L'unica domanda da porre a ogni terapeuta

Quando ero giovane, 28 penso, gestivo una clinica ambulatoriale con uno staff formidabile. Quando siamo stati in grado di assumere un nuovo terapista familiare, volevo assicurarmi di usare saggiamente l'intervista. La mia prima assunzione era stata una donna intelligente e simpatica che si rivelò essere una brava terapista, ma tutto quello che pensavo durante l'intervista era quanto mi piacesse. Ho iniziato una ricerca per tutta la vita per rendere una valutazione pertinente alla domanda di rinvio, incluso il guardare i genitori dei genitori se possibile. A volte avevo così tanta documentazione sui genitori che quell'osservazione sembrava ridondante. È possibile che potrei ottenere lettere di referenza così forti da rinunciare a un colloquio di lavoro, ma dovrebbero venire da persone di cui mi fidavo.

Ad ogni modo, ho pensato che un buon terapeuta di famiglia dovrebbe essere in grado di fare una valutazione del nostro sistema semplicemente passando attraverso il processo di intervista. L'idea era di costringere il richiedente a pensare sistematicamente nel colloquio piuttosto che fare affidamento sulle promesse che il candidato può fare. Ho chiesto ai candidati: "Immagina di avere questo lavoro e di lavorare qui per cinque anni. A quel punto, entri nel mio ufficio e dimmi che non puoi prenderlo per un altro minuto. Che cosa hai imparato sulla nostra organizzazione finora che potrebbe diventare quel tipo di irritante? "Un candidato scherzosamente disse:" Il mio capo intelligente. "Volevo assumerlo sul posto, ma ci siamo innamorati collettivamente di qualcun altro.

Ho chiesto ai terapeuti di parlare di un caso e di fornire una formulazione del caso in tempo reale. Condividerei un conflitto che stavo avendo con un paziente e chiedevo il loro consiglio. Volevamo qualcuno che potesse contribuire alle conferenze sui casi, quindi avremmo dovuto invitare i nostri candidati e invitarli a contribuire, ma non credo che l'abbiamo mai fatto.

In molti lavori, non sei autorizzato a strutturare le interviste. Le persone non discutono su cosa esattamente stanno cercando, e anche se lo facessero, sarebbero d'accordo solo per nome, non sui particolari, e certamente non su come dire se la persona è intelligente o psicologicamente intenzionata o collaborativa.

Mi sembra che il grosso problema non sia quanto abile sia la persona, o quanto sappiano, ma quanto più esperti intendono diventare, quanto più intendono sapere. Questo è il più grande problema nella psicologia clinica oggi, secondo me. Le persone pensano che conoscere il cervello, condurre ricerche, essere citati nei mezzi di informazione e ottenere sovvenzioni siano gli indizi della competenza. Il più grande ostacolo all'aumento della competenza è l'insistenza che i terapeuti siano altrettanto informati il ​​giorno in cui ottengono la licenza, così come lo saranno per il resto della loro vita. Questa insistenza non è palese; invece, è implicito nello sviluppo di manuali di trattamento, che possono essere implementati indipendentemente dall'abilità del terapeuta. È implicito dall'uso di farmaci, che ha lo stesso effetto indipendentemente da chi lo ha prescritto. È implicato dal fascino con il cervello piuttosto che con l'ambiente, perché i terapeuti – non importa quanto saggi – non intervengono nel cervello, intervengono nell'ambiente. Il fatto che i manuali di trattamento e i farmaci (almeno per l'ansia e la depressione) siano inefficaci non è ampiamente noto, perché il campo dovrebbe riconoscere che l'abilità del terapeuta è insostituibile. (Se pensi che i farmaci siano efficaci, leggi Whitaker e Cosgrove's Psychiatry Under the Influence . Per i manuali di trattamento, google Jonathan Shedler e "Dov'è la prova della terapia basata sull'evidenza?")

I giovani clinici dopo l'allenamento preferiscono comprensibilmente pensare a se stessi come se avessero appena finito qualcosa, come se fossero arrivati ​​da qualche parte. I buoni, però, pensano a se stessi come se fossero appena all'inizio. Preferirei avere un terapeuta saggio e competente che è più vecchio di me, ma preferirei avere un giovane terapeuta saggio piuttosto che uno più anziano, esperto. Il tipo di persona che capisce di essere in un viaggio di scoperta rispetto alla padronanza del mestiere della sua professione è il tipo di persona che può coinvolgere un paziente in un viaggio di scoperta.

Quindi l'unica domanda che pongo sempre è: "Che cosa stai facendo in questi giorni per assicurarti di essere un clinico migliore l'anno prossimo di quello di quest'anno?" Ci sono molte buone risposte, anche se la lettura è la migliore. Tutte le risposte portano a domande di follow-up su ciò che hai appreso e su come lo hai applicato a un caso particolare.

Quando ci pensi, una prima seduta con un terapeuta è una specie di colloquio di lavoro, in cui il paziente sta pensando di assumere il terapeuta per aiutare con i problemi della vita. Penso che sarebbe fantastico chiedere al terapeuta questa domanda, anche se posso capire la tua riluttanza a sfidare il tuo terapeuta. Voglio dire, se hai intenzione di chiederlo, potresti anche iniziare a esprimere la curiosità sul perché lei ci chiami così tanto, perché parla di se stessa, e perché dia consigli che potresti ottenere su internet. Eppure, un terapeuta che pensa che stia bene a costa non è certo una pubblicità per il cambiamento.

Solutions Collecting From Web of "L'unica domanda da porre a ogni terapeuta"