L'unico inconveniente di cercare di essere felice

Fonte: morguefile.com

Mi preoccupo per la pressione sulle nuove mamme.

Viene da tutti i lati. Da amici incoraggianti, da familiari amorevoli, da prestatori di cure ben intenzionati. Viene dalla riflessione dei media sull'enfasi posta dalla nostra società sulla genitorialità perfetta, i confronti tra i parchi giochi e forse il peggior colpevole di tutti: viene dall'interno del cuore di una madre, dove lotta con le sue aspettative di perfezione in risposta a questo inesorabile scrutinio.

E se ciò non bastasse, ora siamo tutti inondati da un onnipresente saluto al pensiero positivo e alle chiavi per vivere una vita felice. Le promesse ben intenzionate vanno bene e vanno bene per le persone che cercano modi per modificare il loro pensiero negativo. È un bel grido alle strategie cognitive che si sono dimostrate efficaci interventi per persone che tendono a pensare negativamente.

Ma nessuno parla davvero del potenziale contraccolpo di questa spinta per un pensiero positivo, e mi chiedo se, in alcuni casi, possa far sentire le persone peggio. Le donne dopo il parto mi dicono che provano una tale pressione per essere felici, sembra una cosa in più a cui stanno fallendo. In particolare, le donne che sono depresse.

In un interessante nuovo studio è stato riportato che mentre le fantasie positive sono utili per un umore depresso nel breve periodo, sono associate a una tendenza verso la depressione a lungo termine. I ricercatori sottolineano che indulgere in fantasie positive può impedire di riconoscere gli ostacoli.

Le strategie terapeutiche per l'umore perinatale e per i disturbi d'ansia devono essere prese in considerazione e aiutare le donne a comprendere la raffica di amonie che affermano che la felicità è l'obiettivo finale. A rischio di disilludere molti che cercano sollievo da sintomi aspri e persistenti, non è la felicità a cui si dovrebbe aspirare. Piuttosto, è la tolleranza del proprio stato presente. Solo attraverso l'accettazione, sarà in grado di ricostruire alla fine questo disagio e trasformarlo nel nuovo stato normale che la maternità comanda.

Le donne dopo il parto in difficoltà devono abbassare le loro aspettative. Sforzarsi di essere felici può farli star male più a lungo. Tutti gli articoli entusiasti e le esplosioni dei social media sul pensiero positivo, e il conseguimento dell'equilibrio attraverso le filosofie della maternità consapevole possono essere controproducenti quando i sintomi infuriano. Possono essere utili lungo la strada, quando la natura autoassorbita del pensiero depressivo si è attenuata. Ma fino ad allora, la dichiarazione secondo cui dovrebbero affrettarsi per essere felici quando ogni respiro fa male è semplicemente irrealizzabile.

Pertanto, quando leggi queste direttive appariscenti, fai un respiro profondo, ricorda a te stesso che superare la giornata è abbastanza buono in questo momento e che imparare come essere in pace con il tuo stato attuale è il miglior piano di azione per ora.

Copyright 2016 Karen Kleiman, MSW, LCSW

Solutions Collecting From Web of "L'unico inconveniente di cercare di essere felice"