L'unica parola che ti trattiene

MJTH/Shutterstock
Fonte: MJTH / Shutterstock

A volte ho un'idea di qualcosa che i miei clienti vorrebbero fare o ottenere nelle loro vite. Troppo spesso, però, mormorano l'aspirazione e poi pronunciano la temuta parola:

Ma…

La parola, ma segnala che il cervello del mio cliente ha rapidamente evocato ragioni per non correre rischi, per non fare qualcosa di diverso, o per non chiedere ciò di cui ha bisogno perché potrebbe essere rifiutata.

Lo scopo principale del cervello è di tenerti al sicuro e vivo. Essere divertenti o intelligenti è un bel plug-in che potresti non essere in grado di attivare. Ma se sei addormentato o sveglio, il tuo cervello è sempre in cerca di danni.

Il risultato : non si attribuisce lo stesso peso ai risultati potenzialmente positivi di un'azione come per le minacce e gli scenari negativi. Le tue scelte sono filtrate attraverso questa lente di protezione. E poi il tuo cervello elenca magistralmente tutte le cose brutte che potrebbero accadere e mette in evidenza lo scenario peggiore.

Recentemente ho avuto un cliente che sembra non riuscire a trovare il momento giusto per chiedere al suo capo di ampliare le sue responsabilità. C'era sempre una buona scusa per non aver fatto la richiesta. Ho chiesto, "Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere se chiedi quello che vuoi?" Ha detto che temeva che il suo capo la vedesse come desiderosa del suo lavoro. Ho chiesto, "Cosa succede se lo fa?" In primo luogo, ha ammesso che probabilmente non avrebbe risposto in quel modo e anche se lo avesse fatto, ha detto, lei avrebbe trovato il modo di far girare la sua richiesta in modo che non fosse una minaccia.

Alla fine ho chiesto, "Cosa hai più paura di perdere?" E ha sparso, "Credibilità, il mio attuale lavoro, distanza dal mio capo se lo faccio sentire in colpa … e poi se non dovessi assumerne di più? ”

Una volta che tutte le sue scuse erano sul tavolo, potremmo guardare la realtà di ognuna. Quanto è probabile l'esito negativo? Cosa farebbe se dovesse accadere? Alla fine, il mio cliente non ha trovato una buona ragione per non aver fatto la sua richiesta.

La maggior parte del tempo, le paure che ti impediscono di andare avanti sono i timori di perdere rispetto, credibilità, posizione, significato, considerazione positiva e amore. Cerchi di non sentirti umiliato e imbarazzato, di sembrare stupido, di essere sbagliato e di essere rifiutato.

Il risultato: passi più tempo a difendere l'inazione invece di pianificare le azioni da intraprendere.

La parola ma consente di prendere meno rischi, ritardare i cambiamenti vitali, evitare l'intimità, resistere ai suggerimenti, razionalizzare lo status quo, intorpidire il cervello con sostanze chimiche o intrattenimento senza cervello e diminuire la capacità di vedere opportunità e diversi punti di vista.

SUGGERIMENTO SUCCESSO: riconosci la tua paura per ascoltare.

Prima di poter vedere e ascoltare nuove possibilità, devi riconoscere le paure che potrebbero esistere. Essere onesti. Sii accurato. Cerca le piccole paure che tendi a non notare ma che dirigono le tue scelte. Chiamali anche se sono chiaramente illogici. Poiché il tuo cervello ama proteggerti, le paure piccole e grandi sono accese nella nostra mente tutto il tempo. Le reazioni non hanno nulla a che fare con la logica.

Chiedilo a te stesso…

  • Sono aperto a provare qualcosa di nuovo o a esprimere la mia opinione su questo problema?
  • In caso contrario, quali sentimenti mi stanno fermando: paura, senso di colpa, imbarazzo o rabbia?
  • Che cosa ho paura di perdere, di essere veramente giusto, di sentirmi significativo o di essere apprezzato? Oppure, cosa penso mi stia togliendo: rispetto, amore, attenzione, dignità?
  • Sono disposto a concentrarmi sull'auto-accettazione e sul mio valore e valore oltre la paura di perdere la faccia? In tal caso, cosa mi occorrerà per passare a questo stato d'animo più forte?
  • Cosa farei se non avessi nulla di cui preoccuparmi? E se esistessero solo dei maestri ? Che decisione prenderei se fossi coraggioso?

La consapevolezza di sé è il primo passo per superare in astuzia il tuo cervello. Scopri cosa sta facendo il tuo cervello. Metti in discussione le prime scelte fatte dal tuo cervello per vedere se ci sono altre cose che puoi scegliere. Quindi scegli di agire nel tuo bene più alto.

Trova altri suggerimenti per superare in astuzia il tuo cervello nel mio libro Outsmart Your Brain e sul suo sito web.

Solutions Collecting From Web of "L'unica parola che ti trattiene"