incontreremo dei problemi.

Perché? Permettetemi di lasciare che qualcun altro spieghi nella prossima sezione.

Le implicazioni di assumere i tuoi amici

Nel mio campus di recente abbiamo tenuto un concorso di saggi per vedere se gli studenti potevano aiutarci a risolvere questo problema. No, non abbiamo messo in relazione il punto di vista di Anderson con Mad Men (che idea!) Ma abbiamo chiesto agli studenti di testare il punto di vista di Anderson considerando se le fraternità e le confraternite dovessero permettere ai membri di pagare gli altri membri per fare le loro faccende. Ciò minerebbe gli stessi valori – della fraternità e della sororità – che le organizzazioni sono state progettate intorno?

Ecco una selezione del saggio vincente, di Stefan Koester.

"Se un fratello di una confraternita dovesse chiedere ad un altro fratello di fare certe faccende personali in cambio di denaro, introdurrebbe un valore estrinseco, denaro, in una relazione che si suppone si basi su un ideale intrinseco. Un fratello può cercare il prezzo più basso possibile per il servizio, introducendo così la competizione tra i membri del pool di candidati. Questa competizione all'interno della fraternità mina i valori incommensurabili su cui si fonda l'associazione applicando misure quantitative del valore di ogni individuo. Le informazioni trasmesse all'interno del prezzo rappresentano una funzione dell'utilità dell'individuo. Un membro potrebbe valere tanto all'ora rispetto a un altro membro. La distillazione di un membro in una funzione fondamentale di utilità diminuisce il dialogo richiesto dall'amicizia. Se qualcuno è rappresentato semplicemente dal loro valore monetario, allora non c'è bisogno di interazione oltre i rigidi limiti dei meccanismi di mercato. Il valore della persona è uguale al loro salario e al suo valore relativo. Uno potrebbe molto probabilmente diventare migliori amici con il loro impiegato assunto; tuttavia la base di questa relazione non è fondata sulla gioia intrinseca dell'amicizia, ma sulla funzione estrinseca di una transazione ".

Va bene, vero?

Continua: "mercificando una relazione, troviamo difficile dare un senso a noi stessi e alle norme della società [1]. Se una persona vale solo una certa somma per me, non ho alcun incentivo a continuare ad interagire con loro se è in conflitto con il mio interesse personale. Le norme sociali come la fiducia, l'onestà, la cortesia e il rispetto sono, quindi, riservate solo a coloro con cui interagisco all'interno della struttura del mercato. Questa visione del valore umano nega il fatto che siamo creature psicologiche definite dal nostro atteggiamento nei confronti delle cose.

La società non è semplicemente una creazione di eventi causali che stabiliscono determinati atteggiamenti in risposta a vari incentivi. Non viviamo in uno stretto mondo a senso unico in cui creiamo solo la nostra valutazione delle cose. La nostra attitudine verso le cose gioca un ruolo nel modo in cui arriviamo a valutare altre cose. Operando solo entro i confini di uno stato attuale di valutazione, senza riguardo per il valore intrinseco di qualcosa, perdiamo di vista lo scopo razionale per il quale una determinata attività è stata perseguita in primo luogo. Se un fratello di fraternità cerca solo il completamento di qualche compito in cambio di denaro da un altro fratello, trascurerà probabilmente il valore non monetario che riceve dall'altro, minando così la loro amicizia e relazione e gli ideali dell'associazione nel suo insieme.

Certo, alcuni credono che, poiché dobbiamo orientarci verso la mancanza di desideri altrui all'interno di un mercato, diventiamo più inclusivi e successivamente sviluppiamo legami più forti [2]. Mentre interagire con gli altri all'interno di un mercato può illuminarci nei confronti dei desideri economici degli altri, possiamo interessarci poco delle altre dimensioni che sono cruciali per lo sviluppo di una solida relazione.

In molti affari commerciali è più proficuo mentire a dipendenti o clienti che a trattare con loro onestamente [3]. Le aziende non mentono ai loro clienti perché credono nel valore intrinseco della menzogna. Mentono perché è redditizio e a loro vantaggio farlo. Non desiderano avere una relazione non monetaria con nessuno. Il tentativo di applicare queste norme e l'etica del business per accompagnare le relazioni compromette chiaramente l'intero punto. "

Quindi ce l'hai, meglio di me. Gli "amici" di Mad Men possono essere "i migliori amici", ma gli stessi valori del mercato (necessari al loro posto) sono destinati a interferire con la qualità delle amicizie che derivano (e persino beneficiano) del lavoro. Mi sembra che gli autori dello show siano d'accordo. Mi sembra che stiano davvero spingendo sul punto. Ma potrei sbagliarmi.

Cosa ne pensi?

[1] Elizabeth Anderson, Value in Ethics and Economics (Londra, Inghilterra: Harvard University Press, 1993), xiii.

[2] Jerry Z. Muller, "I benefici morali trascurati del mercato", Società gennaio / febbraio 2006, 13.

[3] William W. Keep e Gary P. Schneider, "L'inganno e la defezione dalle norme etiche nelle relazioni di mercato: un quadro analitico generale", Business Ethics: A European Review Vol. 19, n. 1 (gennaio 2010), 70-6.

Solutions Collecting From Web of "Mad Men e l'idea dell'amicizia nel lavoro"