L'overselling di Ed Tech

Forse non dovremmo sorprenderci se l'idea di usare la tecnologia digitale in classe tende ad essere amata o odiata. Dopotutto, tutto ciò che è digitale consiste solo di uno o zero. Al contrario, la mia posizione è da qualche parte nel mezzo, un luogo in cui spesso non mi trovo, francamente. Non sono alleato con i Waldorfiani, che bandiscono i computer dalle scuole elementari e medie, ma non ho molto in comune con gli insegnanti la cui eccitazione per le ultime esportazioni dalla Silicon Valley spesso sembra davvero orgasmica.

Fondamentalmente, la mia risposta a ed tech è "Dipende". E una considerazione chiave da cui dipende è la motivazione fornita per supportarlo.

Alcune persone sembrano attratte dalla tecnologia fine a se stessa, perché è bello. Questo mi sembra una ragione non convincente per spendere una gran quantità di denaro, soprattutto perché l'eccitazione è generata e continuamente aggiornata dalle società che ne traggono profitto. Le loro pubblicità in periodici di educazione, stand in conferenze e organizzazioni di difesa stanno vendendo non solo tipi specifici di software ma l'intera idea che la tecnologia è di rigore per qualsiasi scuola che non vuole rischiare di essere etichettata come "20 ° secolo".

Altre persone, in particolare i politici, difendono la tecnologia con la motivazione che manterrà i nostri studenti "competitivi nell'economia globale". Questa giustificazione generica è stata invocata per supportare altre politiche discutibili, tra cui quelle altamente prescrittive, taglia unica standard del curriculum nazionale. Si basa su due premesse: che le decisioni sull'apprendimento dei bambini dovrebbero essere guidate da considerazioni economiche e che le persone in altri paesi dovrebbero essere viste principalmente come rivali da sconfiggere.

Ma la logica della tecnologia che trovo più inquietante – nonostante, o forse a causa del fatto che raramente viene resa esplicita – è l'idea che aumenterà la nostra efficienza. . . insegnando nello stesso modo in cui i bambini sono stati istruiti per un tempo molto lungo. Forse non è sfuggito alla tua attenzione sul fatto che ed tech è appassionatamente abbracciato da scuole molto tradizionali: il loro polso istituzionale accelera su qualunque cosa sia l'istruzione all'avanguardia che è fusa, capovolta, digitalmente personalizzata. Questo apparente paradosso dovrebbe darci una pausa. Nonostante le dichiarazioni in stile aziendale sui vantaggi di "innovazione" e "interruzione", le nuove forme di tecnologia in classe si adattano perfettamente a un modello vecchio stile che consiste nel riversare un mucchio di fatti in contenitori vuoti.

Non possiamo rispondere alla domanda "La tecnologia è utile nelle scuole?" Fino a quando non ci siamo cimentati con una domanda più profonda: "Che tipo di apprendimento dovrebbe aver luogo in quelle scuole?" Se preferiamo un approccio con cui gli studenti costruiscono attivamente il significato , un processo interattivo che implica una profonda comprensione delle idee e emerge dagli interessi e dalle domande degli stessi studenti, quindi saremmo aperti ai tipi di tecnologia che supportano veramente questo tipo di indagine. Mostrami qualcosa che aiuti i bambini a creare, progettare, produrre, costruire, e io sono a bordo. Dimostrami qualcosa che li aiuti a creare le cose in modo collaborativo (piuttosto che da sole), e sono ancora più interessato, anche se è importante tenere presente che l'apprendimento significativo non richiede mai la tecnologia, quindi anche qui dovremmo obiettare ogni volta che siamo ha detto che il software (o un dispositivo con uno schermo) è essenziale.

Molto più comuni, in ogni caso, sono esempi di tecnologia che danno per scontato, e in definitiva aiutano a perpetuare, un'istruzione tradizionale incentrata sull'insegnamento che consiste principalmente nella memorizzazione di fatti e abilità pratiche. Preparare una lezione con uno SmartBoard, caricare un libro di testo su un iPad, cercare fatti online, provare le competenze con un "sistema di apprendimento adattivo", scrivere risposte alle domande dell'insegnante (o della cartella di lavoro) e caricarle su Google Docs: questi sono esempi di come la tecnologia possa rendere il processo un po 'più efficiente o meno deprimente, ma non fa nulla per sfidare la vecchia pedagogia. Al contrario: sono cose brillanti che ci distraggono dal ripensare il nostro approccio all'apprendimento e ci rassicurano sul fatto che siamo già innovativi.

