L'uomo di 400.000 anni

Da dove veniamo tutti

Il dittatore nordcoreano Kim Jong Un ha paura di un femore? Uno che ha 400.000 anni?

Lui dovrebbe essere.

Un fondamento dell'ideologia nordcoreana sin dagli anni '40 è stata l'omogeneità razziale della Corea del Nord e la superiorità su tutti gli altri, in particolare gli americani ibridi. È un modo per mantenere una popolazione affamata sia intimidita che orgogliosa. Siamo migliori di chiunque altro: più intelligenti, più coraggiosi, più furbi, più forti e più puri.

Ma come la maggior parte della storia del regime, è un mito perverso. I nordcoreani, come il resto dell'umanità, sono ibridi, sopravvissuti a molteplici popolazioni che hanno camminato, camminato e fuggito attraverso la terra. E anche se Kim è probabilmente più interessato a consolidare il potere dopo l'esecuzione di suo zio ed ex "reggente", molti altri regimi hanno qualcosa da temere dalle recenti ricerche sulle origini umane.

Puoi ingannare le persone. È più difficile ingannare la natura.

L'uomo di 400.000 anni

È divertente quello che trovi nelle caverne.

Una grotta spagnola ha dimostrato un tesoro di fossili umani. Un recente riesame dei resti scavati ha trovato un femore di 400.000 anni con DNA "recuperabile".

Il lavoro di Svante Paabo e altri – prima pagina nuova sul New York Times – ha scoperto molti "frammenti" di DNA nelle ossa antiche. I ricercatori, per lo più spagnoli, hanno immaginato che il loro vecchio di 400.000 anni, proveniente da un sito pieno di uomini di Neanderthal morti, rappresentasse una "primitiva" forma di Neanderthal.

Invece, il DNA era molto più vicino a un'altra specie umana scomparsa: i Denisovani. I Denisovani furono originariamente scoperti in una grotta in Siberia a circa 6000 chilometri di distanza, dove vivevano da qualche parte tra 40 e 80.000 anni fa, non molto lontano dalla Corea del Nord.

Gli esseri umani di oggi hanno il DNA sia di Denisovans che di Neanderthal.

E questo deriva dalla ricerca che riguarda principalmente i 22.000 geni codificanti le proteine ​​nel DNA umano.

La genetica umana è molto più complicata del solo DNA.

L'epigenetica

Era un principio a lungo prediletto dell'evoluzione darwiniana: le mutazioni sono espresse attraverso i geni. Lo scienziato del XVIII secolo Lamarck, che credeva che le caratteristiche acquisite dai genitori nel corso della loro vita potessero trasmetterle ai loro figli, è stato deriso nei libri di testo di genetica per oltre un secolo.

Tranne che Lamarck aveva ragione.

Un recente esperimento sui topi, riferito alla BBC, ha preso topi ingenui e li ha resi comportamentalmente spaventati dai sapori di ciliegia.

Anche i loro figli e nipoti erano spaventati. E i cambiamenti non potrebbero essersi verificati attraverso le normali mutazioni dei geni.

Questo è solo una parte del campo rianimato dell'epigenetica. Le caratteristiche comportamentali vengono trasmesse alla prole in diversi modi.

Perché c'è molto di più nella genetica dei geni.

Junk DNA e Junk RNA

Molti anni fa ho lavorato brevemente per i biologi testando l'ipotesi "padrone-schiavo" dell'ereditarietà genetica. Come si può intuire dal titolo, la teoria era un non-starter, ma era un buon lavoro tecnico di laboratorio per un diciottenne.

La base della teoria era semplice: la maggior parte del DNA umano appariva non funzionale. Almeno il 98% è stato definito "junk" – sequenze ripetute di sequenze "garbage".

Si scopre che questa "spazzatura" contiene probabilmente da 2 a 20 milioni di frammenti di informazioni che controllano i geni di controllo delle operazioni del DNA. Uno dei "capi" della genetica si nascondeva in bella vista.

E parte di questo controllo non è nemmeno il DNA. Il lavoro di James Rinn ad Harvard, riportato nell'Economist, ha esaminato i topi knock-out con un lungo RNA intergenico non codificante. Questo "lincRNA" è codificato dal DNA in RNA che non viene mai espresso – così come i geni "normali" – nel produrre proteine.

Si scopre che se si butta fuori questo "lincRNA" dai topi, si elimina anche un numero considerevole di topi. No lincRNA, nessuna generazione successiva. I geni di sequenze-non geniche di lincRNA, in effetti, sono necessari per la sopravvivenza.

Gli scienziati sono diventati vittime della loro nomenclatura. Vogliono "geni" per produrre proteine ​​che a loro volta producono cervello e corpi.

È molto più complicato di così.

Umanità ibrida

Recentemente la conduttrice di talk show nera Trisha Goddard ha avuto notizie sorprendenti per il suo ospite, un neo-nazista. Gran parte del "DNA" del suo ospite sembrava venire dall'Africa.

Ciò che è vero per i neonazisti vale anche per il resto di noi: la nostra eredità genetica viene da ogni parte. Gli umani si incrociano da molto tempo.

Abbiamo incrociato a lungo con altri Neanderthal e Denisovani come specie. Quindi non è un tale salto rendersi conto che ci siamo incrociati gli uni con gli altri, nonostante le nostre separazioni per età, gruppo etnico, gruppo tribale, "razza", nazione e classe per un tempo molto, molto lungo.

Il che ci ha fornito una grande forza come specie e ci ha spinto a governare questo pianeta, nel bene o nel male. Per gli esseri umani come tutte le creature viventi vivono, sistemi di informazione rigeneranti, alimentati per caso.

I nostri sistemi di informazione includono i geni che normalmente pensiamo come geni: i 22.000 codificatori di proteine ​​privilegiati amati dalle società di genomica. Includono i meccanismi di informazione dell'epigenetica, il nostro lincRNA, il nostro DNA "spazzatura". Includono i milioni di geni all'interno dei 100 trilioni di batteri nel nostro intestino, che interagiscono con i nostri geni ogni secondo del giorno. Alla fine probabilmente includeranno molte altre strutture di informazioni genetiche e fisiologiche. Perché conoscere la sequenza del DNA di un essere umano potrebbe non dirci molto di più su quella persona che sapere quante volte Shakespeare ha usato le lettere a o s per farci capire il suo lavoro.

Esistono strutture di informazione che non abbiamo ancora intravisto.

E dobbiamo guardare al potente focus del caso sulla vita. Se non ci fossero state così tante ere glaciali che hanno cambiato il clima negli ultimi 100.000 anni, forse la specie umana dominante sul pianeta potrebbe essere stata i Denisovani, o gli uomini di Neanderthal, i piccoli isolani di Flores, o qualche altra popolazione che dobbiamo ancora scoprire .

Per i sistemi biologici di informazioni come la genetica, esiste perché la vita sopravviva a tutto e tutto ciò che viene gettato su di esso. Chissà quali possibilità avranno i nostri futuri ambienti e la nostra sopravvivenza finale.

Al contrario, la maggior parte di noi ha, all'interno di ognuno di noi, la capacità di sopravvivere in ambienti e stress non ancora visti. La biologia riguarda il potenziale: la capacità di assumere ciò che non può essere prevedibilmente previsto.

Paradossalmente, ciò ha reso gli esseri umani più resistenti e più simili. Sotto il cofano siamo molto simili – molto più simili di quanto molti di noi sappiano.

O molti sono disposti a riconoscere.

Solutions Collecting From Web of "L'uomo di 400.000 anni"