L'uomo che ha misurato la lettura della mente

Dovevo avere circa 11 o 12 anni quando ho sentito parlare per la prima volta del campo della psicologia. Vivendo in una piccola cittadina dello Iowa appena ad ovest di Des Moines, ero un esperto di fumetti e Mad Magazine in quei giorni e non molto altro.

Sentendo che il campo della psicologia riguardava "lo studio della mente", immediatamente (ed erroneamente) balzai alla conclusione che la maggior parte degli psicologi passava il loro tempo leggendo le menti altrui o cercando di capire come leggere le menti degli altri. Ho pensato che un giorno, quando fumetti, satira e fantascienza (il mio ultimo entusiasmo) avevano iniziato a perdere il loro fascino, avrei potuto esaminare questo studio psicologico della lettura mentale.

Flash in avanti per i miei anni di college. Ho completato le ore per il mio maggiore inglese in poco più di due anni, e ho realizzato sul modo in cui un giorno di lezione stavo iniziando a trovarlo noioso. D'altra parte, mi piaceva il fatto che la mia area minore, la psicologia, fosse così attendibilmente aperta e priva di chiusura. Ogni volta che hai fatto uno studio nel tentativo di rispondere a una domanda, i dati hanno aperto nuove e interessanti domande che non avevi considerato prima. Alcune persone lo troverebbero frustrante; Mi è piaciuto. Ho capito che se avessi sviluppato una carriera di ricercatore in psicologia, probabilmente non sarei mai annoiato.

Circa un anno dopo aver completato il mio dottorato. in psicologia all'Università del Texas ad Austin, ho deciso di studiare le interazioni iniziali di coppie di estranei (per un resoconto più completo di questo periodo nella mia vita, vedi i Capitoli 2 e 3 nel mio libro del 2003, Everyday Mind Reading). Dopo aver trascorso circa 10 anni a studiare come le caratteristiche e le caratteristiche della personalità delle persone influenzano le loro interazioni iniziali e non strutturate, ho trovato un modo per misurare quanto accuratamente i nuovi conoscenti possano dedurre i pensieri e i sentimenti l'uno dell'altro. E con questa scoperta è nato lo studio dell'accuratezza empatica ("lettura della mente quotidiana").

Ecco come lo facciamo. Portiamo gli estranei insieme per la prima volta fuori dal nostro laboratorio di interazione sociale. A questo punto, si rendono conto che parteciperanno allo studio insieme. Senza presentarli l'uno con l'altro, lo sperimentatore li scorta in una stanza da laboratorio che assomiglia molto a una sala d'aspetto. Gli estranei sono seduti insieme su un divano e gli viene chiesto di aspettare alcuni minuti mentre lo sperimentatore fa una breve commissione. Nel momento in cui lo sperimentatore ritorna (6 minuti dopo), abbiamo catturato in modo discreto l'interazione iniziale delle nuove conoscenze su audio e videocassette, usando una telecamera e un microfono nascosti.

Ovviamente, per utilizzare i nastri come dati, dobbiamo ottenere il permesso dei partecipanti. Quindi spieghiamo la ragione per non aver detto loro in anticipo sulla registrazione (non avrebbero interagito naturalmente tra loro se avessero saputo), e poi hanno chiesto loro di firmare un modulo di rilascio che permettesse di usare il nastro della loro interazione come una fonte di dati. Se entrambi sono d'accordo, bene. Se uno o entrambi dicono no, va bene anche questo; semplicemente cancelliamo il nastro sul posto.

Se entrambi accettano di rilasciare il nastro e partecipano alla fase successiva dello studio (un altro modulo di consenso), sono seduti in cubicoli separati. Un grande monitor TV si affaccia nel proprio cubicolo (è dall'altra parte di una finestra tra il cubicolo e la nostra sala di controllo). Utilizzando un controllo di avvio / pausa collegato a un videoregistratore, ciascuno di essi può visualizzare una copia separata dell'interazione videoregistrata in cui entrambi hanno appena partecipato.

Il loro primo compito è avviare la videocassetta, lasciarla suonare fino al primo punto in cui si ricordano distintamente di aver avuto un particolare pensiero o sentimento, e quindi mettere in pausa il nastro per scrivere il contenuto di quel pensiero o sentimento (in forma di frase) su un forma standard di segnalazione di pensiero / sentimento. Quindi riavviano il nastro, lo interrompono per scrivere il pensiero successivo o il sentimento che hanno, e continuano a farlo finché non hanno completato ciascuno un elenco di tutti i pensieri e le sensazioni che hanno avuto durante la loro interazione insieme.

Il loro prossimo compito è quello di cercare di "leggere" la mente l'uno dell'altro. Spieghiamo che vedranno di nuovo la videocassetta della loro interazione, ma questa volta la interromperemo per ciascuno di quei punti quando l'altra persona (il partner di interazione) ha riferito di avere un pensiero o una sensazione. Il loro lavoro, in ciascuna di queste "interruzioni di nastro", è di cercare di dedurre il contenuto specifico del pensiero o sensazione che il loro interlocutore ha segnalato e di scriverlo (di nuovo, in forma di frase) su una forma standard di inferenza di pensiero / sentimento .

Entro la fine della sessione sperimentale, abbiamo elenchi dei pensieri e dei sentimenti effettivi di ogni conoscente e delle liste dei pensieri e delle sensazioni che hanno pensato che il loro interlocutore avesse segnalato. Chiediamo quindi a valutatori esperti di confrontare il contenuto di ogni pensiero o sentimento reale con il contenuto dedotto dal partner di interazione e valutare l'accuratezza con cui il partner di interazione è stato in grado di dedurre il contenuto del pensiero o sentimento effettivo. Una misura aggregata (combinata) di questi punteggi individuali di accuratezza ci fornisce un indice complessivo di accuratezza empatica. È una misura diretta di quanto bene un interlocutore è stato in grado di "leggere" la mente dell'altro interlocutore.

I miei colleghi ed io abbiamo fatto ricerche empatiche di accuratezza per circa 20 anni, e vi parlerò dei risultati di quella ricerca nei blog futuri. Nel frattempo, penso sia divertente e ironico come la mia errata supposizione infantile su ciò che gli psicologi studiano (la mente e come "leggerli") alla fine mi ha portato a dedicare la maggior parte della mia carriera di ricerca allo studio della "lettura quotidiana della mente" "C'è forse meno distanza di quella che sembrava esserci tra il ragazzo che speculava sulla lettura della mente e l'uomo che la misurava.