L'uso scandaloso off-label degli antipsicotici nei disturbi d'ansia

Non sarei mai entrato nella polemica del DSM 5 se non fosse stato per due delle sue proposte che rischia di favorire il già spaventoso uso eccessivo di farmaci antipsicotici, in particolare nei bambini e negli adolescenti. Il DSM 5 prevede di introdurre due nuove e non testate diagnosi che potrebbero offrire obiettivi naturali per la cattiva prescrizione dei farmaci – sindrome da rischio di psicosi (sintomi psicotici attenuati dell'AKA) e disregolazione del temperamento (disregolazione dell'umore distruttivo dell'AKA). Non vi è alcuna prova che gli antipsicotici conferirebbero alcun vantaggio ai bambini così etichettati (e troppo spesso etichettati erroneamente), ma una buona ragione per preoccuparsi che ciò non impedisca loro di essere usati inutilmente e spericolati.

I sostenitori del DSM 5 di queste due proposte ritengono che la mia preoccupazione sia infondata, o almeno eccessiva. Sostengono che non consiglierebbero gli antipsicotici per le nuove diagnosi e che non vi fosse alcuna indicazione approvata dalla FDA per il loro uso. Questo manca il punto cruciale che le nuove categorie di DSM, una volta rese ufficiali, assumono una vita indipendente. Se possono essere abusati (e chiaramente questi possono), saranno abusati. E l'esperienza insegna la chiara lezione che l'uso eccessivo di antipsicotici si insinuerà in modo insidioso e inappropriato ogni volta che si aprono nuove opportunità.

Un recente articolo presenta una testimonianza agghiacciante del diffuso insinuarsi dell'abuso antipsicotico (Comer JS, Mojtabai R, e Olfson M (2011) Tendenze nazionali nel trattamento antipsicotico di pazienti psichiatrici con disturbi d'ansia La rivista americana di psichiatria PMID: 21799067) . Nel 1996, gli antipsicotici venivano prescritti per i pazienti con un disturbo d'ansia nel 10% delle visite in ufficio. Un decennio più tardi, questo era più che raddoppiato nonostante non ci fossero prove che gli antipsicotici funzionassero per disturbi d'ansia e prove evidenti che causano pericolosi effetti collaterali. Poiché gli antipsicotici non hanno indicazioni FDA per i disturbi d'ansia, tutta questa massiccia overprescription è stata fatta completamente off-label.

Questo è davvero allarmante, ma sfortunatamente non è davvero sorprendente. Gli antipsicotici sono riusciti a diventare la migliore classe di farmaci – generando il più alto reddito con vendite di $ 15 miliardi all'anno – nonostante i fatti preoccupanti che gran parte della prescrizione sia off-label, non supportata da prove scientifiche e che possa causare il terribile effetto collaterale di obesità con tutti i suoi conseguenti rischi. Questa è una riflessione sbalorditiva sulla mancanza di cautela nella pratica medica quotidiana, Usata appropriatamente, gli antipsicotici sono strumenti estremamente preziosi e necessari, ma ciò che potrebbe giustificare il fatto che essi diventino così promiscui i migliori venditori.

DSM 5 non può scaricare la responsabilità di causare conseguenze indesiderate dannose, specialmente quando queste sono così evidenti che ti schiaffeggiano in faccia. È sconsiderato rischiare di causare un'ulteriore ondata nel diluvio antipsicotico. Continuo a disperare in un processo che consente a persone così intelligenti e ben intenzionate di prendere decisioni davvero terribili.

Solutions Collecting From Web of "L'uso scandaloso off-label degli antipsicotici nei disturbi d'ansia"