L’uomo venuto dal ghiaccio Cometh: come O’Neill ha creato il famoso gioco

Uno sguardo alle basi psicologiche di The Iceman Cometh di Eugene O’Neill.

Il dramma The Iceman Cometh, attualmente a Broadway con Denzel Washington come protagonista Hickey, è uno dei più grandi di Eugene O’Neill. È ambientato in un bar di New York con un folto gruppo di alcolizzati incapaci di soddisfare i loro “sogni da pipa”. Tutti attendono i periodici che arrivano al bar del commesso viaggiatore Hickey che li compra tutti i drink, racconta barzellette e saluti loro. Alla fine arriva lì, ma invece di bere e scherzi, insiste sul fatto che ognuno rispetta il suo sogno da pipa mentre lui, Hickey, ha già misteriosamente (ha ucciso sua moglie). Tra le altre devastazioni, uno dei mosconi si suicida.

iceman; used with permission

Fonte: iceman; usato con permesso

Ho studiato il retroscena psicologico di Eugene O’Neill scrivendo questo dramma attraverso un’indagine approfondita di tutti i cambiamenti e le revisioni in manoscritti successivi della commedia conservata presso la biblioteca di Harvard insieme a oltre un anno di discussioni approfondite con l’ultima moglie del drammaturgo, Carlotta O’Neill, riguardo alla loro vita durante il periodo in cui scrisse la commedia.

Con queste scoperte e ricostruzioni delle preoccupazioni di Eugene O’Neill durante la stesura, credo di aver acquisito una comprensione approfondita del suo processo creativo. Tuttavia, voglio sottolineare innanzitutto che questo caso indica ciò che ho suggerito in molte altre ricerche: uno studio dell’opera d’arte completa da solo, senza accesso a dati come manoscritti in corso e informazioni biografiche riguardanti il ​​periodo di scrittura effettivo, non essere in grado di isolare risultati specifici sul processo creativo stesso. Ad esempio, ho scoperto che, al momento della stesura, Eugene O’Neill stava avendo problemi sessuali con Carlotta e stava considerando, se non addirittura commettendo adulterio. Nessuna delle principali recensioni e studi critici o psichiatrici del gioco si riferisce a un problema del genere; solo uno suggerisce un’idea correlata che il tema del gioco è che l’amore è un’illusione. La maggior parte degli studi si è concentrata sulla presentazione teatrale dell’alcolismo e sulla sua connessione con la storia della vita di Eugene O’Neill. Sebbene questo gioco riguardi sicuramente l’alcolismo, e il suo stesso alcolismo è stato genericamente coinvolto, la preoccupazione di Eugene O’Neill per l’infedeltà durante il processo di scrittura indicato da copiose revisioni e rivelazioni di Carlotta O’Neill mi ha portato anche in altre direzioni.

La scoperta ha suggerito un collegamento importante e abbastanza specifico tra un breve racconto di Domani , basato sul suicidio del suo agente Jimmy Bythe, e la decisione di Eugene O’Neill di scrivere la commedia. Jimmy, nella storia di Tomorrow , si è suicidato a causa del rimorso per l’infedeltà di sua moglie. Si era confidato prima in Art (il personaggio che rappresentava lo stesso Eugene O’Neill), ma Art era rimasto in silenzio e sceso al piano di sotto. In seguito, il tonfo del corpo di Jimmy risuonò nel cortile di casa. Chiunque fosse esposto a un’esperienza del genere si sentirebbe sicuramente del tutto colpevole, come Art, non avendo risposto a Jimmy e in qualche modo impedendo il suicidio. Se ciò fosse realisticamente possibile o no, O’Neill stesso si sentì in colpa. Sensi di responsabilità e senso di colpa irrisolti potrebbero quindi essere stati direttamente collegati al suo conflitto sull’infedeltà. Se il vero Jimmy Bythe avesse voluto che sua moglie fosse infedele, Eugene O’Neill si sarebbe sentito assolto dalla colpa del suicidio.

Il senso di colpa per il suicidio è rappresentato concretamente nel gioco attraverso la relazione dei personaggi Larry e Parritt. Parritt, che ha tradito la sua madre anarchica, costantemente muta il suo padre segreto Larry finché Larry non gli dice di uccidersi. Parritt obbedisce, e Larry diventa l’unica persona veramente disillusa nel dramma, attivamente desiderosa di morire. Questa sequenza avrebbe potuto ben rappresentare i sentimenti di Eugene O’Neill durante l’anno del suicidio di Jimmy; si sentiva come se in realtà avesse detto a Jimmy di farlo e quindi non vedeva l’ora che morissero e punissero.

La trama del dramma è doppiamente sfaccettata, riguardante sia un uomo che uccide la moglie che un figlio che tradisce sua madre. Sebbene ci fossero sicuramente molti fattori che portarono a una tale costruzione di trama, entrambe le sfaccettature si collegano a un problema di base spesso coinvolto in una preoccupazione per l’infedeltà: l’ostilità verso una moglie derivante dall’ostilità di una madre. I sentimenti di Hickey verso sua moglie sono altamente ambivalenti. Si convince di averla uccisa per amore e il suo desiderio per lei di avere pace. In realtà, si sente in modo schiacciante colpevole verso di lei perché era stata molto materna con lui e costantemente lo ha perdonato per le sue infedeltà e trasgressioni. Alla fine, rivela la sua vera ostilità e viene portato via per essere punito. Non finendo a quel punto, il dramma continua con un climax drammatico che rivela l’ostilità di Parritt verso sua madre e il suo ultimo suicidio e autopunizione. La sequenza e la struttura degli eventi suggeriscono sicuramente che l’ostilità verso la propria madre è il peccato più grande. Per lo meno, l’idea che l’ostilità nei confronti di una moglie e di una madre siano collegate è inequivocabilmente mostrata nel gioco.

