Machiavelli sul lavoro: il caso del consulente connivente

Nel mio precedente lavoro come CEO di una società di consulenza multistato, a volte ho dovuto affrontare problemi causati dai machiavellici. Di volta in volta, pubblicherò studi di casi relativi a queste esperienze. Questo è il primo caso del genere.

"Maureen" era uno dei tanti consiglieri impiegati dalla nostra organizzazione in una struttura in uno stato occidentale. Ha lavorato per noi un po 'più di un anno. Maureen ha riferito a un supervisore in loco, che mi ha segnalato. Ho lavorato presso l'ufficio a casa in uno stato diverso.

I problemi sono iniziati subito dopo il suo impiego. Maureen si lamentava costantemente e a chiunque volesse ascoltare, su argomenti grandi e piccoli. Spargeva pettegolezzi e coltivava una serie sempre crescente di alleanze tra noi e contro il personale. A causa dei suoi metodi graduali e calcolati, Maureen non sembrava mai essere più di un fastidio minore.

Verso la fine del suo impiego, gli effetti cumulativi della sua influenza maligna stavano diventando evidenti. Il suo supervisore, rendendosi conto che il suo comportamento stava avendo effetti tossici, le diede un avvertimento verbale e scritto. Ha portato questi argomenti alla mia attenzione e mi ha suggerito di prendere in considerazione la libertà vigilata o il licenziamento se i suoi imbrogli continuavano. Poco tempo dopo, si è dimessa – o così abbiamo pensato. Nulla era mai come sembrava con Maureen.

Un venerdì pomeriggio, ha annunciato al suo supervisore che stava smettendo. Il suo supervisore ha chiesto una lettera di dimissioni scritta, che ha promesso di fornire ma mai fatto. Quel weekend mandò una mail a molti dei suoi colleghi dicendo: "Mi è piaciuto lavorare con te e mi mancheranno tutti". Il lunedì seguente tornò in ufficio il tempo necessario per consegnare le chiavi.

Il giorno dopo, martedì, Maureen ha inviato via email al suo supervisore che stava lavorando a casa su alcuni file e avrebbe continuato a lavorare a casa fino a quando non si è lasciata coinvolgere. Il suo lavoro non prevedeva il lavoro a casa e non aveva chiesto il permesso di lavorare a casa. In effetti, non si era dimessa? Nel frattempo, il supervisore aveva scoperto dei file sul computer di Maureen contenenti osservazioni, accuse e sospetti su ogni membro dello staff, incluso il suo supervisore. Da sempre aveva spiato e preso appunti.

Ho incaricato il supervisore di inviare a Maureen una breve e-mail (con una copia a me) che la informava che aveva accettato le sue dimissioni verbali efficaci il venerdì precedente. La sua e-mail dovrebbe inoltre dichiarare che la società ha riconosciuto la sua e-mail "Mi mancherai tutti" e il suo ritorno delle chiavi dell'ufficio come conferma delle sue dimissioni il venerdì precedente. Pertanto, la società non ha né desiderato né autorizzato alcun lavoro da lei dopo il venerdì precedente.

    Dopo aver ricevuto quell'e-mail dal suo supervisore, la vendicatività di Maureen passò alla marcia più alta. Ovviamente, ha inviato una e-mail bollosa in risposta. Questo è stato presto seguito da una lettera in cui chiedeva circa $ 14.000,00 di salari aggiuntivi, citando un articolo di Wikipedia a sostegno della sua richiesta. Quando ho rifiutato, ha presentato una denuncia al Dipartimento del lavoro, che ha anche respinto la sua richiesta. (Forse avrebbe dovuto citare Yahoo Answers).

    Gli anni passarono. Poi un giorno l'FBI ha chiamato. Un agente voleva intervistarmi in relazione alla domanda di lavoro di Maureen con quell'agenzia. Puoi immaginare le cose che ho dovuto dire.

    Solutions Collecting From Web of "Machiavelli sul lavoro: il caso del consulente connivente"