"L'uomo economico" non voterebbe, ma gli umani lo fanno

Circa un decennio e mezzo fa, la Fondazione MacArthur ha iniziato a sostenere una rete di studiosi liberamente organizzata in economia e altre scienze sociali il cui obiettivo era di discutere le ipotesi sulla motivazione umana su cui tipicamente riposano i modelli economici. L'idea era di vedere se questi presupposti dovevano essere ampliati, sia per meglio tenere conto di importanti azioni umane sia per pensare fuori dagli schemi per affrontare i problemi sociali. Ricordo un articolo di prima posizione scritto per la rete che elencava gli esempi chiave di dove l'ipotesi standard secondo cui le persone si preoccupano solo del proprio benessere materiale viene confutata dall'esperienza quotidiana. Tra questi esempi chiave c'era qualcosa che decine di milioni di americani faranno domani: andare in un seggio elettorale per votare.

Tendiamo a pensare al voto, specialmente in un anno come questo, come qualcosa di profondamente infuso di motivazione economica. In effetti, è il ventesimo anniversario della fortunata campagna elettorale di Bill Clinton, "è l'economia, stupida", e "lo spacciatore in capo", Clinton è di nuovo fuori. Insieme al presidente Obama, sta sollecitando gli americani a non tornare all'approccio economico che i democratici sostengono a causa della crisi che stiamo ancora lottando per uscire. Sfidante repubblicano Mitt Romney ricorda ripetutamente agli elettori che sa come gestire un'impresa ed è quindi quello giusto per portarci fuori dal caos. *

Ma se chiedi a un economista esperto di teoria economica, ti dirà che andare alle urne è una violazione donchisciottesca dei principi della scelta razionale. Questo perché ci sono sempre dei costi, per quanto modesti, nell'ottenere il sondaggio invece di fare qualcos'altro con il tempo che ti serve. E la razionalità richiede che ci assumiamo tali costi solo quando c'è un vantaggio di compensazione. Anche se l'elezione di Obama o di Romney andrà bene per il tuo portafoglio, ciò non giustifica i costi del voto, poiché la probabilità che il tuo voto individuale abbia un effetto sul risultato è estremamente piccola. Quando è stata l'ultima volta che hai sentito di un'elezione decisa con un margine di 1 voto? Nelle gare presidenziali e congressuali degli Stati Uniti, i margini di poche centinaia di voti sono considerati un filo sottile, ma anche in contesti così serrati, nessuno degli elettori punta letteralmente l'esito verso il suo candidato. Lo stesso candidato avrebbe vinto, con o senza il suo voto. Anche se la vittoria del candidato Jane è buona per il portafoglio di Voter Joe, sarebbe successo (o non accadde) con o senza di lui, e avrebbe aiutato il suo portafoglio di più risparmiando sulla benzina o sul biglietto dell'autobus e spendendo il tempo invece di guadagnare un extra dime, trovare una vendita migliore o bilanciare il suo libretto degli assegni.

Allora perché votiamo? Se sei un razionalista ma non un economista, il tuo "Kant interiore" probabilmente sta saltando su e giù, proprio qui, protestando che l'ultimo paragrafo ha sbagliato tutto. Se tutti avessero pensato che il loro voto non facesse alcuna differenza, nessuno avrebbe votato, incluse le poche centinaia che hanno fornito quel margine sottile come un rasoio. Quello che è giusto, dice la nostra coscienza kantiana, è per noi fare ciò che vorremmo che gli altri facessero, e se tutti agiscono di conseguenza, allora per gioco, avremo un'elezione e il candidato più preferito vincerà.

Questa logica è attraente, ma non per il nostro interesse personale nel senso stretto di Homo economicus o "egoista uomo economico". Fa appello, piuttosto, al nostro gruppo animale o natura sociale, come discusso da autori come EO Wilson, Frans de Waal , Jonathan Haidt e nel mio libro, The Good, The Bad, and The Economy . Ci vediamo come membri di gruppi e siamo pronti a coinvolgerci negli affari del gruppo, a volte persino in contrasto con le logiche più individualistiche.

Senza la nostra natura sociale, un governo democraticamente responsabile sarebbe impossibile. Le persone non solo risparmiano tempo e denaro non votando e mai volontariamente per aiutare le campagne politiche. Inoltre, non avrebbero perso tempo a studiare le questioni politiche e le opinioni dei candidati, e non ci sarebbe stata alcuna leva finanziaria per il giornalismo, dal momento che non ci sarebbero stati lettori per giornali e riviste, nessun pubblico per le notizie radiotelevisive . L'unico controllo possibile sulla corruzione del governo verrebbe pagato per il monitoraggio, che a sua volta sarebbe corrotto senza stratagemmi di contro-monitoraggio. Il dollaro non si fermerebbe da nessuna parte, dal momento che non ci sarebbe nessuno che agisce su un motivo diverso dall'inseguimento di quell'onnipotente dollaro.

Sfortunatamente, il calcolo economico influisce sul voto ai margini. Più successo economico può permettersi più facilmente il tempo e i mezzi di trasporto per arrivare alle urne, anche il tempo di approfondire le questioni, e questo più che altro spiega perché votano in numeri più grandi. Questo spiega anche perché la destra politica lavori per rendere più difficile il voto, e perché la sinistra attribuisce molta importanza al suo "gioco di terra".

Vai al tuo seggio domani, se non hai già votato. E quando lo fai, anche se hai intenzione di votare per il candidato che ritieni migliore per il tuo portafoglio, ringrazia le tue stelle fortunate che fai parte di una specie socialista e che c'è qualcosa di noi che ci fa preoccupare per il nostro ruoli come membri di un gruppo, e non di mente singola e solo di noi stessi. Siamo in grado di usare il governo per proteggere i nostri diritti, salute, sicurezza e proprietà, solo perché siamo inclini a pensare come membri di gruppi, se stiamo esercitando le nostre tendenze a metterci prima o fissando i nostri sguardi sul miglioramento della nostra società.

* Ho discusso alcuni modi in cui il voto è influenzato da considerazioni non economiche o non egoistiche in un recente intervento, American Politics e The Two Faces of Fairness.

Solutions Collecting From Web of ""L'uomo economico" non voterebbe, ma gli umani lo fanno"