Lottando via la paura del fallimento

Una delle cose più difficili che abbia mai fatto come addestratore di animali civili per la Marina degli Stati Uniti è stato insegnare a un delfino che andava bene a fallire.

Come un vicepreside che eredita il figlio del problema campione del settimo grado, ho ereditato Flip dai suoi gestori di flotte perché avevano deciso che aveva bisogno di un "retrofitting comportamentale".

Quando l'ho incontrato, Flip somigliava molto a molti umani cresciuti in un ambiente di alti risultati: era arrivato a credere che il fallimento non fosse un'opzione. Mai. Infatti, sulla base delle sue esperienze, Flip aveva buone ragioni per temere il fallimento. Quello che non sapeva era che era la paura e non il fallimento che stava ostacolando.

Condizionato a credere che qualsiasi insuccesso sarebbe stato rapidamente seguito da una punizione, Flip aveva imparato a fuggire rapidamente dalla scena ogni volta che faceva un errore che i suoi non-supportanti manipolatori umani potevano interpretare come un crimine comportamentale. Il problema era che Flip non era un delfino dello stadio; ha lavorato nelle acque aperte della baia di San Diego e potrebbe scomparire nell'Oceano Pacifico ogni volta che ha scelto.

La prima cosa che Flip ha dovuto imparare è che non ci saranno più dure punizioni da temere. Sfortunatamente, affinché quella lezione potesse prendere piede, avrebbe dovuto sperimentare ulteriori fallimenti, probabilmente ripetutamente – e quella era una prospettiva che aveva già dimostrato di non apprezzare esattamente.

Pochi di noi.

Una delle cose che ho imparato quando ho iniziato a insegnare nei corsi di scrittura del college è che noi umani ci troviamo spesso in situazioni simili a quelle di Flip. Scoraggiati da esperienze dolorose precedenti con l'apprendimento, molti studenti universitari (specialmente durante i loro primi semestri) hanno la tendenza ad arrivare in ritardo alla lezione o non frequentano affatto il classico comportamento di evitamento.

Per aiutarli a superare l'ostacolo, una delle cose che cerco di fare è ingegnosamente (e gradualmente!) Ingegnerizzare una piccola serie di fallimenti di bassa posta.

Dal momento che siamo tutti obbligati a sperimentare i fallimenti durante il percorso verso la padronanza di qualcosa di nuovo, è spesso utile che gli errori iniziali siano pianificati da un coach, un allenatore o un insegnante incoraggiante in modo che possano essere vissuti in sicurezza per quello che sono: opportunità per prova un nuovo approccio nella ricerca di qualcosa che funzioni in modo più efficace. I fallimenti dovrebbero essere circondati da molti successi, che possono anche essere integrati nel processo di apprendimento.

Una delle chiavi per progredire è una comunicazione onesta e inequivocabile sulle aspettative durante ogni fase della curva di apprendimento ascendente verso l'alto. Più facile a dirsi che a farsi visto che nessuno – insegnanti e formatori inclusi – vuole essere una coperta bagnata quando si tratta del duro lavoro di qualcun altro.

Ammettiamolo, spesso richiede meno sforzi per dire qualcosa di gentile e incoraggiante piuttosto che gentile e costruttivo. Ma prima di prendere la via più facile, pensa ai tuoi sforzi passati per imparare qualcosa di nuovo. È confuso essere sul lato ricevente di messaggi misti. Piuttosto che confondere fino alla frustrazione, è molto meglio essere chiari su quali sforzi costituiscono il successo e quali lasciano margini di miglioramento.

Con un po 'di empatia, il fallimento può essere comunicato in modo chiaro e gentile – quando sia l'insegnante che lo studente sono membri della stessa specie e parlano la stessa lingua. Che succede, però, quando uno di voi è un delfino?

Nel caso di Flip, i flussi costanti di ricompensa sotto forma di spuntini di pesce sono stati consegnati per qualsiasi cosa e cosa ha fatto bene – e sono stati interrotti per scelte comportamentali che lo hanno distratto dal suo obiettivo.

Uno dei compiti di Flip era di seguire una barca nelle acque aperte della Baia di San Diego dove, per un delfino curioso, ci sono molti punti di interesse sotto la linea di galleggiamento. Finché Flip rimaneva al bordo della barca, venivano ricompensati tutti i tipi di comportamenti: uno sguardo che roteava gli occhi verso l'allenatore, un calcio particolarmente potente della poppa per mantenere il ritmo, o qualsiasi cambiamento di movimento (non importa quanto piccolo) che lo avvicinava più vicino alla barca.

Ma uno sguardo di traverso verso l'entrata della baia o una raffica di bolle che segnalava una vocalizzazione mentre passava vicino ai suoi amici delfino (non chiacchierare durante la lezione, per favore!) – e la sua scia di snack di pesce si asciugò all'improvviso, a almeno per il momento. Nessuna punizione dolorosa, solo un'interruzione della ricompensa.

All'inizio, anche quella piccola interruzione era troppo per Flip da gestire. Temendo il peggio, si trascinava oltre le onde, convinto che il suo fallimento gli avrebbe procurato una punizione. Invece, la barca si fermò costantemente, fermandosi e girando di tanto in tanto per dare a Flip la possibilità di cambiare idea e riprovare.

Ogni volta che si avvicinava alla barca, Flip fu accolto da ondate di mani e pugno di pesce entusiaste piuttosto che dai rimproveri che si aspettava. Ci furono alcuni lunghi giorni di pausa e girando intorno alla barca prima che Flip fosse finalmente convinto che uno sforzo consistente era tutto ciò che gli veniva realmente chiesto.

Nel giro di pochi mesi, Flip emerse dal suo bozzolo di paura per diventare uno dei principali candidati ai delfini per il reclutamento in un progetto sponsorizzato dal Pentagono per far progredire la comprensione scientifica delle capacità del sonar dei delfini. Il compito richiederebbe a Flip di eseguire volontariamente dozzine di comportamenti complessi in collaborazione con i principali ricercatori acustici. E volontario ha fatto. La Marina ha un video per dimostrarlo. Chi dice che non va bene fallire?

Copyright © Seth Slater, 2012

Solutions Collecting From Web of "Lottando via la paura del fallimento"