Luci brillanti, grandi città e fibromialgia

Nel mio ultimo blog, ho descritto la ricerca sui ratti, i cui risultati hanno indicato che la terapia della luce può avere un impatto positivo sul dolore.

Tuttavia, gli esseri umani meritano anche qualsiasi beneficio derivante dalla terapia della luce, sono sicuro che molti sarebbero d'accordo. E ci sono indicazioni che gli esseri umani possano effettivamente beneficiare della terapia della luce.

La ricerca presentata all'inizio di quest'anno all'Assemblea annuale delle Associate Società del sonno professionali ha descritto un piccolo studio, che ha coinvolto 10 soggetti con fibromialgia, che sono stati esposti a trattamento con luce intensa, il cui esito misurato è il grado di miglioramento del dolore e della funzione.

Ai soggetti, a tutte le donne, è stato permesso di dormire a casa, mantenendo il loro programma di sonno per una settimana, seguito da un pernottamento nel laboratorio del sonno. Nel laboratorio del sonno, i ricercatori hanno valutato la funzione di base (Fibromyalgia Impact Questionnaire [FIQ]), la sensibilità al dolore (soglia di calore e tolleranza) e il timing circadiano (insorgenza di melatonina scura).

Dopo la notte nel laboratorio del sonno, le donne sono state assegnate in modo casuale a sei giorni di trattamento alla luce mattutino o serale, in modo tale che sei soggetti si sono sottoposti a un trattamento di luce mattutina domiciliare auto-somministrato e quattro hanno subito un trattamento leggero serale. Questi interventi sono stati realizzati utilizzando light box un'ora al giorno. In seguito, sono stati misurati nuovamente la funzione, la sensibilità al dolore e il timing circadiano.

Non sono stati segnalati effetti collaterali.

Mentre i trattamenti di luce mattutina e serale hanno portato a miglioramenti nella funzione e sensibilità al dolore, è stato osservato che solo il trattamento della luce del mattino ha portato a ciò che i ricercatori hanno descritto come miglioramento clinicamente significativo della funzione (definita come una riduzione del 14% in FIQ) e dolore soglia.

Interessante è anche il fatto che questo studio ha rilevato che l'esposizione alla luce del mattino ha aiutato ad anticipare il tempo di sonno dei soggetti, permettendo loro di addormentarsi prima. È sempre interessante trovare modi per migliorare il sonno, che è noto per avere un impatto positivo sui sintomi della fibromialgia, ma anche molti altri aspetti della propria vita.

Certamente può accadere che i primi tempi di sonno, e meno irrequietezza durante la notte, conducano a una minore "nebbia dei fibro" al mattino, migliore tolleranza al dolore, riduzione del dolore e miglioramento della funzione.

Certamente, come si sarà mai in grado di eseguire uno studio clinico controllato con placebo sulla terapia della luce per la fibromialgia è una questione completamente diversa.

Solutions Collecting From Web of "Luci brillanti, grandi città e fibromialgia"