Credo che la preoccupazione di Eugene O’Neill per l’infedeltà, compresi i suoi tratti di ostilità nei confronti delle donne, fosse collegata alla sua ostilità conscia e inconscia ambivalente nei confronti della madre. Che la sua madre tossicodipendente fosse in qualche modo nella sua mente è suggerito dall’uso costante attraverso il gioco del termine pipa dei sogni – un termine che conserva i tratti della sua derivazione dal fumo di oppio. In un punto del manoscritto, Eugene O’Neill in realtà ha scritto le parole dope dreams – molto probabilmente un errore manifesto che ha immediatamente cancellato. La sua scelta dei temi dell’alcolismo e della dipendenza intrattabile da bevitore del saloon era determinata in certa misura da pensieri e sentimenti sulla dipendenza della madre. La scrittura di questa commedia non è stata semplicemente un nostalgico ritorno al passato di un alcolizzato recuperato, come hanno sostenuto alcuni critici, ma più una questione di dissotterrare e di elaborare sentimenti preoccupanti su sua madre.

Fino a questo punto, mi sono concentrato sul contesto emotivo da cui il gioco è sorto. Sebbene ciò serva a sottolineare l’importanza del conflitto emotivo nel determinare il contenuto di un’opera d’arte, i conflitti particolari non sono essi stessi creativi. Prestare particolare attenzione al modo in cui questi conflitti si riferiscono alle idee raggiunte, tuttavia, chiarisce i processi di pensiero unici coinvolti nella creazione di tutti i tipi. O’Neill ha sviluppato l’idea chiave per il gioco attraverso il genio creativo
processo . Questo processo consiste nel concepire attivamente più opposti o antitesi simultaneamente. La nozione germinativa riguardante i sentimenti del suo agente Jimmy Bythe sull’infedeltà consisteva in idee opposte o antitetiche. Nella storia di “Tomorrow”, la sua prima formulazione scritta, aveva dipinto Jimmy come suicida a causa del rimorso per l’infedeltà di sua moglie. Chiaramente, per quanto ne sapeva e capito in quel momento, Jimmy non voleva che sua moglie fosse infedele. Ma nella scrittura di L’uomo venuto dal ghiaccio Cometh diversi anni dopo, Eugene O’Neill era preoccupato di un sentimento opposto, un desiderio o un desiderio di infedeltà. Credo, quindi, che la sequenza degli eventi sia la seguente: intensamente preoccupata per il suicidio di Jimmy per un periodo di molti anni, Eugene O’Neill alla fine ha concluso che Jimmy in realtà aveva entrambi desiderato e non voleva che sua moglie gli fosse infedele. Questo accadeva prima o durante l’attuale processo di drammaturgia, forse mentre Eugene O’Neill stava scrivendo del rimorso di Jimmy. Alimentato dal suo stesso conflitto sull’infedeltà; Eugene O’Neill ha consapevolmente formulato i sentimenti opposti e antitetici.

L’uso di Eugene O’Neill del processo janusiano pervade la creazione di questo gioco. Il simbolo dell’icona degli iceman è stato costruito da un accrescimento graduale di contraddizioni e opposti simultanei. In More Stately Mansions, la commedia su cui lavorava prima di L’uomo venuto dal ghiaccio, Eugene O’Neill fece dire a uno dei personaggi: “Quando finalmente la sposa o lo sposo arrivano, scopriamo che stiamo baciando la morte.” Quindi, all’inizio dello sviluppo di l’idea di un uomo venuto da lui, aveva equiparato la venuta di Cristo, l’atto che prometteva liberazione e la vita eterna, con il suo opposto, l’avvento di una morte desolante. A quel punto, aveva anche identificato uno sposo con una sposa. Nella costruzione successiva del gioco stesso, ha equiparato l’uomo venuto dal ghiaccio, un adultero, con Cristo, l’avversario e antitesi di adulterio. Inoltre, la potenza, la gratificazione e le relazioni sessuali erano uguali a annientamento o morte. L’uomo di ghiaccio adultero che rappresenta la sessualità illecita è, in senso morale, del tutto opposto all’idea simbolica iniziale di uno sposo e di un matrimonio; e unire religione e fede con l’adulterio produce simultanee opposizioni di fedeltà e infedeltà, del sacro e del profano. Infine, le parole stesse producono idee opposte di un banale uomo del ghiaccio insieme con il biblico e il sublime.

Riferimenti

Rothenberg A Creativity and Madness. Johns Hopkins University Press, 1990

Rothenberg, A The Janusian Process in Creativity . Psicologia oggi

Solutions Collecting From Web of "L’uomo venuto dal ghiaccio Cometh: come O’Neill ha creato il famoso gioco"