L’umanità è sopravvalutata?

Cosa succede quando la tecnologia più intelligente, più veloce e più forte si fonde con la compassione?

Pixabay

Fonte: Pixabay

Il dibattito infuria. Mentre la compassione e la prospettiva della mente umana si scontrano con gli zeri e quelli dell’intelligenza artificiale, ci troviamo a mettere in discussione alcuni aspetti basilari della cura clinica e persino l’umanità stessa. Siamo ad un punto di inflessione nella storia umana e ammiriamo la luminosità della singolarità incombente.

Bene, almeno alcuni di noi lo fanno. Altri, forse radicati in un mondo più pratico, considerano la tecnologia un’estensione dell’umanità e offrono i progressi dell’intelligenza artificiale meno come l’intelligenza artificiale e più come IA: l’intelligenza aumenta.

Scommetterei che il consenso per l’argomento è il secondo. Dopotutto, siamo la sostanza dei sogni e rievociamo la maestosità dell’universo grazie ai sistemi unici e superiori dell’elaborazione e della percezione umana. I nostri cervelli sono i supercomputer che definiscono lo standard. Ma sto cominciando a chiedermi se la nostra umanità sia un po ‘fragile. Le nostre ossa si spezzano. Le nostre articolazioni si logorano. I nostri muscoli si atrofizzano. E mentre i nostri cervelli possono rimanere incredibilmente forti durante tutta la nostra vita, vediamo ancora che le devastazioni della malattia portano il loro pedaggio anche lì.

Eppure i profondi progressi nella tecnologia della salute permetteranno la vera emersione del “superuomo” e offriranno una realtà che è “super-umana”. L’ubriachezza della tecnologia solleverà molte domande e ci costringerà a guardare il mondo in modi diversi – e queste prospettive metteranno in discussione credenze da lungo tempo che, per molti, sono il fondamento della società.

È inevitabile Più intelligenti, più veloci e più forti si fonderanno con i punti di contatto più morbidi di compassione, empatia e impegno per rivelare qualcosa di simile a un modo al capezzale che è prevedibile e affascinante.

Anche l’evoluzione di qualcosa di semplice come i chatbot può esprimere questa idea. Ieri, le conversazioni di chatbot erano goffe, nel migliore dei casi. Sono stati in gran parte ideati e hanno fornito una comunicazione o un impegno molto limitati. Oggi è cambiato. E domani questi dialoghi limitati potrebbero essere indistinguibili dalle chat umane.

Ma questo manca il punto. La conversazione sarà effettivamente migliore in molti modi utili e importanti. Non ci sarà alcun problema di imbarazzo nel discutere di condizioni o preoccupazioni di salute confidenziali. L’impegno sarà ottimizzato attraverso la lingua, l’istruzione e persino il genere. In poche parole, i chatbots di prossima generazione forniranno un’esperienza superiore a quella vecchia, noiosa cosa che chiamiamo conversazione umana.

Gli esempi saranno visti attraverso la medicina, dal prendere una storia clinica ottimale per una facile assimilazione dello tsunami di dati – da quelli pubblicati a quelli personali – che guidano l’innovazione e la cura.

Le nostre capacità umane vengono eclissate dalla tecnologia. E mentre sosteniamo l’umanità come la forma di vita definitiva nell’universo, dobbiamo porci una semplice domanda: la tecnologia e l’ultima grande invenzione dell’uomo di IA?

Ci aggrappiamo alla nostra umanità come una coperta per bambini. Ci tiene al caldo e offre un senso di comfort. Ma la realtà di domani sarà molto diversa. Poiché l’empowerment dei pazienti e l’accessibilità dei dati stabiliscono una natura più collaborativa della pratica clinica, questa dinamica incorporerà la tecnologia e ridefinirà l’esperienza umana. La tecnologia diventerà noi e diventeremo tecnologia. E le nostre paure miopi si trasformeranno in una nuova realtà che dà vita a qualcosa di più umano, più capace e più profondo.

Solutions Collecting From Web of "L’umanità è sopravvalutata?"