L'uso pesante di marijuana può ridurre il rilascio di dopamina del cervello

Pe3k/Shutterstock
Fonte: Pe3k / Shutterstock

Da adolescente, nei primi anni '80, ho fumato una tonnellata di marijuana e ho passato la maggior parte dei miei primi anni del liceo fuori di testa. È stato un momento molto travagliato per me. Durante la mia adolescenza, ho lottato con una vasta gamma di problemi personali e familiari. A quel tempo, mi sentivo intrappolato, vittima di bullismo e totalmente da solo in una scuola di preparazione pesante a Wallingford, nel Connecticut.

La cannabis era un modo per me di scappare facendomi sentire "intorpidito confortevolmente". Quando avevo 16 anni, mi alzavo ogni giorno e ascoltavo incessantemente The Wall . Quella canzone dei Pink Floyd era il mio inno. In molti modi, mi sono illuso che stavo trascendendo la realtà della mia vita facendo colpi di bong. Ma alla fine, essere intorpidito mi faceva sentire sfinito, vuoto e un tipo di disforia svuotata. Nel momento in cui ho toccato il fondo, mi sentivo già così morto dentro che il suicidio sembrava il piano di uscita più facile e più vitale.

Alla fine, un terrificante "brutto viaggio" sulla psilocibina – che portò alla vita la spaventosa alterazione mentale dell'uso di droghe pesanti in vivido technicolor – mi spinse fino al midollo. Avere un brutto viaggio ha innescato un "interruttore di volizione" che mi ha spinto nel cervello che mi ha fatto desiderare di smettere di abusare di droghe a livello viscerale.

Fortunatamente, ho scoperto i benefici del cervello di correre quando avevo diciassette anni, e ha cambiato la mia vita. Descrivo la metamorfosi che mi ha portato a smettere di usare droghe a p. 7 di The Athlete's Way ,

"Avevo solo diciassette anni, ma mi sentivo come se fossi stato trascinato in giro per il blocco un paio di volte. Avevo. Sapevo che non avrei mai più voluto quella sensazione da lama di rasoio nella mia bocca. Non ho mai voluto essere intorpidito. Questo è stato un punto di svolta per me. Da allora non ho drogato.

In molti modi, probabilmente stavo auto-meditando per una tendenza alla depressione e alcuni squilibri chimici nel mio cervello. Mi medico con l'esercizio fisico ora. Sono vigile sulla mia salute mentale e non lo diamo per scontato. Gli endocannabinoidi [cannabis auto-fatti dal tuo corpo], dopamina, epinefrina e oppioidi che io pompaggio attraverso il mio sistema ora rendono la mia forza vitale più forte e più resistente. Provo il meglio che posso non essere autodistruttivo e non temere il successo. Mi rifiuto di sabotare la mia vita in alcun modo. "

I disturbi dell'uso di cannabis possono ridurre i livelli di dopamina nello striato

OpenRangeStock/Shutterstock
Fonte: OpenRangeStock / Shutterstock

Da adolescente, mi sono reso conto che se avessi usato una sostanza esogena (farmaci) per dirottare i recettori cerebrali di qualsiasi neurochimica prodotta naturalmente, che, nel tempo, la mia capacità di provare gioia senza l'uso di droghe è diventata impossibile. Ho la sensazione che una delle ragioni per cui mi sono appassionato alla cannabis è che il mio cervello non era più in grado di produrre endocannabinoidi sufficienti, che sono fortemente legati al "high runner".

A causa delle mie lotte con il disordine da uso di cannabis (CUD) da adolescente, ho sempre le mie antenne per qualsiasi ricerca scientifica che decostruisca ciò che accade nel cervello quando qualcuno fuma copiose quantità di erba. Questa mattina ho letto di un recente studio che aiuta a spiegare cosa potrebbe accadere in termini di specifiche regioni del cervello e del sistema dopaminergico per le persone con CUD.

Lo studio del marzo 2016, "Deficits in Diatamine Striatal Release in Cannabis Dependence", è stato pubblicato su Molecular Psychiatry. Per questo studio, un team internazionale di ricercatori ha utilizzato scansioni di tomografia a emissione di positroni (PET) per tracciare una molecola radiomarcata che si lega ai recettori della dopamina nel cervello. Gli scienziati hanno specificamente misurato il rilascio di dopamina nello striato e nelle sue sottoregioni.

Le scansioni cerebrali hanno identificato che la grave dipendenza da marijuana (ora nota come disturbo dell'uso di cannabis) è associata a un ridotto rilascio di dopamina all'interno dello striato. Lo striato è una regione del cervello coinvolta nella memoria di lavoro, nel comportamento impulsivo e nell'attenzione.

Life Sciences Database/Wikimedia Commons
Striato rosso.
Fonte: database delle scienze della vita / Wikimedia Commons

I ricercatori ritengono che un minore rilascio di dopamina all'interno dello striato possa essere collegato al maggior ritiro emotivo e alla disattenzione osservati nei partecipanti allo studio dipendenti dalla marijuana. Studi precedenti hanno scoperto che la dipendenza da altri farmaci, come la cocaina e l'eroina, hanno effetti simili sul rilascio di dopamina. Tuttavia, questo è il primo studio a fornire la prova che l'uso pesante di cannabis può ridurre il rilascio di dopamina.