Ancora più preoccupanti sono le varianti di ed tech che trattano gradi e test, rendendoli ancora più distruttivi di quanto non siano già: mettendo i voti online (aumentando così la loro salienza e i loro effetti dannosi), usando il computer per amministrare i test e i saggi, e impostando una valutazione "incorporata" commercializzata come "basata sulla competenza". (Se il tuo istinto è quello di chiedere "Che tipo di competenza? Non è solo un comportamentismo riscaldato?" ovviamente non hai ancora bevuto il Kool-Aid .) Quelli di noi che una volta hanno parlato contro gli esami annuali standardizzati sono stati presto angosciati nello scoprire che gli studenti venivano fatti prendere più volte l'anno, compresi i test di "benchmark" per prepararli agli altri test. Ma non avremmo potuto immaginare che le aziende avrebbero cercato di venderci, o, tragicamente, che gli amministratori e i consigli scolastici sarebbero disposti ad acquistare dispositivi distopici che fondamentalmente testano i bambini (e raccolgono e archiviano dati su di loro) continuamente. Persino il compianto Jerry Bracey non immaginava che le cose potessero diventare così negative quando si riferiva a come stavamo sviluppando la capacità di "fare in nanosecondi cose che non dovremmo fare affatto".

Se non hai pensato molto al tipo di vita intellettuale che potremmo desiderare che le scuole promuovano, potrebbe sembrare eccitante "imparare a personalizzare" o "personalizzare" l'apprendimento. Ma come ho sostenuto non molto tempo fa, non dovremmo confondere l' apprendimento personalizzato con l' apprendimento personale . Il primo consiste nell'adattare il livello di difficoltà degli esercizi prefabbricati basati sulle competenze in base ai punteggi dei test degli studenti e richiede l'acquisto di software. Il secondo prevede di lavorare con ogni studente per creare progetti di scoperta intellettuale che riflettano i suoi bisogni e interessi unici, e richiede la presenza di un insegnante attento che conosce bene ogni bambino.

Anche se fossimo disposti a utilizzare i punteggi dei test come misura del successo – cosa che in genere non raccomando – una recente revisione ha rilevato che gli studi sull'istruzione personalizzata basata sulla tecnologia "mostrano risultati misti che vanno da impatti modesti a nessun impatto", nonostante il fatto che è notevolmente costoso. In effetti, la tecnologia di vario tipo ha fatto notizia ultimamente per ragioni che non possono essere ben accolte dai suoi sostenitori. Secondo un articolo di Education Week , "una serie di sondaggi nazionali e regionali suggeriscono che gli insegnanti hanno molte più probabilità di usare la tecnologia per rendere più semplice il proprio lavoro e integrare strategie didattiche tradizionali piuttosto che mettere gli studenti sotto controllo del proprio apprendimento". L'autunno scorso, nel frattempo, l'OCSE ha riportato risultati negativi quando gli studenti trascorrevano molto tempo con l'uso del computer, mentre il Centro per la ricerca sui risultati dell'istruzione della Stanford University (CREDO) ha concluso che le scuole charter online erano fondamentalmente un disastro.

Lucidi critici della tecnologia e della tecnologia più in generale, sono stati offerti da educatori e altri scienziati sociali per qualche tempo. Vedi, per esempio, il lavoro di Larry Cuban, Sherry Turkle, Gary Stager e Will Richardson. (Davvero, guarda il loro lavoro, vale la pena leggerlo.) Ma i loro argomenti, come i dati disponibili che non mostrano molti benefici, non sembrano rallentare la frenesia dell'alimentazione. Ed tech si sta facendo strada sempre più anche nelle aule per bambini piccoli. E il governo federale sta spingendo questa roba senza riserve: dai un'occhiata al piano 2016 della US Office of Education Technology che raccomanda un maggiore uso della valutazione "embedded", che "include raccolta e condivisione di dati in corso", oltre a uno sviluppo che sembra inevitabile in retrospettiva , un programma basato sulla tecnologia per promuovere una "mentalità di crescita" nei bambini. C'è molto di più in questo piano, praticamente tutto, come sottolinea la blogger Emily Talmage, stranamente allineato con la lista dei desideri del Digital Learning Council, un gruppo costituito in gran parte da gruppi di difesa conservatori e fondazioni e società con interessi finanziari in promuovendo la tecnologia.

C'è una sensazione da brivido sul modo in cui i distretti versano denaro nei computer e nei programmi software – denaro che è assolutamente necessario per, diciamo, assumere insegnanti. Ma anche se la tecnologia ed è stata adottata con la stessa ponderazione dei suoi sostenitori, ci rimangono ancora ragioni profonde per preoccuparci del modello antiquato di insegnamenti che aiuta a preservare – o almeno non ci aiuta ad andare oltre. Impegnarsi in un apprendimento significativo ci impone di vedere le testimonianze per la tecnologia con un valore di scetticismo da un terabyte.

Solutions Collecting From Web of "L'overselling di Ed Tech"