Lotta contro la sindrome di Imposter

Come recuperare la fiducia.

Flickr

Fonte: Flickr

Alle aziende, alle scuole e alle organizzazioni di tutto il paese le persone di talento dubitano silenziosamente di essere qualificate o abbastanza brave. Stanno anche vivendo nel timore costante che qualcuno scoprirà che sono delle frodi.

Questo pervasivo senso di insicurezza è chiamato sindrome dell’impost. La sindrome di Imposter può colpire anche i professionisti più competenti e di alto livello, e non è sempre facile dire chi è interessato.

La sindrome di Imposter è caratterizzata da sentimenti di incompetenza, inadeguatezza o frode percepita. Spesso sperimentato da individui di alto livello, una persona con la sindrome di impotenza ha un’esperienza interna di sentirsi persistentemente come un falso, un falso o una frode. Si preoccupano che altre persone scopriranno di non essere competenti o capaci, nonostante i successi oggettivi.

I sintomi includono ansia generalizzata, sintomi depressivi, mancanza di fiducia in se stessi, preoccupazione, introversione, ansia di tratto, necessità di apparire intelligenti agli altri e propensione alla vergogna.

La sindrome di Imposter è dannosa per le carriere e le relazioni delle persone. Può portare a bruciare quando le persone producono per dimostrarsi. Le persone possono anche perdere opportunità perché non si sentono degne o capaci, nonostante siano abbastanza competenti. A casa, la sindrome di imposter può avere un impatto negativo sulle relazioni. I partner e le famiglie possono soffrire quando le persone trascorrono troppo tempo cercando di mettersi alla prova sul lavoro e passare meno tempo con i propri cari.

Per fortuna, ci sono una varietà di modi per combattere la sindrome dell’impost. Questi suggerimenti possono aiutare le persone con sindrome di imposter a riprendersi:

1. Prestare attenzione a ciò che stai dicendo (metacognizione).

Chiedi, questo pensiero aiuta o mi ostacola? Questo pensiero è vero? Le terapie basate sulla consapevolezza possono aiutare le persone a riflettere su sentimenti angoscianti associati alla sindrome di impotenza e promuovere metodi più compassionevoli e accettanti di relazione con se stessi. Le terapie comportamentali cognitive possono aiutare a identificare e sostituire schemi di pensiero disadattivi, come “tutti scopriranno che sono incompetente”.

2. Elenca i tuoi successi.

Un sacco di persone dimenticano i loro risultati e si concentrano sui loro fallimenti. Fai uno sforzo consapevole per monitorare le tue vincite. Se ti trovi a dubitare della tua capacità di completare un progetto o un nuovo obiettivo, estrai l’elenco per ricordarti dei tuoi successi passati.

3. Cercare la convalida interna anziché quella esterna

Le persone che percepiscono la frode percepita sono spesso incapaci di interiorizzare i loro successi e cercare una convalida esterna, al contrario di quella interna. Chiedere consulenza per lavorare sull’aumento della convalida interna e sulla riduzione della fiducia nella convalida esterna. Se dipendi dalla convalida interna, puoi avere il controllo su come ti senti rispetto a te stesso invece di lasciare che le opinioni di altre persone diano come vedi te stesso e le tue abilità.