Mackenzie Phillips e la sindrome di Stoccolma

In seguito alle sconvolgenti rivelazioni di incesto a lungo termine di Mackenzie Phillip con suo padre, "Papa" John Phillips del gruppo di canto degli anni '60, i Mamas and the Papas, alcune persone si chiedono perché l'attrice abbia permesso che l'incesto continuasse per dieci anni- nei suoi vent'anni.

L'ipotesi è che, poiché era una giovane adulta, avrebbe potuto fermarlo. La realtà è che non è stata in grado di prendere la cosiddetta sindrome di Stoccolma, in cui le persone formano ciò che viene definito un "legame traumatico" con i loro oppressori. Poiché la sopravvivenza dipende dalla buona volontà dell'oppressore, gli abusati diventano infatuati e legati a loro. L'ereditiera rapita Patricia Hearst ne fu un notevole esempio. Il legame traumatico è comune alle vittime di abusi, siano essi bambini incarcerati o mogli maltrattate, così come tra prigionieri di guerra, membri di setta e vittime di torture per nominarne alcuni.

Le persone traumatizzate hanno un cervello traumatizzato che Phillips ha descritto nello show Oprah quando ha accennato ad avere "flashback", immagini interne indesiderate, che ha tentato di compartimentare e bloccare. Un cervello traumatizzato non risponde o riprende così facilmente.

L'uso di droghe, anche parte del comportamento della sua famiglia, ha contribuito ad annientare la consapevolezza degli episodi sessuali, il conseguente dolore emotivo e i ricordi indesiderati e intrusivi, che si sono verificati in seguito.
Nel libro Traumatic Experiende and the Brain, l'autore David Ziegler, direttore di un programma di trattamento per bambini maltrattati, scrive che "ho notato spesso che il grado di lealtà da bambino a genitore abusivo sembra essere direttamente proporzionale al la gravità dell'abuso che il bambino ha ricevuto. In questo modo controverso, il trattamento più forte o più pericoloso per la vita, più forte è la lealtà del bambino ".

Ciò è dovuto al modo in cui il trauma imprime il cervello. È un fraintendimento quando le persone con uno sviluppo normale e una limitata esperienza di abuso, incesto o droghe presumono che qualcuno con un'esperienza molto diversa sarebbe in grado di pensare, funzionare o agire come loro. Inoltre, un bambino, che come Mackenzie Phillips ha iniziato a distorcere il cervello con l'uso di droghe in tenera età, avrà uno sviluppo cerebrale diverso da quello di una persona il cui cervello non è stato contaminato dalla droga nelle prime fasi della sua vita. Inoltre, nella famiglia Phillips sembra che l'uso di droghe fosse una specie di passatempo familiare. Bramando il senso di appartenenza che la maggior parte delle persone, e certamente tutti i bambini provano, un bambino come Mackenzie è stato inserito fin da subito in una cultura familiare unica, che isolava intrinsecamente e accresceva ulteriormente la dipendenza da genitori potenti dal momento che né i loro valori, stile di vita, né il comportamento era condiviso da altre persone.

Inoltre, Mackenzie Phillips riferì che la filosofia di John Phillips era che lui e la sua famiglia erano in qualche modo speciali e al di là delle normali regole di comportamento a cui gli altri aderivano. Fino a quando non iniziò la sua lunga e dura ascesa all'indipendenza e alla maturità, questo era l'unico punto di riferimento, il giovane Mackenzie. Fino a quando non ha iniziato quella scalata, la mentalità distorta, possibilmente sociopatica, che ha imparato da suo padre era parte del suo intrappolamento.

Anche se sono preoccupato che raccontare il suo trauma su Oprah possa potenzialmente ritradurre Mackenzie e minacciare la sua fragile scoperta, spero che il resto di noi possa accordarle il rispetto che merita per il suo coraggio, e prendere a cuore le implicazioni dei racconti sulla moralità lei offre che l'abuso dovrebbe essere riconosciuto anche quando l'aggressore è potente, carismatico e famoso.
Per ulteriori informazioni sulla salute integrativa, ottenere l'ezine gratuito, l'Health Outlook su www.health-journalist.com
Segui Alison Rose Levy su Twitter: www.twitter.com/healthattitude

Solutions Collecting From Web of "Mackenzie Phillips e la sindrome di Stoccolma"