Nel cervello, la dopamina funziona come un neurotrasmettitore che aiuta a controllare i centri del piacere e della ricompensa del cervello. I percorsi dopaminergici sono vie neurali che trasmettono la dopamina da una regione del cervello a un'altra. La dopamina guida il comportamento motivato dalla ricompensa e ci aiuta a regolare il movimento e le risposte emotive.

La dopamina non solo consente a qualcuno di identificare i premi, ma gli dà la grinta di cogliere la giornata e raggiungere gli obiettivi. Le persone con bassi livelli di dopamina sono statisticamente più inclini all'abuso di droghe, alla dipendenza e alla sindrome amotivazionale.

Nello studio più recente, gli utilizzatori di cannabis avevano un rilascio di dopamina significativamente più basso nello striato, comprese le sottoregioni coinvolte nell'apprendimento associativo e sensomotorio. I ricercatori hanno anche esplorato la relazione tra rilascio di dopamina in aree chiave dello striato e prestazioni cognitive su compiti di apprendimento e memoria di lavoro. La riduzione della liberazione di dopamina è stata associata a prestazioni scadenti in entrambe le attività.

In una dichiarazione, Anissa Abi-Dargham, MD, professore di psichiatria (in radiologia) presso il Columbia University Medical Center (CUMC) e un autore principale del documento ha detto,

"Non sappiamo se la diminuzione della dopamina fosse una condizione preesistente o il risultato di un uso pesante di cannabis … Ma la linea di fondo è che il consumo a lungo termine di cannabis può compromettere il sistema dopaminergico, che potrebbe avere una varietà di effetti negativi sull'apprendimento e comportamento.

Alla luce dell'accettazione e dell'uso più diffusi della marijuana, soprattutto da parte dei giovani, riteniamo che sia importante esaminare più da vicino gli effetti potenzialmente additivi della cannabis nelle regioni chiave del cervello. "

Conclusione: l'uso pesante di cannabis può essere dannoso, in particolare nella gioventù

Fonte: Jan Havlicek / Shutterstock

Nel marzo 2016, un altro studio ha riportato che i disturbi da uso di cannabis negli Stati Uniti stanno aumentando drammaticamente. Secondo lo studio, la percentuale di americani che hanno riferito di aver usato marijuana nell'ultimo anno è raddoppiata tra il 2002 e il 2012. Sfortunatamente, solo il 13,2% delle persone con disturbo di uso prolungato della cannabis ha cercato un trattamento professionale per la loro dipendenza.

Inoltre, un rapporto del 2012 dell'amministrazione dei servizi per l'abuso di sostanze e la salute mentale sulle percezioni sulla rischiosità della cannabis ha rilevato che gli atteggiamenti sono cambiati radicalmente negli ultimi anni. Ad esempio, negli Stati Uniti, la proporzione di adolescenti che percepiscono la marijuana come rischiosa è scesa a un minimo storico del 45%.

Come genitore e sostenitore della salute pubblica, sento l'obbligo di educare le persone (specialmente gli adolescenti) sui rischi e i benefici dell'uso pesante di marijuana a lungo termine e sulle potenziali conseguenze del consumo persistente di cannabis sul vostro benessere fisico, psicologico e fiscale essere.

Discutere dei potenziali pericoli del consumo pesante di marijuana e dei disturbi dell'uso di cannabis spesso innesca reazioni feroci e conduce a dibattiti appassionati. Per la cronaca, non ho alcuna forte opinione personale sulla legalizzazione della marijuana. La mia motivazione per scrivere delle ultime ricerche scientifiche sugli effetti collaterali dell'uso pesante di marijuana è quella di educare i lettori, in modo che ogni individuo possa prendere una decisione informata sul suo uso di marijuana.

In una dichiarazione riguardante il più recente studio sul consumo pesante di cannabis e sul rilascio di dopamina, Jeffrey Lieberman, MD, presidente di Psychiatry alla CUMC e past president della American Psychiatric Association, ha concluso: "Queste scoperte si aggiungono al crescente corpo di ricerca che dimostra il potenziale effetti avversi della cannabis, in particolare nei giovani, allo stesso tempo in cui le politiche e le leggi del governo stanno aumentando l'accesso e l'uso ".

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "I neurochimici della felicità"
  • "La spirale verso l'alto di comportamenti salutari e atteggiamenti positivi"
  • "Il corridore è il nostro antidoto evolutivo alla pigrizia?"
  • "Mille motivi per far sudare è la migliore medicina"
  • "Consumare marijuana legalizzata è rilegare schierandosi fuori città"
  • "Dipendenza dalla marijuana a lungo termine legata ai problemi nella vita media"
  • "La cannabis a lungo termine usa la motivazione del trofeo?"
  • "La marijuana ad alta potenza danneggia i collegamenti cerebrali cerebrali"
  • "L'uso pesante della marijuana altera la struttura cerebrale degli adolescenti"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "L'uso pesante di marijuana può ridurre il rilascio di dopamina del cervello"